Pudding di pane, more, miele e ricotta

pudding4

Nel fine settimana o in vacanza è bello fare una colazione diversa dal solito per spezzare la routine della quotidianità logorante, anche per dare un boost di energia alla giornata, soprattutto se prevede un po’ di sport all’aria aperta e un pranzo tardivo come di solito facciamo noi nel weekend. Oggi vi propongo questo pudding davvero fantastico, rustico al punto giusto, fatto con delle semplici fette di pane farcite di marmellata di more, inzuppate in un mix di uova, ricotta, vaniglia, scorza di limone e miele e arricchito da ricotta fresca e more succose, troppo buono!

pudding2

Ingredienti per 4/6 persone:

  • 8 fette spesse di pane bianco o pane al latte
  • 1\2 vasetto di marmellata di more o mirtilli
  • 3 uova
  • 300 gr di ricotta (200 gr per l’inzuppo + 100 gr per servire)
  • 1 bicchiere di latte
  • la scorza di un limone
  • 4 cucchiai colmi di miele (2 per l’inzuppo + 2 per servire)
  • 1 cucchiaino di “vanilla bean paste” ovvero una pasta di semi di vaniglia (o estratto di vaniglia)
  • 4 cucchiai di zucchero di canna
  • 6 fiocchetti di burro
  • 1 cestino di more

pudding1

Preparazione:

Spalmate con abbondante marmellata di more le fette di pane e abbinatele a due a due con la marmellata all’interno come a fare dei panini.

In una ciotola mescolate le uova, 200 gr di ricotta, 2 cucchiai di miele, la pasta di vaniglia, la scorza di limone, il latte.

Imburrate una pirofila adatta alla cottura in forno e sistemate le fette di pane e marmellata eventualmente tagliando le fette in due o tre parti in modo da ricoprire l’intera teglia. Versate il composto di uova e ricotta sulle fette di pane avendo cura di distribuirlo omogeneamente così che tutto il pane ne sia imbevuto. Lasciate riposare per 1 ora circa, quindi cospargete la superficie con dei fiocchetti di burro, lo zucchero di canna e metà delle more.

Cuocete in forno già caldo in modalità statica a 180°C per 50 minuti, coprendo la superficie con un foglio di alluminio a metà cottura qualora dovesse scurirsi troppo. Potete cuocere il dolce la sera in modo da averlo pronto la mattina seguente.

Una volta cotto e fatto raffreddare o intiepidire completate con la ricotta rimasta (100 gr) mescolata a 1 cucchiaio di miele, le more fresche rimaste e l’ultimo cucchiaio di miele per un effetto più lucente! Se preparate il pudding la sera prima vi consiglio di tenerlo a temperatura ambiente tutta la notte e scaldarlo leggermente in forno la mattina successiva e completarlo al momento di servire con ricotta fresca e more!

Buona colazione!

pudding3

Vanilla chai tea latte

chai tea 3Durante il weekend mi concedo sempre una pausa a metà pomeriggio e insieme a Marco degustiamo tè e carcadè (rigorosamente Dammann Frères) con qualche dolcetto oppure cioccolate calde che mi piace aromatizzare con spezie e altre delizie. Oggi abbiamo preparato questa bevanda che sta spopolando all’estero nei vari Starbucks & co. e siamo rimasti piacevolmente colpiti dalla delicatezza e intensità data dal mix di tè, vaniglia, spezie e latte, insomma, una bevanda perfetta per i nostri pomeriggi invernali che prepareremo più spesso! Volendo potete trasformare la bevanda calda in un cocktail da dopo cena: aggiungete del liquore al caffè, della panna fresca al posto del latte e qualche cubetto di ghiaccio per creare un White Russian speziato e irresistibile!

chai tea 2Ingredienti per 2 tazze:

  • 4 bustine di chai tea a vostra scelta (il chai tea è un tè speziato con aggiunta di cannella, cardamomo, chiodi di garofano, zenzero e anice stellato)
  • 250 ml di acqua minerale naturale
  • 250 ml di latte fresco
  • 2 cucchiai colmi di latte condensato (in alternativa del miele)
  • 1 cucchiaino di aroma naturale di vaniglia (o i semi di mezza bacca di vaniglia)
  • a piacere bastoncini di zucchero per decorare
  • a piacere una stecca di cannella e qualche bacca di anice stellato per decorare

