Cheesecake express senza cottura

cheesecake 1

Ultimamente sto rivedendo le puntate di Nigella sul Gamberorosso e ieri sera sono incappata in questa cheesecake express in pieno stile Nigella Lawson e l’ho voluta provare anche perché il mio ultimo tentativo di cheesecake senza cottura era stato un disastro! Questa invece è una torta veloce da fare, non richiede troppi sforzi, non bisogna neanche accendere il forno ed è davvero ottima! La “furbata” è la crema preparata con il lemon curd e il vostro cream cheese preferito: si mescolano i due ingredienti ed ecco fatta un ripieno fantastico senza dover montare la panna, usare gelatine né uova o altre complicazioni inutili! Una bella cascata di frutti di bosco, qualche fogliolina di menta ed ecco creata una cheesecake perfetta per l’estate!

cheesecake 4

Ingredienti per una torta:

  • 250 gr di biscotti tipo digestive
  • 60 gr di burro fuso
  • 400 gr di robiola o altro formaggio fresco cremoso
  • 250 gr di lemon curd di ottima qualità (io uso il Wilkin & Sons)
  • 300 gr di frutti di bosco assortiti
  • qualche fogliolina di menta

cheesecake 2

Preparazione:

Tritate nel mixer i biscotti, unite il burro fuso e azionate nuovamente fino a creare un composto sabbioso. Distribuite il composto sul fondo e lungo i lati di una tortiera antiaderente con il bordo a cerniera o con il fondo amovibile. Mettete lo stampo rivestito di biscotti in freezer per almeno 15 minuti.

Nel frattempo con le fruste elettriche mescolate il formaggio fresco con il lemon curd fino ad ottenere un composto omogeneo e distribuite la crema nel guscio di biscotti precedentemente preparato.

Mettete la torta in frigorifero per almeno 8/12 ore, in modo che la crema si rassodi bene e al momento di servire decorate con i frutti di bosco e le foglioline di menta a piacere.

cheesecake 3

BOOK REVIEW: California Bakery – i dolci dell’America – di Alessio Baù

californiaIn molti dei post che scrivo potete leggere di California Bakery, già perché adoro preparare torte e dolci americani e per le ricette mi sono sempre affidata a quelle di California Bakery, rinomato forno americano a Milano, e posso proprio dire che non sono mai stata delusa!  Dopo aver fatto diverse merende e brunch nei  loro tipici localini ho acquistato il libro per poter preparare in casa torte, biscotti e altre dolcezze!

california 6

Ma veniamo al libro: mi piace perché è un bel mix tra le ricette e il racconto delle origini del California Bakery. Trattasi di un imprenditore, Marco, che ha rilevato il primo locale dall’originaria proprietaria, Carol, una signora americana che gestiva da sola il piccolo negozio in corso Magenta a Milano producendo quattro torte e una teglia di muffin al giorno. La storia di Marco, manager di una agenzia pubblicitaria che si è licenziato e ha venduto la sua BMW per comprare il California Bakery è piena di passione ed è un esempio vincente di un progetto che, quasi dal nulla, è diventato un punto di riferimento in tutta Milano.

california 4

I capitoli sono scanditi dai racconti dei cinque personaggi che hanno contribuito al successo dei locali e da racconti tematici sui capisaldi del concept California Bakery come la vaniglia, il caffè, il legno e i clienti. Le ricette vanno dalle cheesecake alle apple pie, dai muffin ai pancake, dai brownies ai cookies e non mancano torte e lievitati salati. Tra le mie ricette preferite ci sono: la cheesecake classica e la versione choco coffee, la poppy seed citrus cake ovvero una torta spugnosa ai semi di papavero imbevuta con uno sciroppo al limone che la rende umida e golosissima, la chocolate pecan pie, da fare almeno una volta nella vita e i brownies da preparare al volo quando si ha fretta ma non si vuole rinunciare al dolce!

california 2

Mi piace perchè: rispetto a quasi tutti i libri di ricette americane che hanno gli ingredienti espressi in cup, questo è in gr/ml pur essendo presente la misura americana per chi volesse preparare i dolci nella maniera tradizionale americana. Alla fine è presente anche una tavola di conversione delle misure. Inoltre non è una semplice raccolta di ricette ma una storia di successo che affascina fin dalla prima pagina e fa venire voglia di bere una tazza di caffè fumante in compagnia di una fetta bella grossa di cheesecake.

california 3

Quindi: libro consigliatissimo per gli amanti dei locali California Bakery e per chi volesse avere ricette collaudate dei capisaldi della pasticceria Newyorkese/Californiana per dolci che riescono “al primo colpo”.

