Quadrotti crumble yogurt e lamponi

quadrotti2-1

Ho fatto questa ricetta che ho trovato sul Sale&Pepe di giugno e l’ho portata al lavoro per raccogliere feedback: ebbene, sono piaciuti a tutti! Perfetti per l’estate, questi quadrotti con crumble ai fiocchi di avena, yogurt greco e lamponi sono facilissimi da preparare, non richiedono attrezzature tecniche o particolari abilità, hanno tanto buono yogurt e si gustano freschi a colazione o merenda! Li ho rifatti già tre volte perché anche Marco li adora così ho deciso di postarli per tenerne traccia sul blog! Grazie Sale&Pepe per la ricetta! 

Ingredienti per 1 teglia:
  • 125 gr di farina 00 (io ho utilizzato quella integrale)
  • 100 gr di fiocchi di avena 
  • 16 gr di amido di mais
  • 100 gr di zucchero di canna
  • 30 gr di zucchero semolato
  • 1 limone non trattato
  • 1 bacca di vaniglia
  • 500 gr di yogurt greco 0% grassi
  • 300 gr di lamponi
  • 110 gr di burro 
  • un pizzico di sale
preparazione:

Riunite in una ciotola i fiocchi di avena, la farina, lo zucchero di canna, la scorza di limone grattugiata e un pizzico di sale. Mescolate, quindi unite il burro freddo tagliato a dadini e impastate con la punta delle dita fino ad ottenere un crumble ovvero un composto a briciole.

Tenetene da parte 140 gr e compattate il resto in una teglia rettangolare o quadrata da 20 cm per lato rivestita di carta forno. Dovrete formare una base compatta come se fosse una base per cheesecake. 

In una ciotola mescolate lo yogurt greco con i semini della bacca di vaniglia, lo zucchero semolato e l’amido di mais. Versate sulla base preparata e livellate con il dorso di un cucchiaio o una spatola in silicone. 

Distribuite sullo yogurt i lamponi e cospargeteli con il crumble tenuto da parte. Fate cuocere in forno già caldo a 180°C modalità statica per 40 – 45 minuti. Sfornate, fate raffreddare a temperatura ambiente, quindi riponete in frigorifero per almeno 2 ore. Quando sarà ben freddo potete tagliarlo a quadrotti e gustarlo! Conservate in frigorifero su un piatto coperto con pellicola per alimenti. 

