Quadrotti crumble yogurt e lamponi

quadrotti2-1

Ho fatto questa ricetta che ho trovato sul Sale&Pepe di giugno e l’ho portata al lavoro per raccogliere feedback: ebbene, sono piaciuti a tutti! Perfetti per l’estate, questi quadrotti con crumble ai fiocchi di avena, yogurt greco e lamponi sono facilissimi da preparare, non richiedono attrezzature tecniche o particolari abilità, hanno tanto buono yogurt e si gustano freschi a colazione o merenda! Li ho rifatti già tre volte perché anche Marco li adora così ho deciso di postarli per tenerne traccia sul blog! Grazie Sale&Pepe per la ricetta! 

Ingredienti per 1 teglia:
  • 125 gr di farina 00 (io ho utilizzato quella integrale)
  • 100 gr di fiocchi di avena 
  • 16 gr di amido di mais
  • 100 gr di zucchero di canna
  • 30 gr di zucchero semolato
  • 1 limone non trattato
  • 1 bacca di vaniglia
  • 500 gr di yogurt greco 0% grassi
  • 300 gr di lamponi
  • 110 gr di burro 
  • un pizzico di sale
preparazione:

Riunite in una ciotola i fiocchi di avena, la farina, lo zucchero di canna, la scorza di limone grattugiata e un pizzico di sale. Mescolate, quindi unite il burro freddo tagliato a dadini e impastate con la punta delle dita fino ad ottenere un crumble ovvero un composto a briciole.

Tenetene da parte 140 gr e compattate il resto in una teglia rettangolare o quadrata da 20 cm per lato rivestita di carta forno. Dovrete formare una base compatta come se fosse una base per cheesecake. 

In una ciotola mescolate lo yogurt greco con i semini della bacca di vaniglia, lo zucchero semolato e l’amido di mais. Versate sulla base preparata e livellate con il dorso di un cucchiaio o una spatola in silicone. 

Distribuite sullo yogurt i lamponi e cospargeteli con il crumble tenuto da parte. Fate cuocere in forno già caldo a 180°C modalità statica per 40 – 45 minuti. Sfornate, fate raffreddare a temperatura ambiente, quindi riponete in frigorifero per almeno 2 ore. Quando sarà ben freddo potete tagliarlo a quadrotti e gustarlo! Conservate in frigorifero su un piatto coperto con pellicola per alimenti. 