california 5

Idea regalo: insieme al libro potete abbinare una teglia per muffin o un set con i misurini delle cup e spoon per gli appassionati del metodo americano.

california 7

Chocolate lime cheesecake

lime cheesecake 1

Ho visto fare questa torta da Nigella Lawson durante una punta di Nigella Bites sul Gambero Rosso channel e non ho saputo resistere, l’ho inserita nella mia lista di ricette “to do” e oggi è arrivato il suo turno finalmente! E’ una cheesecake alternativa perchè ha la base di biscotti al cacao e la crema al lime! Il composto a base di robiola rimane morbido e setoso per via della cottura a bagnomaria che consente di rassodarlo senza farlo indurire troppo. Visto che non sono contenta se non combino qualche disastro vi confesso che quì ho avuto 2 incidenti di percorso: ho lasciato troppo a lungo la torta nel forno (non ho sentito il timer) e quindi è venuta un pò troppo overcooked e ho sbagliato le proporzioni tra crema e base di biscotti (errore mio nella conversione dalle misure americane). Voi non preoccupatevi, la ricetta qui sotto è giusta e la trovate anche qui.

lime cheesecake 3

Ingredienti per una torta di circa 25 cm di diametro:

  • 200 gr di biscotti al cacao (oppure 200 gr di biscotti digestive classici + 2 cucchiaini di cacao amaro)
  • 75 gr di burro fuso (leggermente raffreddato)
  • 750 gr di robiola
  • 200 gr di zucchero bianco
  • 4 uova intere + 2 tuorli
  • il succo di 4 lime + 1 lime intero da fare a fettine per la decorazione

lime cheesecake 2

Preparazione:

Come suggerisce di fare Nigella è bene  preparare la tortiera che dovrà essere a cerchio apribile. Foderate la base esterna e i bordi della tortiera con un doppio foglio di alluminio dato che la torta dovrà cuocere a bagno maria. Questo passaggio è utile per evitare che un pò di acqua finisca nella torta e rovini il risultato.  Ora mettete a bollire una pentola di acqua e preparate una teglia a sponde alte che contenga la tortiera della cheesecake.

Tritate nel mixer i biscotti al cacao con il burro fuso fino a ottenere un composto simile a sabbia umida. Con il composto ottenuto create una base sul fondo della vostra tortiera a cerchio apribile, premendo bene con una spatola in silicone per compattare i biscotti. Mettete la tortiera in freezer mentre preparate la farcitura.

Sbattete con un frullatore o una planetaria la robiola, lo zucchero, le uova intere, i tuorli e per ultimo il succo di lime. Avrete ottenuto un composto che vi sembrerà troppo liquido ma è corretto che sia così!

Versate la crema nella tortiera preparata con la base di biscotti e mettete la tortiera nella teglia a sponde alte, quindi riempite la teglia di acqua bollente stando attenti a non farla entrare nella cheesecake e infornate in forno già caldo a 180°C per 1 ora. Se dovesse scurirsi troppo la superficie coprite la torta con un foglio di alluminio. Se dopo 1 ora di cottura vi sembra che sia ancora troppo liquida, prolungate la cottura di 10 minuti, ma non di più, tenete presente che la torta si rassoda mentre si raffredda, quindi appena cotta, scuotendo leggermente la tortiera noterete un tremolio nella parte centrale della torta. E’ giusto!

Fate raffreddare a temperatura ambiente la torta, poi quando è fredda riponetela in frigorifero per almeno 3 ore, o comunque fino al momento di servire.

Per la decorazione potete tagliare un lime a fettine e decorare la superficie come più vi piace! Buona merenda e viva il lime!

lime cheesecake 4

Choco-Coffee N. Y. Cheesecake

choco coffeeUna torta al cioccolato cremosa e golosa, aromatizzata al caffè che sia anche fresca? Ce l’ho, è la Choco-Coffee New York Cheesecake! La ricetta è quella di California Bakery, una garanzia in fatto di torte americane! La ricetta originale consiglia di completarla in superficie con il ripieno della cherry pie, ovvero una confettura ricca di ciliegie oppure di decorarla con riccioli di cioccolato. Io l’ho voluta lasciare così, al naturale e un pò grezza con le crepe in superficie ma mi piaceva l’idea di qualcosa di autentico e imperfetto e giusto per darle un tono l’ho contornata con un nastrino di raso color cioccolato.

choco coffee 2

Ingredienti per la crosta:

