La mia Milano gourmet – parte 3: indirizzi e consigli

milano gourmet

E rieccoci con il terzo post sulla Mia Milano Gourmet, ovvero i miei consigli e indirizzi per trascorrere delle vere e proprie esperienze gastronomiche a Milano! Se vi siete persi la “parte 1” e la “parte 2” cliccate qui e qui.

Se mi seguite da un po’ sapete quanto io ami il rito della colazione: la giornata non inizia bene se prima non ho fatto una bella colazione in grado di darmi l’energia sufficiente per arrivare fino a pranzo e che mi trasmetta tanto buonumore! Oggi abbiamo iniziato il nostro tour de force Milanese dalla Pâtisserie des rêve in corso Magenta 7, un posticino tutto rosa che fa venire l’acquolina in bocca anche solo a vedere le belle creazioni sotto le cloche trasparenti. Per me che sono una fanatica di Parigi, croissant e dolci francesi non potevo che essere entusiasta! Ci siamo accomodati ai tavolini che danno sul cortiletto interno dal quale si intravede il laboratorio con le pasticcere al lavoro, indice di un prodotto sempre fresco e fatto a mano! La pasta sfoglia è perfetta, profuma di burro come le croissant che si trovano a Parigi! La crema pasticciera e chantilly è punteggiata di semini neri di vaniglia, altro indicatore di elevata qualità delle materie prime! Un pain au chocolat o una fetta di torta e un bel cappuccino e la giornata partirà nel più dolce dei modi!

patisserie 7

patisserie

patisserie 3

Se volete provare una colazione o uno spuntino antiossidante, rigenerante e dal tocco giapponese vi consiglio il Macha Japanese Cafè’! Questo localino in viale Crispi 15 (vicino alla stazione di p.ta Garibaldi) offre bevande calde e fredde a base di tè matcha ma anche energy bowls, sushi freschissimo e avocadotoast per chi volesse fermarsi per la pausa pranzo, il mio paradiso insomma! Noi ci siamo stati per colazione e abbiamo provato il macha cappuccino e una deliziosa croissant farcita al momento con crema al matcha davvero deliziosa! Per la merenda ci sono anche cheesecake al matcha o simpatici barattoli con tiramisù al matcha e frutta fresca. L’ambiente è arredato con molto gusto e sedendosi al bancone non vi sembrerà neanche di essere a Milano perchè la vista dà sul nuovo edificio Feltrinelli ad alto tasso high tech! Unica pecca: per pranzo potrebbe esserci un po’ di attesa, meglio andare sul presto!

macha 6

macha 7

macha 8

Voglia di street food cinese? Ebbene si, lo confesso, anche io mangio street food, ogni tanto. Ma anche su questo sono molto selettiva: scordatevi camioncini che fanno junk food unto e poco salutare! La Ravioleria Sarpi (in via Paolo Sarpi 27) più che una gastronomia cinese è un evento social, già perchè è punto di ritrovo di persone di culture, età, provenienza e abitudini differenti: dalla famigliola con passeggino ai gruppi di hipster, dalle ragazze modaiole alle coppiette di cinesi, qui ci vengono proprio tutti per mangiare le specialità gastronomiche della Ravioleria Sarpi! Tra le preparazioni più richieste ci sono i ravioli di carne o vegetariani cotti al vapore e serviti con salsa di soia, la crèpes superfarcita (che Barbieri definirebbe “un mappazzone” ma dicono che sia buonissima), i Baozi che sono panini soffici cotti al vapore e ripieni di carne, gli involtini freschi con verdure, gamberoni e salsa teryaki e il Mo: paninio simil arabo cotto al momento e farcito con straccetti di carne stufata con le spezie. Le due gastronomie cinesi (una di recente apertura a pochi metri di distanza dall’altra) non prevedono posti a sedere nè punti di appoggio ma per nostra fortuna di fronte alla Ravioleria Sarpi c’è una piccola enoteca con qualche panchina che abbiamo sfruttato per accompagnare il tutto con dell’ottimo vino bianco! Preparatevi a fare la fila presente a qualsiasi ora: portate pazienza perché ne vale veramente la pena! A noi è piaciuto molto, abbiamo assaggiato quasi tutto e siamo stati sorpresi dal gusto speziato ma non invasivo dei ripieni, dalla carne morbidissima (proveniente dalla macelleria piemontese lì a fianco) e gli impasti fatti al momento che rendono il tutto curato e fatto con passione! Una vera esperienza gourmet in chiave street!