µõ¿Ó%ƒë+%âl°;üò£Ê4Ï1ó}½ÄwÂX‘”¨¥ˆâÍN
:m—@X¦R‡4“FÔ'“pH•I µO-¨Tý×8eQcrLâUu¸³“Ò‚È5ìnhÄð`1ìÌßgy$%iɎ&4úÈ~cmsHŽYYI£Ó¹?Ë^ƒ7Q•‹t²iG»7Z¬¤‚3é ö]¿^cÈÙfv°“L
ƒO7hKw%©¸	,@4œ¶
¤lIðí•ø±¶ó§˜Ôa’zÈÂX~#}é†|cšâËÁiܺÚ_Üê|¦7ÉjõFd12Ð xéQ¿e²ŸÛtrFžgåíSRÒ¼É"ÉÆ8Õ%õ-Y¾)9 ]¤}ú.@ì)ÙdÀ%!¸f×BÊ=9渍È1À‰**…6Z·Å˜ç›Ž90/.éòkZâËtÌ WÙjÄԁ™0Ø[DùÓØ4{m쁃Æǒ%z
Œ²É¶ãˆ•.‡ÅÄSzb›Rµ°¥hiZøbßÿÒâ½åÄz›sf•P
©Qˉ۷:rʌ@;9`ñlþK5Ê‡„’?&õ®%R6p C~JG|¦GtE,Ñ4ù4›k›û’VÊykR]yüAöBò" õÉq¢™=óAyå™.AõÐ	‘WÂ]~ÊÔÿ/òaâ݁ëºæ¡~,VX$åh}	Ìl$VN‡–ý>Îd`9qÔêÍ|·¤
+ËCQ¾ÔmßIԙEºÅ'&‚í·ôåWZE#©‡žW–>LâGÍ3Õ4&Ž.R'…SÒ*̌_z„§>,Å$‚€ašÌB4”LD78ª-Q°<X×öTòrìrH‘ƒ^O-¥ðhæ&@WáøÇÂÝ<kÿ
–ífÁ¤É$T”½=8Ù&Œ±w_ÖVd-°@—¥þLk“Ç|Ú|©Á$
væTn¡È,(wjÔñÄո‡èžX¿–<đ܈c’Hžªå@‘
?3,T·iâž=­æ}Ix¾ Úš[Þ݃õU”ñfa촱ʧŠ-˜ç:â®(„»EògèëqnÒ«4ÛsMö‘5ú2!°°ÊäÌDEPøQ?WL.`Ǽѩ-µ©AöÈ;w¡Ä É›âbjw8±·ÿÓ柙:µ°^p²¼ˆ rfoÚ«‹NGìæ8“•äÃ˞f·»òüveR[©WÒ¸ÈöHÞ»má‘ɱ •ùÃÌqÚ-œIꆒ O15jsûWÅ —Cæ+˜ì§··•îVáJœQ T 5<†Zi³Ãš{å}f[—½d0€Ê©,Jc¤jxðRE§/Š¿iW%{5Ôn‘Ò®|éDï5´œ¨:DjÉ)sðJüäE§ÅÿlD¸EµÎh²½3YŽÛX»Òî¦u’áù˜d
"ºˆÍAøÈ?Ùl ¸O0ÇM¥§˜/¯.çŠX'eà:O†‹ÄŸSù¸ý¦.,ø˜áp¹(~D)ñd ofR‡‰ØßK/¦³1ÂôÿWâʸœÃ“¯VE¯ÛI¦ú—745…ƒŠ#CHÅhxjÍñ?ìä.ËP=ÌsÌSÜOi,sBEÔ°ýa⌍Ì*2O„¯“ã&ÓÊ«=~DÕjÇ}¼kÉÂvpµ4e²l©úžµvèÝ%´$-Á,…[ÃÔÌlÒ²ìrŽF=Ñÿty:Îk{Y^^¯#T×áZô¡÷Ë1ƒN8í_Í
½³3ÐÇ&=«–3·”ëš«^ê;#&«òIžíƒ§nØ£gÿÔæóù³YÕ&wÒ,‡©3˜§!ƒ;òñ^h€œÆéØG“½Žm.ôB%Ü,&¢uW"†›Óâ­rA®T!Ð<«}®4¤[C%YÙ¾'5Þ¥›$!mg1ŽÏMÑ.ô‹89z"éØq]¹Tž›|3 6k$îšK%¯—ô«¨Â$+ñEãÁ+V~'¾@æ¡Eœ1ñLRÓTÓtýõXĐ¥ËÉ[7䖎ޙøx¨ýž9ËnQEŠ[붷Åì6Æù¦F*¨¡xQªV”g‹~ÖZ
X
¹ð£´E×n [[X[ҌÖÚÚ2V8ËV¤ÈjOÚýœx-2ËùÿIçï&ÝY~_jwäFñMÇc`$•A$š–cŸqe—Š^O-ӆŸFÊ$vä7ØlùL¸›áÃÜÉ
o~¿X¯Ù[ƒqÿžLÜÿÊÉéãR°ÔÊàv{êÙú7ÒÂaÈ vÌÒëBG¯ùsQ¾7S,¯, G5¬aJØS—a¶Í^Y“.NÖ1öïkM´¿ÌK”¼ÔôÿÓI±ð^.C2ó,}Bâþ#ˆŸ¦+¤Ü­Æ‘¨«Ì«r—
‘B	ÝɸUäMÕp˜Y
¹%ÃÒôC˞P¸Ôf¨ôã%T
’ÄQvùõÌÂDbë±c92_&h—SًíFåäšG3Z(4Cꝅ'Ãùsí°vZ™Üªž…¦ÛKnUï¡qB×W®Î½•öZcâìßñå!_ҊAò£Zy§êSʓ¼kÊÉöA#ìŒÈÄ.·$MpòzfµsDº`¤[)ê
Sù·Ûc¶Uª”‰rc¤…$'–ß֌Ãîãµ
Èðò­ŸŽ1fÛÕ»&WxlË6áV¦»v̆5»Ì5K®sÍ-kɎÿ,	,Fþü¿*l|ûâÖvdšåÄ×PÏs+Ç4Šã³^ƒîˆ7Y·ÿÖ"×ü篧,`bMà4H(®åˆnŠ¹‰är`Þ`ò½ÜzÖ/îc辌|XLÕ¥Àý™|4®[{·	Ø1ïCyXÈÖб/4%ªH»SOöXdÔ9={HM=ï›P–4žâÑb‘GÙ©ãÉGnKïör’J‰P¤GšÌ’i“N-¤–ÚÝÒ]Sš†j…FÜõªô
%x©äW¶ºÄ3-̇™øáæԐr4	©†k2Á•×ù{«Iq¦[‰™£ñxÓõœÈ„¬8¤ØEê§~™hk|íÿ93æˆõ_9YyzÍÌ°è‘:¦õ¹šŸ
í*ø|§,›ðG«Óî.í#Iٝ"ôcZ!¤?îµ=nßŘrósã·&Qä­'ë~h‚(ÑÏ¢W›Lk#¥ŸjrÌÝlۇ¬–ÔúJÚÁ'ÓZÒqD}…Ù#£‘Í”ãaփLNâÞâÆ領QõìGb>y‰M¨Æ™nì~§"©BkȊúåSÄ%͜2òV·Ð<º±M<âa+Ѝª˜0m~?³•eÆ:ìyO{Íõ¨í¬.’Ò mÖ³¬à©yX–iûÔâ+û+û?bBRg2@KšP7O©Ç
ãÅÊþî`Ôe]χ÷dŸ³ö~×Åös"9X…rٚhšJÙY$QþòG&IæîÄÿAðå­À"üÇt¶úêú=»Z›9Ö)$šmO›UJ¥fk“'³”t¦TE(Æm5}ë—òÇqs%ÅÇÔÔ}¸ÕÁnO„‡àÿ%r34h)‰¯&CùM=Ǩ!qÆ6¥	ñ̌gg_˜Qz—™<Ûaå,]ù‚íÈ1!ŠÚПï'©TT¯óø˜Ûvª½Ÿ*éažç¸Õµ7&òG{©nc@Òú²ð¡cEؕû+˜yx®ÁÝØbªá"Âm=§—ÌO5•ÑG·	3£’»
‘%Hø˜|9÷ÝÉ<Jü˜òó”}Je"IH*Äoöªßi±ðÅÒjgr{d ª@è|:¾ü¼8å«ivڄ…š1XäE{òNW8Zc*bOo=¤¾œ¢žnñ(,Õou»}+N’öàrHéD¡<›° ß1õ8cmú|Fr§šêún·æ/0\Á'Ô´«•^@̈@,ŠXT1a˜ð‡iŽþ&Ki¢Û,ѳ)’PEe‰ŽÝIþ™h,bÉÂ` ‘EU…yúùš%´R@êø”y¼¾þ)fžÚÊÝyÜNÀ*Žåyʞ¿åÏ/iú.™ºÒ¨åj]AظŽVõ-É-ÁKš•e!¸PñãOÚÄOjlqc‰¹_Íeú”u‰´å´xÀŽ-5ÇESû)þ8c«VmnþŸK*Ñ*,¢ZJ8£Í|*Jô$´®X1z©Ë™d’h~[ò¶.­,vv6ËÎIœøtŏl°
q‰%󿞿3&󗘒Iàã¡Ûi!#Šši
Waíð/Ãüً˜™rs0G‡šôš[‹Û¨¤…‹pŠF·!à­Å¸ÿ)#1<I¨9¢¡Fh,šÖ£…¥¨C)¼”9QÎÇØõs/MŠ@¸Úœœ1§ÒÞ^ÒbÓ´´Š5Ú5 Xƒí›<ÜUéuP Ñ–í©¯Õ¤#±©ÿ“Û%,Ñ¡§”’KZúÔ^”Vʛ“ÎB
ß é÷æ>LÀòN=!êXèŽK¥•fun) MŽÌ|sFÜÈcŒy# ƒn
DNÑ Ûoiß$Â#XÆÔ
6§l4i©j	d·Â{WÂóÿ3ÞÇê¼äò,(p2,[@Ôôë=JMRñ¹K”¶‰EZ§í7¶Ûe°rNÊÚלuM]ɵ³5ª)ø˜”rîm"4‘ýNFª1
P<)·ÿÑ"Ñ<ii ‡SŠK[…ê²­ü˜m’Œ@D¦KÐt,XDŠa
ÃÄP倢K&´ÓcŒ