  • 300 gr di biscotti Digestive
  • 80 gr di burro fuso
  • 50 gr di cacao amaro
  • 40 gr di zucchero bianco
  • 2 gr di cannella

Ingredienti per il ripieno:

  • 600 gr di robiola
  • 100 gr di yogurt greco
  • 180 gr di zucchero bianco
  • 2 uova
  • 45 ml di caffè
  • 45 ml di liquore al caffè o liquore al cioccolato (io ho usato il Bayleys Chocolate)
  • 350 gr di cioccolato fondente

Preparazione:

Per la crosta tritate nel mixer tutti gli ingredienti in modo da ottenere un composto sbriciolato in modo molto fine dalla consistenza simile alla sabbia umida. Premete il composto sul fondo della tortiera e sui bordi in modo da creare un guscio di biscotti che rivesta tutta la tortiera che dovrà essere a cerchio apribile. Non disperate se non vi viene un bordo preciso, ci vuole un pò di pazienza e se proprio non è perfetto non ha importanza! Mettete in frigorifero per almeno 30 minuti.

Per il ripieno fate fondere il cioccolato fondente a bagnomaria e fate raffreddare a temperatura ambiente. Quando il cioccolato è quasi freddo, amalgamate in una ciotola la robiola, lo yogurt, lo zucchero, le uova, il caffè e il liquore senza mescolare troppo a lungo il composto. Unite anche il cioccolato fuso e amalgamate bene.

Versate la crema nel guscio di pasta e cuocete per 30 minuti a 160°C forno ventilato, poi altri 30 minuti a 150°C. A cottura ultimata, estraete dal forno e lasciate raffreddare a temperatura ambiente. Appena tolta dal forno il ripieno vi sembrerà ancora liquido, è giusto così, la crema si rassoda durante il raffreddamento! (La mia si è crepata perchè ho prolungato la cottura di 10 minuti, altrimenti sarebbe stata perfetta, mannaggia a me!!!)

Quando la torta è fredda sformatela e posizionatela sul piatto da portata. Mettete in frigorifero per 2 o 3 ore almeno e lasciatela 20 minuti a temperatura ambiente prima di servirla.

 

 

NO-Bake Cheesecake: dalla torta… al barattolo! Ovvero: Come trasformare una “torta-disastro” in un dessert molto più carino!

No-bake cheesecake

In cucina gli imprevisti, si sa, possono capitare. Quello che più mi lascia perplessa è seguire una ricetta per filo e per segno e vedere che in realtà è un completo disastro. Ieri volevo fare la no-bake cheesecake seguendo la ricetta di California Bakery. Mi sembrava un pò strana per via dell’assenza di gelatina e delle proporzioni tra panna montata e crema di robiola ma ho voluto fidarmi: che errore! La torta in sè sembra bella ed è anche buona ma la crema è veramente troppo morbida, non si riesce a tagliare e non regge il peso dei frutti rossi. Così, senza perdermi d’animo mi sono attrezzata: ho preso i miei barattoli da dessert e ho smontato la torta creando così dei trifle veramente gustosi da mangiare al cucchiaio. Missione compiuta: dessert recuperato!

no bake cheesecake 3  barattolo 5

Ingredienti per la base:

  • 150 gr di biscotti Digestive (io ho usato i Grancereale, per una maggiore croccantezza)
  • 90 gr di burro fuso
  • 30 gr di zucchero bianco

Ingredienti per la crema:

  • 50 gr di zucchero
  • 250 gr di robiola
  • 250 ml di panna fresca
  • 1 bacca di vaniglia

Ingredienti per la decorazione:

  • lamponi, fragole e ribes (quantità a piacere)

barattolo 1  barattoli 4

Preparazione:

Trita nel mixer i biscotti insieme al burro fuso e allo zucchero in modo da avere un composto sabbioso.

Fodera una tortiera con carta forno e crea la base con i biscotti pressando le briciole sul fondo della tortiera. Metti in frigorifero mentre prepari la crema. In alternativa crea dei bicchierini con la base di biscotti ben pressata sul fondo.

In una ciotola mescola la robiola con lo zucchero e i semini della bacca di vaniglia. Monta la panna e incorporala gradualmente alla crema di robiola e zucchero mescolando delicatamente per non smontare la panna.

Versa la crema sulla base di biscotti oppure nei bicchierini e metti in frigorifero per almeno 6\8 ore o tutta la notte.