ravioleriasarpi2

ravioleriasarpi3

ravioleriasarpi7

Vi piace l’idea dello street food cinese ma magari piove o avete voglia di pranzare seduti al tavolo? Vi consiglio Tang Gourmet, in via Paolo Sarpi 17, una gastronomia con tavoli al piano superiore dove poter gustare con calma i tipici ravioli di carne, pesceo verdure cotti al vapore nei cestelli in bambù o altre specialità come noodles, zuppe e paste saltate. L’ambiente non è il massimo della raffinatezza ma per il prezzo che si paga (circa 4 euro per 5 ravioli, niente coperto) è ottimo per un pranzo diverso dal solito e poi i ravioli a noi sono piaciuti davvero tanto!

Se l’etnico non fa per voi vi consiglio qualcosa di più mediterraneo: La Pescaria. Se siete amanti del buon pesce fresco non potrete che essere fan di questo posticino in zona Garibaldi, poco distante da Eataly o da Corso Como. Per gli appassionati del crudo il menù offre ostriche, noci, cozze, scampi, gamberi ma anche tartare e carpacci di tonno, salmone, pesce spada, spigola, pagro e ricciola. Tra i fritti ci sono proposte sfiziose come il baccalà e le chips di patate o le polpette di crostaceo o la frittura di cozze, e non manca il più classico fritto misto o la paranza. Noi abbiamo provato i famosi panini che sono davvero golosi e abbondanti: quello di gamberi al ghiaccio che è ricco di ogni prelibatezza come gamberoni giganti, melanzane, chips, battuto di pomodoro e mozzarella e il panino con la tartare di tonno, pomodori e burrata, delizioso grazie al pesce freschissimo così come tutti gli altri ingredienti! Come dice la canzone, se un panino e un bicchiere di vino fanno la felicità provate questi panini gourmet con pesce fresco e un calice di prosecco bello freddo… altro che felicità questa!

pescaria 1

pescaria 2

pescaria 4

Volete fare l’aperitivo ma siete stufi dei soliti banconi con gli stuzzichini da happy hour? Vi consiglio Fiordiponti: focacceria originaria di Santa Margherita Ligure esportata a Milano in viale Montenero (zona porta romana) e in via Pollaiuolo (zona isola). Durante l’aperitivo troverete montagne di focacce tagliate a quadretti davvero ottime, da quella semplice ligure ricca di buon olio extravergine, a quella bassa “di Recco”, a quella alle cipolle o la pizza fiordiponti con lo stracchino e la farinata di ceci e anche i cocktail sono deliziosi. Una bella idea per bere qualcosa con gli amici e assaggiare un po’ tutte le focacce! Non ero riuscita a fare le foto durante l’aperitivo perchè c’era poca luminosità ma ho messo lo stesso qualche foto scattata durante una pausa pranzo!

fiordiponti 1

Fiordiponti 3

Per oggi è tutto, spero abbiate gradito i miei consigli! Fatemi sapere anche voi se avete qualche posticino da consigliarmi! Alla prossima! Buon weekend!

La mia Milano gourmet – parte 2: indirizzi e consigli

marchesi-3Rieccoci qui con il mio secondo post su “la mia Milano gourmet” dove vi parlo dei ristoranti, locali e negozi che con il tempo ho siglato come “i miei preferiti”. Se volete leggere anche la “part one” per vedere tutti i miei consigli cliccate qui. Dovrete perdonarmi ma le foto sono state fatte con il cellulare in tempi non sospetti ovvero quando non pensavo le avrei volute pubblicare sul post! Non fate caso a Marco che è su quasi tutte le foto, di solito sono io la fotografa quindi non mi resta che fotografare chi/quello che ho davanti!