a¦6¬4M<Èe0 õjN4ÄQÙÛGöT{Ó1/8~mùCË	,(ÔõdiÖ¬¬Àöõ¼#3Ë!<‚<Û!ŽRäù¿Î˜ždóž¯Î¬álâoô}6*ú-z‘±’OòÏû9DçnV,|%}¿”íî {Ý6už5©’Ýþª:„N§1%”Žn`Æ
ë[Mfù,Œ-ÜÊ"°Šc
žõ«vöËqcñ
¬¹8—¶yË:W–lb{©Q.Xr`wbFý:œÜDâ]L¸²•ËæPǕ’7müO_Ù
Å©Nç+ñÎý[#¦¾{%7Ww2ɒre™¸»HzPmð­µ2ƒ-ï½Í†06îU1C
íô'oÀd[Fè)ôÄ»µv²š·JႳ
Nª@Ød)‘$Õ½Y­âÄvàŠp½:ì0Ó$:ÎÍVGbÙ ÜûãI´Dú¼ˆ©ºó¸4݆ۧÑÃ~æ9æ©E³¢Ìþ¥ä¢¼k@Ë
Í<Å©7.54ïîq¯$©"´ŽiÛáê|zeñ‹&Ò´XˆS3UºÐïò̈Á¦RdqÚ±ª ØÓ-¦»ÿÒçù™æý'UšÒÞáÖÕ°½Q<Cméê|cý‹ñÊÄäodÈô¯Î=HÁ4×Z
›¬}I­å–ßvØ|4‹ß¨®‹ù[êŠ_ùÈEHÁO/9oyð×þ¹gŽ;šÿ,{ÂTüýóz@­g¢YÚ4‚±¼ÒËphFÍnj@ï±ß#ù€Ëò§½Œßù·óÍÚEä—Z´±Ç	´³¥¼lµ4‚²©âk_|˃ žG#zkO‡a¶ÖÿÿÓKò~ªÂ¦ò.KÀˆ¸ý¤#ìî7}òf6ÀH†	qåKF°ÔRÕ½{{¨ÂýVEäÁÔücŠ¶ÄýœÆž-ì90͵%™Pë³ {å&Ð(²MF1¨yzÍÒdyìvæ€HёöMOÛZ|'ýØ¿åe`Ñm"Â]¡Îtë±z!õÑTóÛ‡8ÛcÄÕEpÈ^ÈnŒ¶¸··óÇúØgæÕVÑ@A«Úé
9ž	RV%-’cpQGÁ`•åOŒðþ_K#õK}bÂâ­${«—H™â¦!ˆ¨#âˆÞÏ"·oKúœo¦[Ú³±ŒÆ3lÌH©-ÓÇ|ØDmL¸wI§’ÒÄRg·LiL‰ÝkuÓìãâXwzvșQ‰)&¥ù³¥ÆU!”1]€jýš|¶ÀdššMsù«%і奵´B³° {Õ7ޙ6"Q“/ÏPꖖ±Z·©}4‚/Lü,rjÙÃÄÙ)ܺEúÈ·„›EVà¿d7e'g²G¨êØAt¬A•”HìzŠî|ñA/£FºSÅ|)„!4њõKúmêE”õ²üYˆiž;eqkיâÔÝIÜfpÌ)Å8ËÿԓÉ1$MEu.ÇûÄßv_lµ¥.½Ð⹈†]ܕIIû‰Ûå¶
M°­wÉmÛ}¶Žâ0^;¸B©Û®æ¡¸ÿ•”lŽBô>M¿–å¾·¨MÎy%¸Ud_¢Óß%OŽI–¢aè7åO–„²½Üǧ6g$ûŸFdø0€ºqÎiËkN¯ô‹
.õ’Æ«ˆ‰Ö4ñWq°ä͘ڝGðÅ¿/â’S5æºoíl'¹ôl‘`U**—ûd|$ӯŘ'«—C¢Yuæ]>ͯKaqªÐ^’§ÕŒ+U+néUêy+.2™ðógwO:¸ó?™®îe¸vêß»–P*H5
d9Qˆ;ÿ|Emü/¡tMb-KËi¬
ðx‡ÃZ•ee?&Û6p•‹qòPó÷Ÿ|תC©»[ݝæôL׎ó°ø¦VZšx®Ãl¬L‰y0ÂM®Þ[]N¿V¯½hGѾZK“l¯¦jQi×wvï/­B$‰øºTM°lÕEè?’ÞGžÿ[·ÖåJYiü¥¨èÓ2@¾?’ßËÇ1fÛ/o7¥y¢xÖñ"¸q¤jY‡sݏ¾ß
å­½/«Ãüç®Í{q;Zô~m$Ž¤tRö"ƒ*3×.I[Êô.¾¿%çÍHb¥IùW¤æëHÔ¬"‹ÕEäéËÓ¨`iàGÙÀE,MòR‚9®âWHŠ¼d?N@wö*zb©í¤¶„ÏI6bzOC풶*òKj—âïBürL©ÿ՗y½Ò§JM+Qür֔=̲Kú|*vwÛðÀ”¶âÉjë Ä#=š”^Tû!°&З1ۉ¸õk@ý’´ä×áÅPé&©asš|Å#Wj²3rV¡îÃ)ȊµŒEÚAóC­jº‡˜¯
Ïr+nhC»QÌJ쵘’»ÝÉ@/ùƒæY'¹†{’;kfÖUe,j¼jê+ñoð®SÇiɎ)DYc–WÎY./=O¯­ÒVENOFø[—¿üm•J=ܛAïM[ËÚmý×?PYoæŽÊ%%œ÷â´C÷.@ªÙqGŸ'¡y~ÃÌÚWåÌö:­ Óî#iL0‰äôœò
 RÁ¥¾Y³„LcM1ÉOgù[ÉZ'™'Ô¤Ôã–òòÑÔF¢fn	Ü-	«a%´‡÷®êcZü$+‚ô$qLa1A	Áåwp±
`´ýšxPe£mšŽû¢àÔ/®d÷“H_ˆšñö値R}jg†Ê9BRòû8­B?•†XÈZuk¦
ERkr .žn»5v?FBÙRyú7O;ºß´
ÔxàÝ_ÿ֔˜eú荀X_”‘ÐԁQ¶Ý÷¦XÔ«vm–¿X ÏFôÑw¡ë_õ±BUwõ‰Ð ¯Š1е Ÿ