Al momento di servire decora con tanti frutti rossi.

no bake cheesecake 2

The original NY cheesecake

Cake 3

Siete mai stati da California Bakery? E’ un posto fantastico per fare colazione, merenda, il brunch o fare una pausa rilassante durante un pomeriggio di shopping! Ora a Milano ci sono 8 locali, ma un tempo, circa 20 anni fa il California Bakery era un piccolissimo negozio in via Magenta a Milano gestito da una signora americana che sfornava torte e muffin tutto il giorno e le esponeva in vetrina su alzatine di ogni tipo. Mio marito si ricorda ancora del negozio originario, ci passava davanti per andare all’università e ogni volta che siamo in quella zona mi racconta la storia della signora del california bakery. Così va a finire che durante le nostre scorribande in quel di Milano facciamo spesso tappa in uno dei locali dai cestini appesi, e ogni volta è sempre tutto squisito: il club sandwich con i suoi tre strati di bontà è uno dei miei panini preferiti, ma anche i bagel, i brownies al cioccolato o le torte giganti sempre freschissime! L’atmosfera e gli arredi completano il tutto, e ti fanno sentire come in famiglia! Tutto questo per introdurre una delle torte che si trova anche nel loro libro, the original New York cheesecake! Tra tutte le ricette di cheesecake che ho provato, questa è quella che preferisco e che preparo con diversi topping a seconda dell’occasione. Dato che ho ricevuto in regalo un preziosissimo vaso di Amarene Fabbri, ho deciso di utilizzarle per completare la mia cheesecake.

Cake 8

Ingredienti per la base:

  • 300 gr di biscotti digestive
  • 80 gr di burro fuso
  • 3 gr di cannella in polvere
  • 5 ml di miele di acacia

Ingredienti per il ripieno:

  • 400 gr di robiola
  • 300 gr di ricotta
  • 200 gr di zucchero bianco
  • 150 ml di panna fresca
  • 40 gr di yogurt bianco intero
  • 4 uova
  • la scorza grattugiata di 1 limone non trattato
  • 1\3 dei semi del baccello di vaniglia
  • 3 gr di farina bianca

Cake 5

Preparazione:

Se hai un mixer ti basta mettere nel contenitore tutti gli ingredienti della base e azionare fino ad ottenere un composto sabbioso. In alternativa puoi sbriciolare i biscotti mettendoli in un sacchetto per alimenti e polverizzarli con una bottiglia o un mattarello e unire in una ciotola gli altri ingredienti mescolando insieme per amalgamare. Con queste briciole umide rivesti uno stampo a cerniera (se ne hai uno piccolo e con i bordi piuttosto alti è perfetto per ottenere una bella torta spessa) premendo con le mani prima sulla base e poi sui bordi, creando un guscio di biscotti spesso circa 1 cm. Metti in frigorifero almeno 30 minuti.

Prepara la farcitura: in una ciotola riunisci tutti gli ingredienti per il ripieno e mescola con un cucchiaio di legno fino ad ottenere una crema. Non serve mescolare troppo il composto, anzi; se lavorati troppo a lungo i formaggi tenderanno a diventare liquidi.

Versa la crema di formaggi nel guscio di biscotti precedentemente preparato e inforna a 160°C per 60 minuti. Non ti preoccupare se il centro sembrerà ancora liquido, quando si raffredda si rapprenderà.

Trascorso il tempo di cottura, sforna la cheesecake e lasciala raffreddare completamente a temperatura ambiente. Poi mettila in frigorifero per almeno 2 – 3 ore.

Togli la torta 20 minuti prima di servirla e decora la superficie con le amarene, come in questo caso o con altri ingredienti a tua scelta. Qualche suggerimento? Ganache al cioccolato, frutti di bosco, lamponi…ma anche al naturale è ottima!

Nota –>  ci sono due versioni di base della cheesecake: quella cotta e quella no-bake, senza cottura che si mette solo in frigorifero e che vi proporrò nelle stagioni più calde!

Cake 7 Cake 6

Cake 1

Torta al cioccolato e crema di Whisky

IMG_1474

Se state cercando la ricetta di una torta al cioccolato insuperabile, di quelle che vi fanno fare un figurone, nello stesso tempo semplicissime e dal successo assicurato, avete trovato la ricetta che fa per voi.  Questa torta ha un gusto intenso di cioccolato che unito all’aroma del whisky  e alla dolcezza della panna creano un connubio di sapori perfettamente bilanciati tra loro! Avendo una consistenza cremosa e fresca è perfetta come dolce dopo cena. La ricetta è di Csaba dalla Zorza, tratta dal suo libro “Tea Time”.