Partiamo dalla colazione: la giornata non inizia bene senza una buona colazione, ma che dico, un’ottima colazione! Infatti ci viziamo subito facendo tappa da Marchesi in Galleria, cappuccino super cremoso, non schiumoso badate bene, ma cremoso, brioche alla crema tipo veneziana e una vista fantastica! L’arredo e i materiali sono molto delicati: marmo ovunque, specchi e rifiniture dorate, e le vetrine sembrano quelle di una gioielleria, bellissime! Si sale con l’ascensore interamente rivestito di marmo verde e specchi: selfie time!

marchesi-6

Solitamente per pranzo se abbiamo camminato tutta la mattinata, siamo stanchi e ci troviamo in Duomo saliamo all’ultimo piano della Rinascente e se la stagione lo consente ci piace pranzare all’aperto da Obicà, ottima pizza dal bordo leggermente croccante oltre che piatti con degustazione di mozzarelle affumicate e non. La vista anche qui è spettacolare se amate il Duomo, sarete a pochi metri dalle guglie! Unica pecca: c’è quasi sempre un po’ di attesa, meglio andare sul presto oppure piazzate i mariti in coda e andate a curiosare allo shop di prodotti gastronomici su quel piano! Sarà anche una semplice pizza (fatta bene) ma a me piace molto per via della location e dell’atmosfera: pranzare in terrazza ha sempre il suo perché!

obica

obica-2

obica-3

Rimanendo in tema di pizza, vi posso consigliare un altro posticino molto carino un pò fuori dal centro. In via Ravizza 11, la via delle pizzerie, si trova Lievità, pizza gourmet servita su grandi taglieri in un ambiente che definirei “cargo”. Lievità offre pizze per inguaribili gourmet. Potete scegliere tra le “margherite gourmet”, o le “gourmet estreme” ma non aspettatevi la classica liste delle pizze con i gusti tradizionali perchè qui ci sono pochi ingredienti ma di qualità elevata e sempre freschi e si segue la stagionalità dei prodotti come è giusto che sia! A noi è piaciuta molto e se anche voi amate provare qualcosa di nuovo ve la consiglio vivamente!

lievita

E adesso, andiamo a comprare un pò di tè? Certo che si! Adoro andare da Dammann Frères e chi mi accompagna sa già che deve mettersi il cuore in pace perché ci sto almeno mezz’ora! Le confezioni sono eleganti e raffinate e il tè è buonissimo inutile dirlo, ma la cosa che mi piace di più sono i nomi dei vari tè: Paul & Virginie, Nuit à Versailles, Jardin du Luxembourg, Weekend è Paris, Jardin d’hiver,  Coquelicot gourmand, Miss Dammann, mi sento come se fossi a Parigi! Sollevate i coperchietti delle scatolette, annusate i vari aromi e comprate quelli che vi piacciono di più, nella confezione di latta oppure nei sachets, pratiche bustine di seta, confezionate anche singolarmente, che contengono lo stesso tè in foglie già porzionato per una tazza di tè. In Italia c’è solo una boutique in via XXV Aprile e un piccolo negozietto all’ultimo piano della Rinascente in Duomo. Tra i miei ultimi acquisti, oltre ad un ottimo tè oolong al caramel au beurre salé, il mio preferito Bali e un nuovo Carcadet ho preso anche 4 Fleur des sept fées, ovvero le 4 palline che vedete in foto: ogni pallina contiene tè verde e sette fiori di gelsomino e calendula legati insieme che una volta in infusione si aprono e creano un fiore bellissimo! Nelle boutique c’è quasi sempre un tè appena fatto da degustare mentre vi guardate intorno e ammirate le teiere, i coffret e tutti gli accessori per fare il tè, come se foste in Place des Vosges!

dammann-1

te

Ora tocca al nostro aperitivo a cinque stelle: si va al Mandarin Oriental in pieno centro di Milano! In una via nascosta dietro Montenapoleone (via Andegari n.9) si trova questo splendido luxury hotel dove si può prendere un aperitivo immersi nell’atmosfera che solo nei grandi hotel si respira. I cocktail sono fantastici, particolari, imprevisti e scenografici! Spettacolare il cocktail affumicato servito sotto la cloche con il fumo e quello servito in una scatoletta giapponese dalla quale si sprigiona il fumo fatto con petali di rose essiccate, da bere direttamente nella scatola! La tortina ai lamponi per festeggiare il mio compleanno è stata una piacevole sorpresa! Se non avete limiti di budget potete provare anche Seta, il loro ristorante a due stelle Michelin, di cui ho sentito parlare molto bene!