`J]4@*À•ó¸.àûíŠTþC…|u;ö4À–3æÝetØã1½´×Q‚Å%£Ð
¾Þ¤ššœÅ͐Â-ÌÁˆ×cÞYMÿUˆù…“‡y%µ½E UVƒŸ^çÃ˜ü"ùšrl£¼­ä›ÍzêQjގ‘q©Lø@_÷dì¿î¥?í·ó[‘òjɘDIíÞLò›¢Û•Ó 6þ¨çPš{qOçz	¿ÃqEþΌäàNd›,‡WÐí$Ñ®mãã2f}úu©Ã.LðΤÃõï*]ØiñÇ¡/ ­u«ÝÆJ<¡¿tˆNÂ8——ÀJòÌLs׎DÏéþ¯Eó'˜ßN´Ôi¨%ÌÏ
Gá?îл3£‹-ñk›‰=<xˆ…•yoÏÚ&ª_NbJ[ᒕ§ùÓ$$DðN"ú3«[«~!¹±!zWùEXÇÝåpó]Ì÷¦ÂÕk5ÃzQŠ“ñ;PtùåR;»	v±ùwfá‰ý#ÈÄ𕁫sð$÷ÃÀ'_â›Ý_ê:Ž™æ6©ŽHY‹[¾Ç„´©V¡ªš|/•F<ÙÊCe¡SÔ[êÑú9¬k·
éAöŽ	΃(Fù¢oÐÃ{ssh~$²¯Cé€9}‹d v÷²—4ÎÒùµVvSê¢ò¢Šü4­I4ÀlYQµ{hýX©"žP×®ûá€ìÈ"-SÌr[£ýVÁJ^„ŽÕÛí³d­ìÿÿ×:mB{yŽÊìd{Wgä%T“CñöËHR·¹
ÞHÿ±êj)¶I„pñäŒôIFÔS¡û±TƒSÿGyy©XæýÙ¶]èiÔ7‰þlJ„¦þ[Hbž*ü¨g$u
	¦U’T6mÇ,[&úàÝ,³ÛD$à’_4‡~¹3esÊ^Rþ«ž":ìŸycȇTԝ$»coñ_ÞCnjkû(µ%Œ®~Êðÿ+örXàdj©†L¢#Íîþ^òõ¥µ­º­¸·³·³²Ë¿óÊÿiÙ¿k6q:ÙH’È…:$±b¾}Õþ«eõX܇
.e	¹áT+û.Ã1s΅9zxù¯,5]y§Êk,	ª5ÃÅ<iðqAðŽ´ûa~þVc˜›øDJOä‹ïP.‰_W¤åvÎCeéó®¤vjú¯ÈÔ÷éü2ÈS$çÌ¿—ú_œ4e·”u8->ø
Õ¿‘ÿš'èËÿd¥c*/v›F¼ºÒ/"6ڝ°1¸ëÂq piUáNö—0gŒÛŸ	ŠrS-Áªž@](Þ¡Æ}ö<—$€7Öz7š%}=9hÓüOϖB#mÙH²«}B(ù#Âwz27ZoØåej=;V˜4¶×(ݑ(NŎÿO˜;5˛ÿнÝÍÄSÌ
†UêI­+_
«L›Z¾hÖzœÖH®`IHUر+ÈR‰°ûX¡‘Ê!ŒñJH7ãd°ªI«ªefî#ӏaȁC_£CÎ<Û¬ê6–vHÞé…eEýé@à¬~ʖ#eþlÅÉ)næb46Ilt¡-徛g™$¯ÄÌç­+âí”û›½ï üå[}:Ú==í[Õ½qþî»`+SÝaf~,|"~œFٟ°ËSM*F…˜Ð¹He”Ešy˜¬ãÕ$֞I˜MqWO¼(¡ÏAEø³[âq›vӗ#ü/¿±¸Òµ‰ôiÅÆ9ÒpÒ?¨(O%ûEhs/°Ày§¾^Õ#òíãYÀë*üK%ð™Ñ€4'qÆ64ÿc’8ø†í–êš}ä±ëÖñZÍqwvÞª^ XÚç—ìµ»*1‘(¼¤û³€Â";0“»¿å&¯tÞ¹¹S+Rbj¿hŠåà2#v쇧s2Ò´ëxíàë¢É¡[‚‘‰¯@Ût8<J5MG‹M<·}gq0¯îûÐò-€êÓ1OTÑeˆ*€jC—4Óÿœ‚ò:Þé1ùÂÆ:^iÀG©½±;Hʅ¿á9df/vxå[<{J–{ˆãtRïQˆÚäh¿Žù‰9¹£õM.k+%µ2(šô<ÐÆ:¬(AëÿIör¨LÈß@Û8ˆìÉq@ Í¬mŹ),•#–Ä°¯†%*•·4ú̊E9/Tö¡?<IPYæù _4ÛY/îíIšìXà¡2zcÅê˘2â;ôv1ầÿ“ºp¹Öµ
bQÏê
¿ïؑúÿ<òÌ1³îjÎj5üç¾é¶ÂÒÚs¼Ž†Go¯Å_¤æhpKÖ?0u+o6Ë¥YÙ%Οl…gœY§7¦
B§w-Ëùr™ä¢ì#¤‡ƒÄO¬ÿôPQþgù_ZV´K“æci‚Q–½:ˆû-Ç+‘Z†@ØHuëmRÆî
J"/ìbaê[ÅSê#©RÅ?›ÊüqÈ%±Ù†é:
ùŽïV½“ŠÉ$ŠlíYB´FœXoñÑ(?—#L¤)RãB±—L»¶·•Ý´Pk2£*FÔ,8Ôó+û,¹/¯…,Õ/ŸHµ7vó+›¤h`PG®ã‹ºP’Ub3İݲˆXæ€,bÕ¬£ºãè@ÍÁx;d“ÙewKóV¡4eЙÖ)83ƒo%§Ùù?Ťȃõ֑u¤ið][^ÓRyVÑàU‰g(­E­#ýl¸JÛdc.aêzMטtÈR;JæTE2•%´•›ÅɊ•‚Éôß:ùsWI4köôÞú6‚[iTŽAÁVû9dsDìãˀ·ÏQÜ¿–5Ë­"´–’ÏoëÛâap}¢(ÏÚþfË)­k©ÜZÙª×Hµ9X±½¥Ò_M¢FQõyÇ"ê”d‘€W