µõ¿Ó%ƒë+%âl°;üò£Ê4Ï1ó}½ÄwÂX‘”¨¥ˆâÍN
:m—@X¦R‡4“FÔ'“pH•I µO-¨Tý×8eQcrLâUu¸³“Ò‚È5ìnhÄð`1ìÌßgy$%iɎ&4úÈ~cmsHŽYYI£Ó¹?Ë^ƒ7Q•‹t²iG»7Z¬¤‚3é ö]¿^cÈÙfv°“L
ƒO7hKw%©¸	,@4œ¶
¤lIðí•ø±¶ó§˜Ôa’zÈÂX~#}é†|cšâËÁiܺÚ_Üê|¦7ÉjõFd12Ð xéQ¿e²ŸÛtrFžgåíSRÒ¼É"ÉÆ8Õ%õ-Y¾)9 ]¤}ú.@ì)ÙdÀ%!¸f×BÊ=9渍È1À‰**…6Z·Å˜ç›Ž90/.éòkZâËtÌ WÙjÄԁ™0Ø[DùÓØ4{m쁃Æǒ%z
Œ²É¶ãˆ•.‡ÅÄSzb›Rµ°¥hiZøbßÿÒâ½åÄz›sf•P
©Qˉ۷:rʌ@;9`ñlþK5Ê‡„’?&õ®%R6p C~JG|¦GtE,Ñ4ù4›k›û’VÊykR]yüAöBò" õÉq¢™=óAyå™.AõÐ	‘WÂ]~ÊÔÿ/òaâ݁ëºæ¡~,VX$åh}	Ìl$VN‡–ý>Îd`9qÔêÍ|·¤
+ËCQ¾ÔmßIԙEºÅ'&‚í·ôåWZE#©‡žW–>LâGÍ3Õ4&Ž.R'…SÒ*̌_z„§>,Å$‚€ašÌB4”LD78ª-Q°<X×öTòrìrH‘ƒ^O-¥ðhæ&@WáøÇÂÝ<kÿ
–ífÁ¤É$T”½=8Ù&Œ±w_ÖVd-°@—¥þLk“Ç|Ú|©Á$
væTn¡È,(wjÔñÄո‡èžX¿–<đ܈c’Hžªå@‘
?3,T·iâž=­æ}Ix¾ Úš[Þ݃õU”ñfa촱ʧŠ-˜ç:â®(„»EògèëqnÒ«4ÛsMö‘5ú2!°°ÊäÌDEPøQ?WL.`Ǽѩ-µ©AöÈ;w¡Ä É›âbjw8±·ÿÓ柙:µ°^p²¼ˆ rfoÚ«‹NGìæ8“•äÃ˞f·»òüveR[©WÒ¸ÈöHÞ»má‘ɱ •ùÃÌqÚ-œIꆒ O15jsûWÅ —Cæ+˜ì§··•îVáJœQ T 5<†Zi³Ãš{å}f[—½d0€Ê©,Jc¤jxðRE§/Š¿iW%{5Ôn‘Ò®|éDï5´œ¨:DjÉ)sðJüäE§ÅÿlD¸EµÎh²½3YŽÛX»Òî¦u’áù˜d
"ºˆÍAøÈ?Ùl ¸O0ÇM¥§˜/¯.çŠX'eà:O†‹ÄŸSù¸ý¦.,ø˜áp¹(~D)ñd ofR‡‰ØßK/¦³1ÂôÿWâʸœÃ“¯VE¯ÛI¦ú—745…ƒŠ#CHÅhxjÍñ?ìä.ËP=ÌsÌSÜOi,sBEÔ°ýa⌍Ì*2O„¯“ã&ÓÊ«=~DÕjÇ}¼kÉÂvpµ4e²l©úžµvèÝ%´$-Á,…[ÃÔÌlÒ²ìrŽF=Ñÿty:Îk{Y^^¯#T×áZô¡÷Ë1ƒN8í_Í
½³3ÐÇ&=«–3·”ëš«^ê;#&«òIžíƒ§nØ£gÿÔæóù³YÕ&wÒ,‡©3˜§!ƒ;òñ^h€œÆéØG“½Žm.ôB%Ü,&¢uW"†›Óâ­rA®T!Ð<«}®4¤[C%YÙ¾'5Þ¥›$!mg1ŽÏMÑ.ô‹89z"éØq]¹Tž›|3 6k$îšK%¯—ô«¨Â$+ñEãÁ+V~'¾@æ¡Eœ1ñLRÓTÓtýõXĐ¥ËÉ[7䖎ޙøx¨ýž9ËnQEŠ[붷Åì6Æù¦F*¨¡xQªV”g‹~ÖZ
X
¹ð£´E×n [[X[ҌÖÚÚ2V8ËV¤ÈjOÚýœx-2ËùÿIçï&ÝY~_jwäFñMÇc`$•A$š–cŸqe—Š^O-ӆŸFÊ$vä7ØlùL¸›áÃÜÉ
o~¿X¯Ù[ƒqÿžLÜÿÊÉéãR°ÔÊàv{êÙú7ÒÂaÈ vÌÒëBG¯ùsQ¾7S,¯, G5¬aJØS—a¶Í^Y“.NÖ1öïkM´¿ÌK”¼ÔôÿÓI±ð^.C2ó,}Bâþ#ˆŸ¦+¤Ü­Æ‘¨«Ì«r—
‘B	ÝɸUäMÕp˜Y
¹%ÃÒôC˞P¸Ôf¨ôã%T
’ÄQvùõÌÂDbë±c92_&h—SًíFåäšG3Z(4Cꝅ'Ãùsí°vZ™Üªž…¦ÛKnUï¡qB×W®Î½•öZcâìßñå!_ҊAò£Zy§êSʓ¼kÊÉöA#ìŒÈÄ.·$MpòzfµsDº`¤[)ê
Sù·Ûc¶Uª”‰rc¤…$'–ß֌Ãîãµ
Èðò­ŸŽ1fÛÕ»&WxlË6áV¦»v̆5»Ì5K®sÍ-kɎÿ,	,Fþü¿*l|ûâÖvdšåÄ×PÏs+Ç4Šã³^ƒîˆ7Y·ÿÖ"×ü篧,`bMà4H(®åˆnŠ¹‰är`Þ`ò½ÜzÖ/îc辌|XLÕ¥Àý™|4®[{·	Ø1ïCyXÈÖб/4%ªH»SOöXdÔ9={HM=ï›P–4žâÑb‘GÙ©ãÉGnKïör’J‰P¤GšÌ’i“N-¤–ÚÝÒ]Sš†j…FÜõªô
%x©äW¶ºÄ3-̇™øáæԐr4	©†k2Á•×ù{«Iq¦[‰™£ñxÓõœÈ„¬8¤ØEê§~™hk|íÿ93æˆõ_9YyzÍÌ°è‘:¦õ¹šŸ
í*ø|§,›ðG«Óî.í#Iٝ"ôcZ!¤?îµ=nßŘrósã·&Qä­'ë~h‚(ÑÏ¢W›Lk#¥ŸjrÌÝlۇ¬–ÔúJÚÁ'ÓZÒqD}…Ù#£‘Í”ãaփLNâÞâÆ領QõìGb>y‰M¨Æ™nì~§"©BkȊúåSÄ%͜2òV·Ð<º±M<âa+Ѝª˜0m~?³•eÆ:ìyO{Íõ¨í¬.’Ò mÖ³¬à©yX–iûÔâ+û+û?bBRg2@KšP7O©Ç
ãÅÊþî`Ôe]χ÷dŸ³ö~×Åös"9X…rٚhšJÙY$QþòG&IæîÄÿAðå­À"üÇt¶úêú=»Z›9Ö)$šmO›UJ¥fk“'³”t¦TE(Æm5}ë—òÇqs%ÅÇÔÔ}¸ÕÁnO„‡àÿ%r34h)‰¯&CùM=Ǩ!qÆ6¥	ñ̌gg_˜Qz—™<Ûaå,]ù‚íÈ1!ŠÚПï'©TT¯óø˜Ûvª½Ÿ*éažç¸Õµ7&òG{©nc@Òú²ð¡cEؕû+˜yx®ÁÝØbªá"Âm=§—ÌO5•ÑG·	3£’»
‘%Hø˜|9÷ÝÉ<Jü˜òó”}Je"IH*Äoöªßi±ðÅÒjgr{d ª@è|:¾ü¼8å«ivڄ…š1XäE{òNW8Zc*bOo=¤¾œ¢žnñ(,Õou»}+N’öàrHéD¡<›° ß1õ8cmú|Fr§šêún·æ/0\Á'Ô´«•^@̈@,ŠXT1a˜ð‡iŽþ&Ki¢Û,ѳ)’PEe‰ŽÝIþ™h,bÉÂ` ‘EU…yúùš%´R@êø”y¼¾þ)fžÚÊÝyÜNÀ*Žåyʞ¿åÏ/iú.™ºÒ¨åj]AظŽVõ-É-ÁKš•e!¸PñãOÚÄOjlqc‰¹_Íeú”u‰´å´xÀŽ-5ÇESû)þ8c«VmnþŸK*Ñ*,¢ZJ8£Í|*Jô$´®X1z©Ë™d’h~[ò¶.­,vv6ËÎIœøtŏl°
q‰%󿞿3&󗘒Iàã¡Ûi!#Šši
Waíð/Ãüً˜™rs0G‡šôš[‹Û¨¤…‹pŠF·!à­Å¸ÿ)#1<I¨9¢¡Fh,šÖ£…¥¨C)¼”9QÎÇØõs/MŠ@¸Úœœ1§ÒÞ^ÒbÓ´´Š5Ú5 Xƒí›<ÜUéuP Ñ–í©¯Õ¤#±©ÿ“Û%,Ñ¡§”’KZúÔ^”Vʛ“ÎB
ß é÷æ>LÀòN=!êXèŽK¥•fun) MŽÌ|sFÜÈcŒy# ƒn
DNÑ Ûoiß$Â#XÆÔ
6§l4i©j	d·Â{WÂóÿ3ÞÇê¼äò,(p2,[@Ôôë=JMRñ¹K”¶‰EZ§í7¶Ûe°rNÊÚלuM]ɵ³5ª)ø˜”rîm"4‘ýNFª1
P<)·ÿÑ"Ñ<ii ‡SŠK[…ê²­ü˜m’Œ@D¦KÐt,XDŠa
ÃÄP倢K&´ÓcŒ