mandarin-2

mandarin-1

mandarin-6

mandarin-3

Rimanendo in tema “orientale” ho 3 ristoranti preferiti da consigliarvi: Bomaki e Tamakinho per il sushi nippo-brasiliano e Zazà Ramen per i classici Ramen. Andiamo con ordine:

Temakino ha tre location a Milano: Brera, Magenta e Navigli. Il sushi comprende temaki e uramaki in stile nippo-brasiliano quindi molto colorati e saporiti grazie alle diverse salsine e spezie e da bere si prende di solito una caipiroska; quella al maracuja è fantastica in abbinamento al sushi. L’arredamento è molto colorato e d’estate si può mangiare anche sui tavolini all’aperto. Essendo uno dei più buoni ristoranti nippo-brasiliani è d’obbligo la prenotazione, soprattutto la sera o nei weekend, il sito è ben organizzato per la prenotazione così non dovete neanche telefonare. Una bella esperienza che definirei esotica!

Qui sotto vedete l’esterno dell’ultimo Temakino aperto: è proprio in Cadorna, in Via Boccaccio 4.

temakino

L’alternativa al Temakinho è Bomaki :stesso stile giapponese-brasiliano, offre uramaki, temaki e altre specialità golosissime e piene di sapore, è ottimo se vi piacciono i sapori nuovi e insoliti.  Il locale dalle pareti coloratissime ha il bancone con lo chef in vista che sminuzza le tartare o fiammeggia i vostri roll. Anche qui i cocktail sono fantastici! A Milano ce ne sono tre: Sanzio, Foppa e Sempione. Noi l’abbiamo provato di recente e di sicuro ci torneremo per provare la vasta scelta di specialità!

bomaki-5

Se state camminando al freddo da ore e volete riscaldarvi con una bella ciotola di ramen vi consiglio Zazà Ramen in via Solferino 48. Frequentato da molti giapponesi (è sempre un buon segno) offre ramen personalizzabili con vari tipi di brodo: shoyu, shio o miso e ingredienti solo vegetariani o di carne e pesce. L’ambiente è tranquillo e l’arredo ha un tocco giapponese. Il servizio è veloce e le porzioni abbondanti. I ramen sono deliziosi e perfetti per l’inverno quando si ha voglia di “comfort food”. Per veri japan-addicted!

zaza

E questo è tutto per il momento ma ho già una bella lista di posticini nuovi da provare, seguirà il post non appena avrò sperimentato!

 

La mia Milano gourmet: indirizzi e consigli

Duomo 3

Milano è una città splendida, non a caso è visitata da turisti provenienti da ogni parte del mondo, e questo mi fa ritenere ancora più fortunata per avere a portata di mano una città così ricca di tutto: arte, cultura, eventi, design, architettura, storia, moda, ogni angolo di Milano è una storia da scoprire e ogni giorno è una bella occasione per partecipare a qualche evento, mostra o provare qualcosa di nuovo! Oggi però voglio parlarvi della mia Milano gourmet, dei posticini che nel corso del tempo ho scoperto e apprezzato e nei quali sono tornata più volte, e che mi sento di consigliarvi. Cliccando direttamente sui nomi evidenziati potete visualizzare i relativi siti web per maggiori informazioni.

Partiamo da una delle vie che percorro più di frequente quando vado in centro: Via Spadari, non a caso chiamata Via del Gusto. Qui troviamo OTTIMO MASSIMO, uno dei bar del centro dove mi piace fare colazione con “cappuccio e brioche”, piccolino accogliente e naturale sia per il menù sia per gli elementi di arredo ispirati alla natura. Le croissant sono quelle francesi, leggermente salate, burrose e sempre freschissime. Non mancano yogurt con muesli, macedonie, cookies e torte. Oltre alla colazione e ai dolcetti confezionati ad arte anche la pausa pranzo offre piacevoli sorprese: il menù varia in base alla stagionalità ma potete stare certi di mangiare sempre qualcosa di leggero, sano e naturale anche perchè Ottimo Massimo collabora spesso con chef da tutta Italia che creano piatti gourmet.