pancake

pancake6-1

La colazione della domenica spesso a casa nostra prevede i pancake! A volte sperimento diverse farine come quella integrale o di avena, di castagne, o cambio le guarnizioni spaziando tra mirtilli, more, lamponi, noci pecan… e ovviamente lo sciroppo d’acero che non deve mai mancare! Qui trovate la versione “basic” che seguo di solito che consente di ottenere pancake soffici e deliziosi!

pancake4-1
ingredienti per i pancake:
  • 175 gr di farina autolievitante (oppure metà farina autolievitante e metà integrale)
  • 1\2 cucchiaino di sale fino
  • 2 cucchiai colmi di zucchero bianco
  • 2 uova, tuorli e albumi separati
  • 250 ml di latte
  • 80 gr di burro fuso
ingredienti per servire:
  • yogurt greco
  • mirtilli o lamponi
  • sciroppo d’acero
  • zucchero a velo
preparazione:

In una ciotola riunite la farina, il sale e lo zucchero. Unite i due tuorli sbattuti con il latte e il burro fuso e mescolate bene il tutto con una frusta in modo da eliminare eventuali grumi. In una ciotola a parte montate a neve ben ferma gli albumi e uniteli alla pastella delicatamente mescolando con una spatola in silicone.

Ungete leggermente una padella antiaderente e versate un mestolino di pastella per formare il pancake. Se la padella è ampia potete farne due o tre per volta, l’importante è distanziarli tra loro in modo che non si tocchino. Fate cuocere a fuoco bassissimo fin quando compariranno delle bollicine in superficie. Girate quindi i pancake con una spatola in silicone e proseguite la cottura per 1 minuto in modo da cuocere il pancake anche dall’altro lato. Impilate i pancake uno sull’altro man mano che sono pronti.

Servite con lo sciroppo d’acero o miele, mirtilli freschi, yogurt o ciò che più vi piace!

pancake5-1

pancake7-1

Cous cous ortolano

Come dico sempre io: “le verdure sono buonissime se cucinate nel modo giusto!” e possono essere la base per un piatto unico gustoso e ricco di sapori! Oggi quindi facciamo un cous cous ortolano fatto da cavolfiore sgranato e il classico cous cous di semola arricchito da verdure al forno quasi caramellate, il tutto condito da una gustosissima vinaigrette e impreziosito da una crema di feta e miele che fa da base al piatto, buonissimo!

cous cous3ingredienti per 2 porzioni:
  • 1 bicchiere di cous cous
  • 6 cipollotti rossi di Tropea
  • 12 – 16 pomodorini
  • 1\2 cavolfiore
  • 200 gr di feta greca
  • 100 gr di yogurt greco
  • 1 cucchiaino di miele
  • 1 cucchiaino di zucchero, 1 cucchiaino di sale fino
  • olio extravergine di oliva
  • basilico e menta
  • scorza di 1 limone bio
ingredienti per la vinaigrette
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaio di aceto balsamico
  • 1 cucchiaino di miele
  • 1\2 cucchiaino di paprika affumicata
  • 1\2 cucchiaino di origano
  • un pizzico di sale e un pizzico di peperoncino
preparazione delle verdure:

Con un coltello tagliate finemente la parte più esterna del cavolfiore facendo in modo che si sgrani in piccole briciole e diventi come un cous cous. Sistematelo in una teglia da forno, conditelo con un filo di olio, sale e pepe a piacere. Mondate i cipollotti e tagliateli a metà per il lungo, eliminate lo strato più esterno e coriaceo e sistemateli in una teglia da forno. Lavate e asciugate i pomodorini, tagliateli a metà e sistemateli nella stessa teglia dei cipollotti con la parte interna rivolta verso l’alto. Nella stessa teglia o in quella del cavolfiore sistemate anche metà feta quindi 100 gr. Condite il tutto con un filo di olio, un pizzico di sale e spolverizzate i pomodorini con un pizzico di zucchero. Infornate sia la teglia con il cous cous di cavolfiore sia la teglia con cipollotti e pomodorini (se non ci stanno sullo stesso ripiano mette il cavolfiore sul ripiano inferiore) e fate cuocere in forno già caldo a 200°C per circa 20/30 minuti: i cipollotti e i pomodorini dovranno caramellizzare e appassire un po’ e il cavolfiore si dovrà cuocere e diventare tenero. Regolatevi quindi sui tempi di cottura in base al vostro forno.

preparazione della vinaigrette

In una ciotolina mescolate tutti gli ingredienti della vinaigrette. Assaggiate e regolate eventualmente gli ingredienti in base ai vostri gusti.

preparazione della crema di feta

In un mixer frullate i 100 gr di feta rimasti con lo yogurt greco, un cucchiaio di olio e un cucchiaino di miele fino ad ottenere una crema densa. Distribuite un paio di cucchiai di crema di feta sul fondo dei vostri piatti e condite con qualche cucchiaio di vinaigrette.

preparazione del cous cous

Fate bollire un pentolino con circa 300 ml di acqua salata, quindi versatela sul cous cous facendo in modo che   ne sia ricoperto, mescolate e coprite con un coperchio. Fate riposare per 5 – 10 minuti, quindi sgranatelo con una forchetta. Quando il cous cous di cavolfiore è cotto sfornatelo e mischiatelo al cous cous di semola.