a¦6¬4M<Èe0 õjN4ÄQÙÛGöT{Ó1/8~mùCË	,(ÔõdiÖ¬¬Àöõ¼#3Ë!<‚<Û!ŽRäù¿Î˜ždóž¯Î¬álâoô}6*ú-z‘±’OòÏû9DçnV,|%}¿”íî {Ý6už5©’Ýþª:„N§1%”Žn`Æ
ë[Mfù,Œ-ÜÊ"°Šc
žõ«vöËqcñ
¬¹8—¶yË:W–lb{©Q.Xr`wbFý:œÜDâ]L¸²•ËæPǕ’7müO_Ù
Å©Nç+ñÎý[#¦¾{%7Ww2ɒre™¸»HzPmð­µ2ƒ-ï½Í†06îU1C
íô'oÀd[Fè)ôÄ»µv²š·JႳ
Nª@Ød)‘$Õ½Y­âÄvàŠp½:ì0Ó$:ÎÍVGbÙ ÜûãI´Dú¼ˆ©ºó¸4݆ۧÑÃ~æ9æ©E³¢Ìþ¥ä¢¼k@Ë
Í<Å©7.54ïîq¯$©"´ŽiÛáê|zeñ‹&Ò´XˆS3UºÐïò̈Á¦RdqÚ±ª ØÓ-¦»ÿÒçù™æý'UšÒÞáÖÕ°½Q<Cméê|cý‹ñÊÄäodÈô¯Î=HÁ4×Z
›¬}I­å–ßvØ|4‹ß¨®‹ù[êŠ_ùÈEHÁO/9oyð×þ¹gŽ;šÿ,{ÂTüýóz@­g¢YÚ4‚±¼ÒËphFÍnj@ï±ß#ù€Ëò§½Œßù·óÍÚEä—Z´±Ç	´³¥¼lµ4‚²©âk_|˃ žG#zkO‡a¶ÖÿÿÓKò~ªÂ¦ò.KÀˆ¸ý¤#ìî7}òf6ÀH†	qåKF°ÔRÕ½{{¨ÂýVEäÁÔücŠ¶ÄýœÆž-ì90͵%™Pë³ {å&Ð(²MF1¨yzÍÒdyìvæ€HёöMOÛZ|'ýØ¿åe`Ñm"Â]¡Îtë±z!õÑTóÛ‡8ÛcÄÕEpÈ^ÈnŒ¶¸··óÇúØgæÕVÑ@A«Úé
9ž	RV%-’cpQGÁ`•åOŒðþ_K#õK}bÂâ­${«—H™â¦!ˆ¨#âˆÞÏ"·oKúœo¦[Ú³±ŒÆ3lÌH©-ÓÇ|ØDmL¸wI§’ÒÄRg·LiL‰ÝkuÓìãâXwzvșQ‰)&¥ù³¥ÆU!”1]€jýš|¶ÀdššMsù«%і奵´B³° {Õ7ޙ6"Q“/ÏPꖖ±Z·©}4‚/Lü,rjÙÃÄÙ)ܺEúÈ·„›EVà¿d7e'g²G¨êØAt¬A•”HìzŠî|ñA/£FºSÅ|)„!4њõKúmêE”õ²üYˆiž;eqkיâÔÝIÜfpÌ)Å8ËÿԓÉ1$MEu.ÇûÄßv_lµ¥.½Ð⹈†]ܕIIû‰Ûå¶
M°­wÉmÛ}¶Žâ0^;¸B©Û®æ¡¸ÿ•”lŽBô>M¿–å¾·¨MÎy%¸Ud_¢Óß%OŽI–¢aè7åO–„²½Üǧ6g$ûŸFdø0€ºqÎiËkN¯ô‹
.õ’Æ«ˆ‰Ö4ñWq°ä͘ڝGðÅ¿/â’S5æºoíl'¹ôl‘`U**—ûd|$ӯŘ'«—C¢Yuæ]>ͯKaqªÐ^’§ÕŒ+U+néUêy+.2™ðógwO:¸ó?™®îe¸vêß»–P*H5
d9Qˆ;ÿ|Emü/¡tMb-KËi¬
ðx‡ÃZ•ee?&Û6p•‹qòPó÷Ÿ|תC©»[ݝæôL׎ó°ø¦VZšx®Ãl¬L‰y0ÂM®Þ[]N¿V¯½hGѾZK“l¯¦jQi×wvï/­B$‰øºTM°lÕEè?’ÞGžÿ[·ÖåJYiü¥¨èÓ2@¾?’ßËÇ1fÛ/o7¥y¢xÖñ"¸q¤jY‡sݏ¾ß
å­½/«Ãüç®Í{q;Zô~m$Ž¤tRö"ƒ*3×.I[Êô.¾¿%çÍHb¥IùW¤æëHÔ¬"‹ÕEäéËÓ¨`iàGÙÀE,MòR‚9®âWHŠ¼d?N@wö*zb©í¤¶„ÏI6bzOC풶*òKj—âïBürL©ÿ՗y½Ò§JM+Qür֔=̲Kú|*vwÛðÀ”¶âÉjë Ä#=š”^Tû!°&З1ۉ¸õk@ý’´ä×áÅPé&©asš|Å#Wj²3rV¡îÃ)ȊµŒEÚAóC­jº‡˜¯
Ïr+nhC»QÌJ쵘’»ÝÉ@/ùƒæY'¹†{’;kfÖUe,j¼jê+ñoð®SÇiɎ)DYc–WÎY./=O¯­ÒVENOFø[—¿üm•J=ܛAïM[ËÚmý×?PYoæŽÊ%%œ÷â´C÷.@ªÙqGŸ'¡y~ÃÌÚWåÌö:­ Óî#iL0‰äôœò
 RÁ¥¾Y³„LcM1ÉOgù[ÉZ'™'Ô¤Ôã–òòÑÔF¢fn	Ü-	«a%´‡÷®êcZü$+‚ô$qLa1A	Áåwp±
`´ýšxPe£mšŽû¢àÔ/®d÷“H_ˆšñö値R}jg†Ê9BRòû8­B?•†XÈZuk¦
ERkr .žn»5v?FBÙRyú7O;ºß´
ÔxàÝ_ÿ֔˜eú荀X_”‘ÐԁQ¶Ý÷¦XÔ«vm–¿X ÏFôÑw¡ë_õ±BUwõ‰Ð ¯Š1е Ÿ