OM8 OM7 OM6

OM2 OM1 Ottimo Massimo

Subito dopo si trova il negozio NOBERASCO, che ha sempre vetrine spettacolari fatte con la frutta candita. E’ una bella idea per fare regalini, soprattutto sotto le festività, o per andare a prendere noci, nocciole e canditi di ogni tipo e qualità.

Milano 7 Milano 6 Milano 5

Milano 4 Milano 3

Segue LADURÉE, regno indiscusso degli ormai famosissimi Macaron! Le vetrine sono riccamente decorate con le caratteristiche confezioni dai colori pastello e le piramidi di macaron, insomma un paradiso! Non saranno certo economici ma sicuramente deliziosi e bellissimi da vedere, perfetti come idea regalo romantica e raffinata!

Ladurée5   Ladurée1   Ladurée2   Ladurée3

Proprio di fronte troviamo PECK, il tempio della gastronomia di lusso, che può tornare utile per cercare ingredienti particolari e acquistare prodotti un pò chic o semplicemente per ammirare le belle preparazioni gastronomiche e prendere ispirazione.

Un’altra tappa consigliata è la boutique di tè LØV, si trova in via Victor Hugo, che è una traversa di via Spadari. Il negozio, total white, fa risaltare ancora di più le scatolette in latta tutte colorate, e c’è una vasta gamma di tè e infusi tutti biologici disponibili sia in bustine che sfusi.

Lov

Sempre in zona vi consiglio la panetteria PRINCI, situata in via Speronari che è una piccola traversa quasi nascosta della più famosa via Torino. Una “gioielleria” di pane, torte, pizze e focacce al trancio, ogni cosa è sempre freschissima, si vedono spesso i panettieri che ricaricano i banconi portando in spalla teglie enormi colme di ogni specialità! L’arredamento è minimal, con pareti in pietra e colori naturali, come a ricreare un antico fornaio in veste moderna. Il forno è a vista, indice dell’autenticità dell’hand made. Quì vi consiglio davvero tutto, non sono mai stata delusa. Sul sito c’è l’indirizzo degli altri panifici Princi a Milano, sono tutti più grandi di questo con tavolini interni ed esterni per gustare in tutta calma le delizie del forno e la qualità è la medesima.

Princi

Ci spostiamo ora in via Vittorio Emanuele, dove ha di recente aperto IL MERCATO DEL DUOMO, un progetto speciale di Autogrill, secondo me ben riuscito sia negli arredi e nella struttura che nell’offerta gastronomica. Appena si entra lo sguardo è catturato dall’ulivo secolare “simbolo di pace e dialogo tra culture diverse , del contatto con i frutti della terra, del rispetto per le proprie radici. Realizzato con una fusione di ottone dall’artista Adam Lowe e dal suo laboratorio di Madrid.

Ulivo 1

All’interno si trova un ovo bar, ovvero un angolo dedicato alle preparazioni a base di uova come omelette, frittate e colazioni, un fornaio, una caffetteria che fa anche il caffè con “la cuccuma”, una speciale caffettiera Napoletana, il frutteto, la griglieria, la pasta fresca, un winebar e un’isola dedicata alla cucina di strada. C’è solo l’imbarazzo della scelta! Il Bistrot si trova anche all’interno della Stazione Centrale di Milano, ottima idea per fare colazione con le croissant francesi quando si va al lavoro o mentre si aspetta il treno.

OVO bar seppia    cuccuma2

Bistrot  Il Forno

Un altro dei miei food shop preferiti è EAT’S EXCELSIOR che ha preso il posto del vecchio cinema Excelsior. E’ un piccolo centro commerciale di lusso, al piano superiore c’è oggettistica, profumi, Tiffany, Ladurée e un bar; al piano inferiore un foodstore di qualità con prodotti selezionati e ben ordinati. Una piccola enoteca e un bistrot elegante completano l’offerta.

Restando in zona centro, passeggiando lungo via Montenapoleone, se non avete tanta fame o volete fare uno spuntino vi consiglio CHIC AND GO, un piccolissimo locale che fa dei panini d’autore sia da asporto che da mangiare in loco con ingredienti speciali: foie gras, aragosta, granchio, carne salada, carpaccio di salmone e salse freschissime che trasformano un panino in un concentrato di delizie! L’unico aspetto negativo è che i panini sono piccoli e non proprio economici ma il prezzo è giustificato dalla qualità degli ingredienti e poi siamo pur sempre in via Montenapoleone!