composizione del piatto

Sistemate un po’ di cous cous sopra la crema di feta, quando le verdure sono cotte sfornatele e sistemate i cipollotti e i pomodorini sul cous cous. Aggiungete la feta sbriciolandola un po’ e condite con la vinaigrette rimasta. Al momento di servire aggiungete un ciuffo di basilico, qualche fogliolina di menta e della scorza di limone grattugiata.

cous cous 1

Pesche grigliate al muscovado, yogurt greco e crumble – il lusso della semplicità

peschedellochef2Avevo preparato questo dessert tanti anni fa e ho voluto rifarlo per poterlo fotografare e inserire sul blog tra le mie ricette preferite. E’ a base di frutta quindi perfetto dopo un pranzo o una cena estiva e nello stesso tempo è molto invitante grazie allo yogurt greco cremosissimo e al mix di consistenze e temperature diverse. Utilizzate delle ottime pesche gialle e presentate il dolce ben impiattato su un grazioso piattino da dolce e vedrete che  in poche mosse avrete trasformato della semplice frutta in un dessert delizioso! Per i più golosi: potete sostituire lo yogurt greco con della panna montata, è ottima!

peschedellochef1

Ingredienti per 2 persone:

  • 2 pesche gialle
  • 2 cucchiai di zucchero di canna muscovado
  • 150 gr di yogurt greco
  • 2 cucchiai di miele
  • 50 gr di burro freddo
  • 50 gr di zucchero bianco
  • 50 gr di farina bianca (o integrale)
  • 1 cucchiaino di semi di anice

Preparazione:

In un mixer frullate il burro a dadini, la farina, lo zucchero e i semi di anice fino ad ottenere un composto sabbioso. Versate il composto ottenuto in una teglia rivestita di carta forno, distribuendo semplicemente le briciole in uno strato uniforme con il dorso di un cucchiaio. Infornate a 180°C forno statico per 20 minuti o comunque fino a quando il composto è ben dorato soprattutto ai lati. Estraete dal forno e fate raffreddare.

Mentre il crumble si raffredda preparate le pesche: tagliate le pesche a metà ed eliminate la parte con il nocciolo. Io per ottenere una bella superficie liscia taglio direttamente due fette da ciascun lato lasciando il nocciolo in centro. Scaldate una griglia in ghisa e spolverizzate la polpa delle pesche con lo zucchero di canna.

Quando la griglia è rovente grigliate le pesche per un minuto circa per lato, la polpa dovrà risultare caramellata e un po’ abbrustolita.

Mescolate lo yogurt greco con il miele in modo da ottenere una bella crema liscia.

Impiattate disponendo nel piatto le due metà di pesca, (se avete del liquido di cottura rilasciato dalle pesche versatelo sulle pesche) un paio di cucchiai colmi di yogurt greco e sbriciolateci sopra il crumble che avrete precedentemente spezzettato lasciando alcuni pezzetti più grandi per un bel risultato croccante!

peschedellochef3

Cheesecake allo yogurt greco con miele e timo di Yotam Ottolenghi

cheesecake2

Finalmente una cheesecake senza cottura che mi è riuscita perfettamente! La ricetta, di Yotam Ottolenghi, è “magica”: non contiene uova, nè panna, nè gelatina; la crema bianca a base di yogurt greco e robiola ha un buon aroma di limone e si riesce a tagliare perfettamente a fette, inoltre il timo fresco con il miele danno il tocco finale che rende il dolce intrigante e sorprendente. Cosa chiedere di più a una cheesecake?

cheesecake3

Ingredienti per una torta di 20 cm di diametro:

Per la base:

  • 150 gr di biscotti Digestive (o biscotti all’avena)
  • 70 gr di burro fuso
  • 2 cucchiaini di foglioline di timo fresco

Per il ripieno:

  • 400 gr di yogurt greco colato (io ho utilizzato quello al 2% di grassi)
  • 400 gr di robiola di buona qualità
  • 30 gr di zucchero a velo setacciato
  • 150 gr di cioccolato bianco
  • un cucchiaino di vanilla bean paste (o semini di una bacca di vaniglia)
  • la scorza di 1 limone bio

Per completare:

  • un cucchiaio di miele e un cucchiaino di foglioline di timo fresco

Preparazione:

Fate fondere a bagnomaria il cioccolato bianco (io posiziono una ciotola resistente al calore sopra un pentolino con due dita di acqua in leggera ebollizione in modo che il fondo della ciotola non tocchi l’acqua bollente).

Mentre il cioccolato si scioglie preparate la base: in un mixer frullate i biscotti, quindi aggiungete le foglioline di timo e il burro fuso e proseguite a frullare fino ad ottenere un composto sabbioso.

Foderate il fondo di una tortiera a cerchio apribile con della carta forno, distribuite il composto sul fondo e compattatelo con le mani o con una spatola in silicone per creare un bel fondo il più uniforme possibile come spessore. Riponete in frigorifero. Se avete i fogli di acetato vi consiglio di foderare i lati della tortiera con una striscia di acetato per un risultato più preciso quando toglierete la torta dalla tortiera.

Per la crema amalgamate con delle fruste elettriche lo yogurt, la robiola, lo zucchero a velo, la scorza di limone e i semini di vaniglia e quando è tutto ben amalgamato aggiungete pian piano il cioccolato bianco fuso e intiepidito. Quando la crema è omogenea e liscia versatela sulla base di biscotti distribuendo bene il composto con una spatola o il dorso di un cucchiaio.

Fate riposare in frigorifero per 4/6 ore prima di servire, o di più se vi fa comodo.