`J]4@*À•ó¸.àûíŠTþC…|u;ö4À–3æÝetØã1½´×Q‚Å%£Ð
¾Þ¤ššœÅ͐Â-ÌÁˆ×cÞYMÿUˆù…“‡y%µ½E UVƒŸ^çÃ˜ü"ùšrl£¼­ä›ÍzêQjގ‘q©Lø@_÷dì¿î¥?í·ó[‘òjɘDIíÞLò›¢Û•Ó 6þ¨çPš{qOçz	¿ÃqEþΌäàNd›,‡WÐí$Ñ®mãã2f}úu©Ã.LðΤÃõï*]ØiñÇ¡/ ­u«ÝÆJ<¡¿tˆNÂ8——ÀJòÌLs׎DÏéþ¯Eó'˜ßN´Ôi¨%ÌÏ
Gá?îл3£‹-ñk›‰=<xˆ…•yoÏÚ&ª_NbJ[ᒕ§ùÓ$$DðN"ú3«[«~!¹±!zWùEXÇÝåpó]Ì÷¦ÂÕk5ÃzQŠ“ñ;PtùåR;»	v±ùwfá‰ý#ÈÄ𕁫sð$÷ÃÀ'_â›Ý_ê:Ž™æ6©ŽHY‹[¾Ç„´©V¡ªš|/•F<ÙÊCe¡SÔ[êÑú9¬k·
éAöŽ	΃(Fù¢oÐÃ{ssh~$²¯Cé€9}‹d v÷²—4ÎÒùµVvSê¢ò¢Šü4­I4ÀlYQµ{hýX©"žP×®ûá€ìÈ"-SÌr[£ýVÁJ^„ŽÕÛí³d­ìÿÿ×:mB{yŽÊìd{Wgä%T“CñöËHR·¹
ÞHÿ±êj)¶I„pñäŒôIFÔS¡û±TƒSÿGyy©XæýÙ¶]èiÔ7‰þlJ„¦þ[Hbž*ü¨g$u
	¦U’T6mÇ,[&úàÝ,³ÛD$à’_4‡~¹3esÊ^Rþ«ž":ìŸycȇTԝ$»coñ_ÞCnjkû(µ%Œ®~Êðÿ+örXàdj©†L¢#Íîþ^òõ¥µ­º­¸·³·³²Ë¿óÊÿiÙ¿k6q:ÙH’È…:$±b¾}Õþ«eõX܇
.e	¹áT+û.Ã1s΅9zxù¯,5]y§Êk,	ª5ÃÅ<iðqAðŽ´ûa~þVc˜›øDJOä‹ïP.‰_W¤åvÎCeéó®¤vjú¯ÈÔ÷éü2ÈS$çÌ¿—ú_œ4e·”u8->ø
Õ¿‘ÿš'èËÿd¥c*/v›F¼ºÒ/"6ڝ°1¸ëÂq piUáNö—0gŒÛŸ	ŠrS-Áªž@](Þ¡Æ}ö<—$€7Öz7š%}=9hÓüOϖB#mÙH²«}B(ù#Âwz27ZoØåej=;V˜4¶×(ݑ(NŎÿO˜;5˛ÿнÝÍÄSÌ
†UêI­+_
«L›Z¾hÖzœÖH®`IHUر+ÈR‰°ûX¡‘Ê!ŒñJH7ãd°ªI«ªefî#ӏaȁC_£CÎ<Û¬ê6–vHÞé…eEýé@à¬~ʖ#eþlÅÉ)næb46Ilt¡-徛g™$¯ÄÌç­+âí”û›½ï üå[}:Ú==í[Õ½qþî»`+SÝaf~,|"~œFٟ°ËSM*F…˜Ð¹He”Ešy˜¬ãÕ$֞I˜MqWO¼(¡ÏAEø³[âq›vӗ#ü/¿±¸Òµ‰ôiÅÆ9ÒpÒ?¨(O%ûEhs/°Ày§¾^Õ#òíãYÀë*üK%ð™Ñ€4'qÆ64ÿc’8ø†í–êš}ä±ëÖñZÍqwvÞª^ XÚç—ìµ»*1‘(¼¤û³€Â";0“»¿å&¯tÞ¹¹S+Rbj¿hŠåà2#v쇧s2Ò´ëxíàë¢É¡[‚‘‰¯@Ût8<J5MG‹M<·}gq0¯îûÐò-€êÓ1OTÑeˆ*€jC—4Óÿœ‚ò:Þé1ùÂÆ:^iÀG©½±;Hʅ¿á9df/vxå[<{J–{ˆãtRïQˆÚäh¿Žù‰9¹£õM.k+%µ2(šô<ÐÆ:¬(AëÿIör¨LÈß@Û8ˆìÉq@ Í¬mŹ),•#–Ä°¯†%*•·4ú̊E9/Tö¡?<IPYæù _4ÛY/îíIšìXà¡2zcÅê˘2â;ôv1ầÿ“ºp¹Öµ
bQÏê
¿ïؑúÿ<òÌ1³îjÎj5üç¾é¶ÂÒÚs¼Ž†Go¯Å_¤æhpKÖ?0u+o6Ë¥YÙ%Οl…gœY§7¦
B§w-Ëùr™ä¢ì#¤‡ƒÄO¬ÿôPQþgù_ZV´K“æci‚Q–½:ˆû-Ç+‘Z†@ØHuëmRÆî
J"/ìbaê[ÅSê#©RÅ?›ÊüqÈ%±Ù†é:
ùŽïV½“ŠÉ$ŠlíYB´FœXoñÑ(?—#L¤)RãB±—L»¶·•Ý´Pk2£*FÔ,8Ôó+û,¹/¯…,Õ/ŸHµ7vó+›¤h`PG®ã‹ºP’Ub3İݲˆXæ€,bÕ¬£ºãè@ÍÁx;d“ÙewKóV¡4eЙÖ)83ƒo%§Ùù?Ťȃõ֑u¤ið][^ÓRyVÑàU‰g(­E­#ýl¸JÛdc.aêzMטtÈR;JæTE2•%´•›ÅɊ•‚Éôß:ùsWI4köôÞú6‚[iTŽAÁVû9dsDìãˀ·ÏQÜ¿–5Ë­"´–’ÏoëÛâap}¢(ÏÚþfË)­k©ÜZÙª×Hµ9X±½¥Ò_M¢FQõyÇ"ê”d‘€W