IMG_1476

Ingredienti per una torta di 20 cm di diametro:

  • 175 gr di frollini al cacao
  • 60 gr di burro fuso
  • 200 ml di latte
  • 300 ml di panna fresca
  • 200 gr di cioccolato fondente
  • 30 gr di zucchero di canna
  • 17 gr di amido di mais
  • 40 ml di whisky
  • 2 tuorli
  • cacao
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo

Preparazione:

Metti i biscotti spezzettati grossolanamente nel mixer con il burro fuso e aziona fino ad ottenere un composto sabbioso. Distribuisci le briciole sul fondo di una tortiera a cerchio apribile schiacciando bene con un cucchiaio per compattare la base. Mettila in frigorifero.

Spezzetta il cioccolato e mettilo in una casseruola con il latte e 125 ml di panna. Porta a bollore su fiamma bassa mescolando spesso. Spegni il fuoco quando il composto al cioccolato raggiunge il bollore.

In una ciotola sbatti i tuorli, lo zucchero, l’amido di mais e il whisky, poi versa il composto nella casseruola con il cioccolato.

Accendi il fioco e porta nuovamente a bollore, sempre mescolando, e lascia addensare la crema per circa 2 minuti da quando bolle. Lascia intiepidire, poi versa il composto sopra la base di biscotti.

Lascia raffreddare la torta per 1 ora a temperatura ambiente, poi trasferiscila in frigorifero per tutta la notte, o per almeno per 5/6 ore.

Al momento di servire monta la restante panna con 1 cucchiaio abbondante di zucchero a velo e decora la superficie della torta con una sac à poche con la bocchetta a stella.

Spolverizza di cacao e servi.

IMG_1473

Cheesecake ai frutti rossi

 

IMG_0658 IMG_0659

Questa è una cheesecake particolare: non è alta come le classiche cheesecake americane ed è più leggera oltre che facile da tagliare. In questo caso si usa la pasta brisè e gli ospiti che l’hanno assaggiata ne sono rimasti entusiasti: pensavano avessi fatto io anche la pasta e mi hanno chiesto come era fatta perché era croccante e con quel sapore né dolce né salato che si sposa benissimo con i ripieni morbidi e cremosi. Se però preferisci fare tu la pasta brisè ti basta impastare 2 parti di farina (es: 300 grammi) e un cucchiaino di sale e 1 parte di burro morbido a dadini (es: 150 grammi) e qualche cucchiaio di acqua ghiacciata. Fai riposare la pasta in frigorifero avvolta in pellicola trasparente, poi stendila nella misura e spessore desiderato.

Ingredienti:

  • 100 gr di pinoli
  • 120 gr di zucchero
  • 500 gr di ricotta
  • 125 gr di mascarpone
  • 1 uovo
  • 1 confezione di pasta brisè già pronta (in alternativa puoi usare anche la pasta frolla)
  • 1 cestino di lamponi
  • 1 cestino di ribes rosso
  • 1\2 limone
  • un cucchiaio colmo di zucchero a velo

Preparazione:

Accendi il forno a 180°C.

Con il mixer trita i pinoli con lo zucchero fino a ridurli in polvere.

In una ciotola capiente mescola la farina di pinoli, la ricotta, il mascarpone e l’uovo. Mescola bene per amalgamare tutto.

Srotola la pasta brisè e fodera una tortiera per crostata.

Riempi il guscio di pasta con la crema di ricotta e inforna per 30 minuti.

Intanto prepara il coulis facendo scaldare in un pentolino a fuoco dolce i lamponi, i ribes (tenendone da parte alcuni per la decorazione) un cucchiaio di zucchero a velo e il succo di mezzo limone spremuto. Schiaccia con una forchetta i lamponi e porta a bollore. Fai sobbollire qualche secondo poi spegni il fuoco. Lascia intiepidire poi trasferisci il composto nel bicchiere del frullatore a immersione e frulla il tutto molto bene.

Con un colino ampio filtra il coulis in modo da eliminare i semini. Armati di un po’ di pazienza, aiutati con il retro di un cucchiaino per girare il composto nel colino e farlo filtrare più velocemente.

Variante ai frutti neri:

Buonissima anche la variante con il coulis fatto da more e mirtilli. Dato che a volte le more sono un po’ aspre mi piace mescolare il coulis ottenuto con un cucchiaio di confettura extra ai mirtilli, al ribes nero, o ai frutti di bosco.

Quando la torta è fredda spalma il coulis ai frutti rossi sulla superficie e decora con i rametti di ribes, qualche lampone e dei pinoli sparsi.