Prima di servire la torta fate scaldare leggermente un cucchiaio di miele con il timo e versatelo con un cucchiaino sulla superficie prima di servire.

cheesecake1

Pie alle fragole con panna montata

pie1Mi è venuta voglia di fare questa pie guardando una puntata di Chef’s Table Patisserie, la prima puntata, quella con la deliziosa Christina Tosi che ha raccontato del suo primo dolce al Momofuku: shortcake con panna e fragole! Sicuramente la puntata ha contribuito alla mia voglia di dolce, e poi mi sono accorta che non avevo mai preparato una strawberry pie e le fragole in questo periodo sono perfette per i dolci, soprattutto se abbinate a della densa panna montata alla vaniglia! Così mi sono messa all’opera creando una semplice pie, ricca di fragole, genuina e deliziosa, che sa di estate e di dolci di campagna, perfetta per la merenda di oggi in compagnia delle mie nipotine Maty Camy e Nina che mi volevano rubacchiare le fragole mentre facevo le foto!

pie6

pie4

Ingredienti per la frolla:

  • 600 g di farina 00
  • 200 g di zucchero
  • uova intere
  • tuorli
  • 160 g di olio di semi 
  • cucchiaini di lievito per dolci
  • la scorza grattugiata di un limone
  • 1 pizzico di sale

Ingredienti per il ripieno:

  • 500 gr di fragole
  • 10 savoiardi
  • 2 cucchiai di marmellata di fragole
  • 2 cucchiai di zucchero di canna
  • il succo di mezzo limone

Ingredienti per servire:

  • 250 ml di panna fresca (se siete a dieta provate lo yogurt greco, è ottimo!)
  • un cucchiaino di vanilla bean paste (pasta di semini di vaniglia)
  • un cucchiaio di zucchero a velo

Preparazione della pie:

Partite dalla preparazione della frolla: mettete in un mixer o in una ciotola gli ingredienti umidi quindi uova, tuorli, olio di semi, scorza di limone. Mescolate o azionate il mixer quindi aggiungete lo zucchero, il sale, il lievito e la farina, avendo l’accortezza di tenerne da parte circa un terzo. Mescolate o azionate il mixer e aggiungete man mano la farina rimasta fino a quando non ottenete un impasto compatto e malleabile. La quantità di farina dipende dalla grandezza delle uova quindi procedete aggiungendo un cucchiaio per volta. Avvolgete l’impasto in un foglio di pellicola alimentare e riponete in frigorifero per almeno 1 ora.

Nel frattempo lavate le fragole, mondatele e riducetele in pezzi piuttosto grandi; se le fragole non sono giganti potete lasciarle intere. Sistematele in una ciotola e mescolate insieme alla marmellata, lo zucchero e il succo di limone.

Trascorso il riposo in frigorifero riprendete la pasta frolla, dividetela in due parti e stendetene una con l’aiuto di un mattarello e una spolverata di farina. Dovrete ottenere una sfoglia spessa circa 1 centimetro grande a sufficienza per rivestire la vostra tortiera precedentemente imburrata e infarinata.

Sistemate sul fondo della torta i savoiardi (servono ad assorbire i succhi che rilasceranno le fragole in cottura e a evitare che l’impasto rimanga umido e il ripieno troppo liquido) e coprite con le fragole condite creando un mucchietto più alto al centro.

Stendete l’altra metà di impasto e ricoprite le fragole. Praticate dei taglietti verticali nell’impasto per far fuoriuscire l’umidità del ripieno  che si formerà durante la cottura e che verrà comunque assorbita dal fondo di savoiardi.

Infornate in forno già caldo a 180°C in modalità statica per 45 minuti. Regolatevi sui tempi di cottura: la frolla della torta dovrà essere dorata quindi prolungate eventualmente di qualche minuto se necessario.

pie3

Per servire: montate la panna montata con la vaniglia e lo zucchero a velo e servite in una ciotola così che ogni commensale possa servirsene. Buona merenda!

pie2

 

 

 

Buddha Bowls

buddha1

Quando il cibo diventa moda, e quando la moda è salutare e promotrice di buone abitudini alimentari è bene che venga diffusa e celebrata! E’ il caso delle Buddha Bowls che, nate nei paesi orientali e già diffuse in alcune zone d’Europa, stanno iniziando ad arrivare anche in Italia e qualcosa mi dice che saranno molto amate! Ma veniamo al dunque: cosa sono le Buddha Bowls? Trattasi di ciotole colorate contenenti un pasto completo composto da verdure, proteine e cereali disposti ordinatamente e in modo creativo, belle e colorate, piene di nutrienti, fibre e vitamine, pensate per alimentarsi in modo corretto e sano senza tralasciare il gusto e l’aspetto estetico.

Buddha2

Ci sono delle regole di base per comporre le Buddha Bowls, niente ricette precise ma solo una giusta proporzione tra gli ingredienti. La prima regola di base è rispettare la stagionalità dei prodotti che devono seguire i ritmi della natura in modo da farci assumere i nutrimenti giusti per ogni periodo dell’anno. La seconda regola è il senso estetico: le Buddha Bowls devono essere belle prima ancora che buone quindi gli ingredienti vanno disposti a mucchietti ordinati alternando i colori come fanno in oriente dove la preparazione del cibo è un’arte che esprime gratitudine per i doni della natura. La terza regola è quella delle proporzioni: una Buddha Bowls si ritiene completa e bilanciata se contiene il 70% di ortaggi cotti e/o crudi, il 15% di cereali e un altro 15% di proteine vegetali o animali. E per concludere: non tralasciamo il condimento e i semi oleosi che rappresenta la parte di “grassi buoni” necessari per una giusta dieta. E ora non ci resta che comporre la nostra Buddha Bowl preferita! Dimenticavo, una curiosità: la Buddha Bowls si chiama così perché la sua forma ricorda la pancia piena e rotonda di Buddha! Ecco la mia Buddha Bowl preferita:

BUDDHA3

Ingredienti per 2 Buddha Bowls:

  • Insalata a volontà
  • Spinacini baby a volontà
  • 2 carota viola
  • 2 carote classiche
  • 1 finocchio
  • 6 fettine di salmone affumicato
  • 1 avocado maturo
  • 1 bicchiere di riso venere (io uso 1 busta di riso venere Gallo precotto, si prepara in microonde ed è comodo e buonissimo)
  • una manciata di semi di zucca e di sesamo o di girasole e lino
  • un filo di olio extravergine di oliva
  • il succo di un lime
  • poco sale in fiocchi

Preparazione:

Lavate l’insalata, mondate il finocchio e riducetelo a fettine sottili; tagliate le carote a nastro con un pelapatate per renderle graziose e invitanti. Sistemate le verdure, il salmone affumicato, il riso e l’avocado come meglio credete e condite con un filo d’olio, poco sale e il succo di lime; cospargete infine con una manciata di semi di zucca e di sesamo.