Crumble Muffin ai lamponi

muffin lamponi 4

La domenica mattina mi piace svegliarmi sapendo che c’è una bella colazione ad attendermi, che sia pane fatto in casa con burro e marmellata, i pancake o un dolce da forno come questi crumble muffin ai lamponi che ho preparato sabato sera! Sono morbidissimi ed elastici, per questa versione mi sono affidata come sempre alla mia ricetta di base super collaudata e ho aggiunto i lamponi e il crumble che li arricchisce e dà un ulteriore tocco burroso e croccante, praticamente meglio di quelli di Starbucks! Ecco la ricetta:

muffin lamponi 3

Ingredienti per 6 muffin:
  • 125 ml di yogurt intero alla vaniglia
  • 150 gr di farina autolievitante
  • 125 ml di latte
  • 80 gr di zucchero
  • 1 uovo
  • 50 ml di olio di semi
  • estratto di vaniglia
  • 100 gr di lamponi
ingredienti per il crumble:
  • 50 gr di burro freddo a dadini
  • 50 gr di zucchero di canna
  • 50 gr di farina 00
  • 2 cucchiai di fiocchi di avena
  • un pizzico di sale
muffin lamponi 2
preparazione:

Accendete il forno a 180°C. Preparate i pirottini nella placca dei muffin.

Preparate il crumble sbriciolando con la punta delle dita tutti gli ingredienti creando degli agglomerati grossolani. Tenete in frigorifero mentre preparate i muffin.

In una ciotola o nella planetaria mettete tutti gli ingredienti liquidi per i muffin: yogurt, latte, uovo, estratto di vaniglia e olio di semi e mescolate bene con una frusta o azionate la planetaria per 2 minuti per amalgamare gli ingredienti.