Rosa

Una alternativa altrettanto buona per mangiare un panino è DE SANTIS, il punto vendita storico, nato negli anni ’80 è in corso Magenta ma lo trovate anche all’ultimo piano della Rinascente. Anche qui potete star certi di mangiare un signor panino, fatto sempre al momento con ingredienti freschissimi e affettati al velo. Si può proprio dire che De Santis abbia fatto la storia del panino a Milano!

Se avete voglia di una vera pizza napoletana provate GINO SORBILLO, in Largo Corsia dei Servi, una traversa di via Vittorio Emanuele (per raggiungerlo facilmente basta attraversare la profumeria Sephora, entrando da via Vittorio Emanuele e uscendo dal lato opposto). L’ambiente è spartano, con tavolini piccoli e piuttosto vicini, il servizio non è velocissimo proprio perchè è sempre pieno, ma la pizza è proprio quella tipica napoletana, con il bordo alto e soffice. In vetrina c’è un display che conteggia il numero di pizze: gira voce che dopo la quattrocentesima pizza non ne facciano più… per sicurezza meglio andare sul presto.

Pizza   Pizza 2

Altro mio posticino preferito è il CALIFORNIA BAKERY, la sede in centro a Milano è in via Larga ma sul sito ci sono tutti gli altri punti vendita. Anche quì tutto (o quasi) testato, approvato e apprezzato! Consiglio l’acquisto del loro libro per poter ricreare a casa i fantastici dolci. Una bella idea per fare il brunch nel weekend o una merenda quando la stagione è più fredda.

Un aperitivo a 5 stelle lusso? Sicuramente l’ARMANI HOTEL: appena entrate lusso ed eleganza si respirano in una fragranza calda e avvolgente. Salite al settimo piano e ammirate il sole del tramonto che filtra tra le vetrate e si riflette sullo splendido marmo che caratterizza il bancone dei cocktail. L’atmosfera non potrebbe essere migliore: la vista sui tetti di Milano, la musica lounge, i cocktail ricercati, i finger food da chef e i colori tipici della maison che si arricchiscono di sfumature man mano che il sole tramonta. Se siete fortunati potete anche incontrare Giorgio Armani in persona che controlla che tutto sia perfetto!

  Armani hotel 2 Armani

Un altro locale top per colazioni, pranzi o merende è BIANCO LATTE, in via Turati, il locale con l’arredamento più carino e romantico di tutti: parquet in legno grezzo, colori candidi e dettagli naturali e soprattutto le casette-lanterne che quando fa buio riscaldano l’atmosfera con le loro lucine accoglienti, uno spettacolo! Oltre al gelato, buonissimo, e tutte le altre proposte dolci e salate, è carinissimo lo shop dove si trovano tante idee regalo! Se volete solo bere un caffè vi consiglio il Biancottino, caffè servito con cioccolata calda e panna montata!

Collage biancolatte 2 Collage biancolatte

Lanterne

Dopo tutti questi localini chic e raffinati bisogna anche un pò trasgredire! Niente è meglio del mega hamburger di HAM HOLY BURGER di via Marghera, che fa hamburger di qualità, con un tocco gourmet sugli ingredienti. L’ambiente è molto newyorkese, scale in ferro, tavolini piccoli in legno e travi a vista sul soffitto. Si ordina con l’I Pad e le chips sono servite in vasetti di metallo, bellissimo e gustosissimo!

ham holy burger 3  ham holy burger 2

burger 3 burger 2 burger

Se dopo l’hamburger avete ancora fame prendete il dolce alla GELATERIA MARGHERA, nella stessa via, che fa uno dei migliori gelati di Milano! Anche le granite sono ottime, di tipo siciliano, che sembrano sorbetti, fatte con vera frutta e servite a piacere con panna montata, che con la granita di fragola è altamente consigliata. Se siete degli inguaribili gourmet vi consiglio il gusto pompelmo dry, una granita al pompelmo rosa con un goccio di campari, favolosa!

Vi lascio la mia piccola collezione di foto della Galleria Vittorio Emanuele, non è magnifica?

Galleria

Galleria 2 Galleria 3 Galleria

GalleriaDuomoDuomo 2