Enjoy your Buddha Bowl!

BUDDHA4

Se vi piace l’idea di mangiare in una ciotola, partite dalla colazione e componete una sorta di Buddha Bowl con: yogurt greco, cereali integrali o muesli, frutta fresca e disidratata come albicocche e prugne; frutta candita come cranberries, mango e papaya; noci e nocciole, semi oleosi, bacche di goji e un filo di miele a completare il tutto! In questo modo potete fare una bella colazione ricca di alimenti sani e preziosi per il nostro corpo!

Buddha6

buddha1

 

 

Crostata esotica con yogurt greco e maracuja

crostata 5

Oggi ero in mood creativo e ho voluto fare una crostata nuova e divertente utilizzando ingredienti freschi, estivi, sani e naturali, come piace a me! Sono partita con una semplice pasta frolla integrale, ho cotto il guscio in bianco e l’ho poi riempito con un sofficissimo e bianchissimo yogurt greco e decorato con il frutto della passione. E’ venuta benissimo, fresca, cremosa e il maracuja con il suo sapore acidulo è perfetto per accogliere la dolcezza dello yogurt!

crostata 3

Ingredienti per 2 basi per crostate:

  • 150 gr di farina di grano saraceno
  • 100 gr di farina bianca
  • 50 gr di farina integrale
  • 130 gr di burro freddo a pezzetti
  • 80 gr di zucchero bianco
  • 2 uova intere
  • 2 cucchiaini di estratto di vaniglia
  • qualche cucchiaio di acqua ghiacciata

Ingredienti per il ripieno:

  • 3 o 4 maracuja
  • 400 gr di yogurt greco
  • 4 cucchiai di zucchero a velo

crostata 2

Preparazione:

Mettete nel mixer tutti gli ingredienti per la frolla e azionate fino ad ottenere un composto sbriciolato simile a sabbia bagnata. Aggiungete qualche cucchiaio di acqua ghiacciata finché non si forma l’impasto che rotola lungo le pareti del mixer. Se non avete il mixer potete fare la frolla a mano impastando tutti gli ingredienti. Avvolgete l’impasto in un foglio di pellicola per alimenti e mettete in frigorifero per almeno 1 ora.

Trascorso il periodo di riposo, riprendete l’impasto e con l’aiuto di mattarello e farina stendete l’impasto in una sfoglia di circa mezzo centimetro di spessore. Foderate la vostra tortiera per crostata con la carta forno (se è di tipo antiaderente non serve) e riempite con la sfoglia di pasta frolla facendola aderire bene ai bordi, soprattutto se lo stampo è scanalato (aiutatevi premendo il manico di un cucchiaio di legno in ogni scanalatura) . Coprite con dei pesi da cottura o fagioli secchi e infornate a 180°C forno statico per 30/35 minuti, finché i bordi dell’impasto non saranno dorati. Togliete quindi dal forno, eliminate i pesi da cottura e controllate se il fondo della torta è ben cotto; qualora fosse umido potete prolungare la cottura di qualche minuto senza i pesi da cottura.

Fate raffreddare completamente.

Per il ripieno amalgamate lo yogurt con lo zucchero e distribuitelo a cucchiaiate senza livellare all’interno della crostata in modo da formare delle cavità qua e là. Tagliate a metà i frutti della passione e prelevate i semini con un cucchiaio lavorando direttamente sulla torta in modo da far cadere i semini e il succo direttamente sulla torta! Tenete in fresco fino al momento di servire! Buona merenda!

crostata 4

Una sofficissima mousse allo yogurt e lamponi davvero insuperabile

mousse 2

Ho trovato questa ricetta in uno dei miei libri di ricette preferiti: “Food Jar… tutto in un barattolo” che ho scovato qualche mese fa in Mondadori e che mi ha subito colpita! Devo dire che dopo aver acquistato una cinquantina di libri sono molte le cose che ora valuto prima di scegliere un volume di cucina: il carattere delle scritte, i disegni o le fotografie (importantissime!), gli ingredienti (non devono essere introvabili) e i metodi di preparazione, l’originalità e l’idea che sta dietro al libro. Questo le aveva tutte! Un libro fantastico, simpatico, divertente, colorato, ricco di idee e spunti, impaginato molto bene come potete vedere nella mia recensione cliccando qui!

La ricetta di questa mousse, spiega l’autrice, è dello chef Nicola Cavallaro di “Un posto a Milano”e infatti è venuta benissimo, leggera, fresca, una nuvola bianca! La ricetta originale non prevede i lamponi, li ho aggiunti io per un extra gusto e un effetto cromatico; inoltre stanno molto bene perchè spezzano la dolcezza della mousse e danno la componente carnosa al dolce!

Mousse 1

Ingredienti per 8 barattoli:

  • 150 gr di zucchero
  • 150 gr di albumi
  • 150 gr di panna fresca
  • 300 gr di yogurt (io ho usato lo yogurt greco)
  • 4 gr di colla di pesce
  • 20 ml di acqua
  • 300 gr di lamponi (io ho aggiunto anche una manciata di fragole)

Preparazione:

Mettete la colla di pesce a bagno in acqua fredda.

Fate sciogliere lo zucchero con l’acqua e portate a bollore. Togliete dal fuoco e unite la colla di pesce mescolando con una spatola resistente al calore.

Montate a neve l’albume e quando è già a neve fate colare a filo lo zucchero fuso continuando a montare fino ad ottenere una bella meringa bianca e soda. Montate anche 150 gr di panna.

Amalgamate con una spatola in silicone lo yogurt, la meringa e la panna. Non preoccupatevi se il composto perderà un pò di volume.

Frullate la manciata di fragole con una manciata di lamponi e disponete un sottile strato di questo coulis sul fondo dei bicchierini. Per un effetto più raffinato potete filtrarla in modo da eliminare i semini.

Distribuite uno strato di mousse allo yogurt e decorate con i lamponi freschi e un pò di coulis e a piacere ripetete l’operazione fino a riempire il barattolo.

Fate raffreddare in frigorifero per un paio d’ore o fino al momento di servire.

mousse 3