Unite gli ingredienti secchi ovvero farina e zucchero e amalgamate nuovamente senza preoccuparvi di eventuali grumi, basteranno pochi secondi.

Distribuite l’impasto nei pirottini riempiendoli quasi fino all’orlo, fate affondare 4 lamponi circa in ogni muffin lasciandone uno quasi in superficie. Completate distribuendo il crumble su ogni muffin, infornate e cuocete per circa 30 minuti in modalità statica nel ripiano intermedio del forno, il crumble dovrà dorarsi bene. 

A cottura ultimata estraete e fate raffreddare completamente a temperatura ambiente. Quando sono freddi potete gustarli e conservare quelli che rimangono in una scatola di latta con coperchio. In alternativa potete avvolgerli singolarmente in un foglio di alluminio e congelarli, per averlo pronti a colazione non dovrete far altro che toglierli dal freezer prima di andare a dormire e la mattina dopo saranno perfetti per una bella colazione!

muffin lamponi 1

Spaghetti di Gragnano con tartare di gambero rosso

spaghetti tartare 3

Un bel piatto di pasta rende tutti felici, ancora di più se è un po’ sfizioso come questi spaghetti di Gragnano con tartare di gambero rosso, completati da briciole croccanti e un “olietto” delizioso profumato al limone…. provatelo e vi sembrerà di essere in vacanza al mare!

spaghetti tartare 2

Ingredienti per 2 persone:

  • 200 gr di Spaghetti di Gragnano
  • 150 gr di tartare di gamberi rossi (assicuratevi che sia abbattuta) 
  • 2 cucchiai di pangrattato
  • 2 acciughe
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva + un cucchiaio per condire la pasta
  • 2 cucchiai di succo di limone
  • scorza di un limone

Preparazione:

Fate tostare il pangrattato con 2 acciughe e 1 filo di olio extravergine di oliva: il pangrattato dovrà diventare dorato ma non troppo scuro altrimenti sarà amarognolo. Appena è pronto trasferitelo in una ciotolina e tenete da parte. 

In una ciotolina sbattete con una forchetta due cucchiai di limone e quattro di olio, aggiunge un pizzico di sale fino e continuate a emulsionare finché non otterrete una cremina uniforme. Tenete da parte. 

Cuocete gli spaghetti in abbondante acqua salata, scolateli al dente, conditeli con un filo di olio extravergine di oliva e impiattate aiutandovi con un mestolo e un forchettone per creare il nido. Condite con l’olio al limone, distribuite il pangrattato croccante e completate con la tartare di gambero, la scorza di limone e se volete ancora un filo di olio extravergine di oliva. Servite subito! 

spaghetti tartare1

Pesche grigliate al muscovado, yogurt greco e crumble – il lusso della semplicità

peschedellochef2Avevo preparato questo dessert tanti anni fa e ho voluto rifarlo per poterlo fotografare e inserire sul blog tra le mie ricette preferite. E’ a base di frutta quindi perfetto dopo un pranzo o una cena estiva e nello stesso tempo è molto invitante grazie allo yogurt greco cremosissimo e al mix di consistenze e temperature diverse. Utilizzate delle ottime pesche gialle e presentate il dolce ben impiattato su un grazioso piattino da dolce e vedrete che  in poche mosse avrete trasformato della semplice frutta in un dessert delizioso! Per i più golosi: potete sostituire lo yogurt greco con della panna montata, è ottima!

peschedellochef1

Ingredienti per 2 persone:

  • 2 pesche gialle
  • 2 cucchiai di zucchero di canna muscovado
  • 150 gr di yogurt greco
  • 2 cucchiai di miele
  • 50 gr di burro freddo
  • 50 gr di zucchero bianco
  • 50 gr di farina bianca (o integrale)
  • 1 cucchiaino di semi di anice

Preparazione:

In un mixer frullate il burro a dadini, la farina, lo zucchero e i semi di anice fino ad ottenere un composto sabbioso. Versate il composto ottenuto in una teglia rivestita di carta forno, distribuendo semplicemente le briciole in uno strato uniforme con il dorso di un cucchiaio. Infornate a 180°C forno statico per 20 minuti o comunque fino a quando il composto è ben dorato soprattutto ai lati. Estraete dal forno e fate raffreddare.

Mentre il crumble si raffredda preparate le pesche: tagliate le pesche a metà ed eliminate la parte con il nocciolo. Io per ottenere una bella superficie liscia taglio direttamente due fette da ciascun lato lasciando il nocciolo in centro. Scaldate una griglia in ghisa e spolverizzate la polpa delle pesche con lo zucchero di canna.

Quando la griglia è rovente grigliate le pesche per un minuto circa per lato, la polpa dovrà risultare caramellata e un po’ abbrustolita.

Mescolate lo yogurt greco con il miele in modo da ottenere una bella crema liscia.

Impiattate disponendo nel piatto le due metà di pesca, (se avete del liquido di cottura rilasciato dalle pesche versatelo sulle pesche) un paio di cucchiai colmi di yogurt greco e sbriciolateci sopra il crumble che avrete precedentemente spezzettato lasciando alcuni pezzetti più grandi per un bel risultato croccante!

peschedellochef3

Tarte tatin alle mele con crumble ai semi di anice, gelato alla vaniglia e fiori di lavanda

tatin5

Questa torta è nata dal nulla un venerdì sera al rientro dal lavoro: avevo in casa 1 rotolo di pasta sfoglia e tante mele e volevo fare qualcosa di creativo, diverso dal classico strudel, così mi sono inventata una tarte tatin con mele caramellate ricoperta da uno strato di crumble aromatizzato ai semi di anice che ho servito tiepida con una pallina di gelato alla vaniglia e qualche fiore di lavanda per un leggero profumo che rende la torta più interessante. A noi è piaciuta molto anche perché è una torta perfetta da servire come dessert dopo cena: accompagnata dal gelato alla vaniglia e qualche fiore di lavanda una semplice torta di mele è diventata un dessert a cinque stelle!

tatin4Ingredienti per 1 torta:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia rotondo
  • 4 mele
  • 4 cucchiai di marmellata di arance
  • 4 cucchiai di zucchero di canna
  • una noce di burro

Ingredienti per il crumble:

  • 80 gr di burro freddo a dadini
  • 80 gr di farina 00
  • 80 gr di zucchero di canna
  • un cucchiaino di semi di anice (acquistati da Zodio)

Ingredienti per servire:

  • gelato alla vaniglia
  • fiori di lavanda (acquistati da Zodio)

tatin 2Preparazione:

Sbucciate le mele, privatele del torsolo e tagliatele a fettine. Fatele caramellare in una padella antiaderente con lo zucchero, il burro e qualche cucchiaio di acqua affinché si ammorbidiscano. Spegnete e tenete da parte.

Preparate il crumble frullando in un mixer tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto sbriciolato o, se preferite, sbriciolate con le mani gli ingredienti fino ad ottenere delle grosse briciole di impasto.

Srotolate la pasta sfoglia e adagiatela in una tortiera, spalmate la marmellata di arance sul fondo e riempite con le mele leggermente raffreddate.

Prendete il mix di farina burro e zucchero ottenuto e compattate le briciole tra loro formando degli agglomerati di impasto che andranno a coprire tutta la superficie della torta.

Infornate a 180°C forno statico già caldo per 40 o 50 minuti. La torta dovrà essere ben dorata quindi regolatevi sui tempi prolungando eventualmente la cottura.

Servite tiepida, accompagnata dal gelato alla vaniglia e qualche fiore di lavanda! Raffinata, elegante e deliziosa!

tatin1

 

 

Tagliolini al pino mugo con salsa al pane nero di segale e finferli

tagliolini 2

Un piatto che sa di montagna e di bosco, ricco e cremoso al punto giusto, perfetto per inaugurare un clima autunnale che sta iniziando a fare capolino nelle nostre giornate. Ho utilizzato il pane nero di segale fatto in casa, tema del contest Lo Pan Ner,  in due modi: ammorbidito nel brodo, poi frullato e mantecato con del parmigiano grattugiato per creare una salsa che mi piace servire sul fondo del piatto per un “tocco chef” e ridotto in briciole saltate in padella fino a renderle croccanti come dettaglio finale e per conferire un po’ di croccantezza. Trovo che fare il pane sia una attività terapeutica: è rilassante impastare e sporcarsi le mani un po’ come si faceva una volta quando l’attività in cucina era molto più manuale di oggi e poi il profumo di pane appena sfornato che pervade la cucina resta il profumo più buono del mondo, almeno per me.

Ingredienti per il pane nero di segale secondo la ricetta del contest:

  • 550 gr di farina di segale integrale
  • 250 gr di farina di grano tenero tipo 0
  • 200 gr di farina di grano tenero integrale
  • 650 gr di acqua
  • 20 gr di sale
  • 20 gr di lievito di birra fresco o 10 gr di lievito di birra disidratato

Preparazione del pane di segale:

Nella ciotola della planetaria mettete le farine, il sale da una parte e il lievito disidratato dall’altra (se utilizzate quello fresco fatelo sciogliere nell’acqua) e versate circa 2\3 dell’acqua, quindi iniziate a impastare con il gancio a uncino. Aggiungete man mano l’acqua fino ad ottenere un impasto elastico e sodo. Mettete l’impasto a lievitare in una ciotola leggermente unta coperta con un foglio di pellicola per alimenti o un canovaccio umido. Fate lievitare per 4 ore, quindi riprendete l’impasto e formate due pagnotte tonde oppure sistematele in due stampi da plumcake foderati di carta forno. Fate lievitare nuovamente per altre 3 o 4 ore, considerando che le farine integrali come quelle utilizzate per questa ricetta non consentono una lievitazione molto elevata.

Cuocete in forno preriscaldato in modalità statica per 40 minuti, sfornate a cottura ultimata e fate raffreddare. Per questa ricetta ci serviranno 2 o 3 fette spesse quindi solo quando il pane è completamente freddo potete tagliarlo a fette.  Per la ricetta è ideale utilizzare il pane raffremo quindi regolatevi con i tempi e con il consumo del pane in moda da poter lasciare 3 fette a temperatura ambiente per 1 giorno.

tagliolini 1

Ingredienti per la ricetta, per 2 persone:

  • 200 gr di tagliolini al pino mugo
  • 250 gr di finferli
  • 3 fette spesse di pane di segale raffermo
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • due mestoli di brodo vegetale
  • un filo di olio extravergine di oliva
  • pepe nero macinato al momento

Preparazione della salsa al pane di segale:

Fate ammorbidire due fette di pane di segale raffermo in una ciotola con un paio di mestoli di brodo vegetale caldo in modo che ne siano zuppi ma non ci sia brodo in eccesso. Quando il pane è sufficientemente morbido schiacciatelo con una forchetta in modo da ridurlo in grosse briciole umide. Frullate il composto con un frullatore a immersione insieme al parmigiano e dell’altro brodo qualora dovesse essere troppo densa. La consistenza deve essere quella di una salsa quindi regolatevi sulla quantità di brodo da aggiungere. Condite con una macinata di pepe nero.

Preparazione del piatto:

Fate cuocere i tagliolini in abbondante acqua salata e nel frattempo fate saltare i funghi con un filo di olio extravergine di oliva, sale e pepe finché sono belli dorati.

Sbriciolate con un mixer una fetta di pane di segale e fate tostare le briciole ottenute in una padella antiaderente fino a renderle croccanti.

Disponete la salsa a specchio nel piatto, quando la pasta è cotta scolatela e ripassatela in padella con i funghi quindi impiattatela e cospargete con il crumble di pane di segale. Macinate un po’ di pepe nero, condite con un filo di olio extravergine di oliva e servite subito.

tagliolini 3

Reginette con crema di topinambur, crumble al carbone e speck croccante

reginette2La domenica per pranzo un bel piatto di pasta è sempre gradito a casa mia così mi diverto a creare condimenti sfiziosi per aggiungere un po’ di creatività a un piatto semplice “da tutti i giorni” e trasformarlo così in un primo gourmet! Oggi avevo una fetta di pane al carbone fatto in casa avanzato, i topinambur e dello speck: ho improvvisato una crema buonissima a base di topinambur ottenuta frullando con un filo di olio extravergine i topinambur cotti, ho tritato il pane e l’ho tostato in padella per dare un bel contrasto croccante e ho completato il tutto con una nota saporita e colorata data dallo speck abbrustolito, semplice no?

reginette3

Ingredienti per 2 persone:

  • 500 gr di topinambur
  • un quarto di dado vegetale
  • 200 gr di pasta (nel mio caso: reginette)
  • 35 gr di speck tagliato a bastoncini
  • 1 fetta di pane nero al carbone vegetale
  •  un filo di olio extravergine, sale e pepe

Preparazione:

Iniziate dal crumble: riducete la fetta di pane a dadini e tritatela con l’aiuto di un mixer. Tostate le briciole ottenute in una padella antiaderente con un filo di olio extravergine e un pizzico di sale e pepe finché non sono diventate croccanti. Tenete da parte quando è pronto.

Mentre il pane si tosta preparate i topinambur: sbucciateli e riduceteli a fettine; metteteli in una pentola con un quarto di dado vegetale e coprite con acqua fredda fino ad arrivare a due dita di acqua sopra i topinambur. Fate cuocere a fuoco medio finchè i topinambur sono teneri se infilzati con i rebbi di una forchetta. Se vedete che durante la cottura l’acqua si asciuga troppo aggiungetene dell’altra procedendo con un mestolino alla volta. Considerate che per ottenere una crema non ci dovrà essere molta acqua, se ne avete aggiunta troppa durante la cottura prelevatela con un mestolo e tenetela da parte: potrete sempre aggiungerla dopo se la crema dovesse essere troppo densa. Frullate i topinambur con un filo di olio extravergine di oliva utilizzando un frullatore a immersione. Tenete da parte.

Abbrustolite in una padellina antiaderente lo speck ridotto a bastoncini e tenete da parte.

Procedete alla cottura della pasta in acqua bollente e salata e quando è al dente scolatela e conditela con la crema di topinambur.

Impiattate e decorate con il crumble al carbone, lo speck croccante e un filo di olio extravergine di oliva a crudo. Buon appetito!

reginette1

Zuppetta di frutti esotici allo zenzero, gelato alla vaniglia, crumble al cacao e fiori eduli

zuppetta 2Ho assaggiato questo dolce durante una cena organizzata dai ragazzi dell’istituto alberghiero Centro Studi Casnati di Como, che non finiscono mai di stupirci per la loro bravura e preparazione. La loro guida, professionista indiscussa e grande maestra di vita, la prof.ssa Elisabetta dirige i ragazzi con passione ed entusiasmo e per noi è sempre un gran piacere degustare le loro magiche creazioni. Oggi ho voluto ricreare questo dessert che ha saputo trasportarmi in un paradiso esotico profumato, colorato, fresco e intenso nello stesso tempo!

zuppetta 4

Ingredienti:

  • frutta fresca tropicale (dragon fruit, cocco, mango, papaya, ananas, alchechengi, carambola ecc)
  • lychee sciroppati denocciolati
  • mango sciroppato
  • sciroppo di zenzero + un pezzetto di zenzero fresco
  • 80 gr di farina 00
  • 80 gr di burro
  • 80 gr di zucchero bianco
  • 20 gr di cacao amaro
  • un pizzico di sale
  • gelato alla vaniglia
  • fiori eduli per decorare

Preparazione:

Per il crumble mettete la farina, lo zucchero, il burro freddo, il cacao e il pizzico di sale nel mixer e azionate fino ad ottenere delle briciole. Rovesciate le briciole ottenute in una teglia rivestita di carta forno e aiutandovi con le mani compattate tra loro le briciole. Infornate a 180°C per 15 minuti e una volta cotto togliete dal forno e fate raffreddare.

Per la zuppetta di frutta esotica tagliate a dadini o fettine la frutta che più vi piace e sistematela in una fondina.

Irrorate la frutta con uno sciroppo fatto diluendo lo sciroppo di zenzero con un pochino di acqua e un pezzetto di zenzero fresco grattugiato.

Guarnite la zuppetta di frutta esotica con del gelato alla vaniglia, sbriciolate sopra il crumble al cacao e decorate con i fiori eduli.

zuppetta 1