Preparazione:

Fate scaldare l’acqua fino alla temperatura indicata sulla bustina del vostro tè (mai utilizzare l’acqua in pieno bollore) e lasciate in infusione 4 bustine di chai tea per 10 minuti, andando anche oltre il tempo indicato sulla bustina per ottenere una maggiore concentrazione di sapori che saranno poi stemperati dal latte. Trascorso il tempo di infusione eliminate i filtri di tè e aggiungete la vaniglia (i semini di mezza bacca o l’essenza) e due cucchiai di latte condensato.

Fate scaldare il latte quasi fino al bollore e unitelo al concentrato di chai tea. Mescolate, distribuite nelle tazze, decorate con una  stecca di cannella e anice stellato e servite a piacere con i bastoncini di zucchero di canna!

chai tea 4

Waffle con ananas caramellato e gelato alla vaniglia

waffle 6Ieri ero a casa in ferie e visto che avevo il frigorifero mezzo vuoto ma volevo preparare qualcosa di buono mi sono inventata questo dessert da leccarsi i baffi! Gli ingredienti principali sono: ananas, uova, farina, zucchero, burro e gelato. Ho aromatizzato il caramello con del succo di lime e un pizzico di vaniglia ma se non li avete non ha importanza, l’ananas caramellato anche solo solo con un pò di zucchero è buonissimo!

waffle 2Se non avete la waffle baker potete fare dei pancake o delle crêpes sempre con lo stesso impasto, saranno buonissime ugualmente. Con le dosi indicate mi sono venuti 10 waffle quadrati. Se ne avanzate sono ottimi riscaldati in una padella antiaderente per la colazione del giorno dopo.

waffle 3

Ingredienti per 10 waffle:

  • 175 gr di farina autolievitante (oppure farina 00 + 2 cucchiaini di lievito per dolci)
  • 1\2 cucchiaino di sale fino
  • 2 cucchiai colmi di zucchero bianco
  • 2 uova, tuorli e albumi separati
  • 250 ml di latte
  • 80 gr di burro fuso
  • 4/6 fette di ananas + un pizzico di vaniglia e un cucchiaio di zucchero di canna
  • gelato fresco alla vaniglia

waffle 4

Preparazione:

In una ciotola riunite la farina, il sale e lo zucchero. Unite i due tuorli sbattuti con il latte e il burro fuso e mescolate bene il tutto con una frusta in modo da eliminare eventuali grumi.

In una ciotola montate a neve gli albumi e uniteli alla pastella delicatamente.

Scaldate la waffle baker e dopo averla unta leggermente (io passo sulle piastre un pezzo di carta assorbente unta con burro) versate un mestolino di pastella in ciascuno spazio, chiudete e fate cuocere per qualche minuto. I waffle sono pronti quando risultano asciutti e dorati. Procedete fino a esaurimento della pastella. Conservate i waffle su un piatto fino al momento di servire.

Appena prima di servire tagliate l’ananas a dadini e fatelo saltare a fuoco vivo in una padella antiaderente con un cucchiaio di zucchero di canna, il succo di mezzo lime e un pizzico di vaniglia in polvere (o i semini di una bacca) e quando è caramellato componete il piatto.

Disponete uno o due waffle sul piatto, distribuite l’ananas su ciascuna metà versando anche il caramello che si forma in padella e spolverizzate con zucchero a velo. Servite subito con una pallina di gelato alla vaniglia che si scioglierà pian piano con il calore dell’ananas. Esotico e sublime nella sua semplicità!

waffle 1

American Breakfast Pancake

Pancake 2

Vi sembrerà strano, ma la domenica mattina adoro alzarmi presto per preparare una dolce colazione da gustare con calma. Spesso Marco mi chiede di fare i pancake (e non è un bambino Marco… fate voi!) che mangia con molta soddisfazione e abbondante sciroppo d’acero. Nonostante li prepari spesso mi sono accorta di non aver mai pubblicato la ricetta dei pancake classici ma avevo fatto una versione altrettanto buona alle castagne. Quindi se volete vedere i vostri uomini sciogliersi come burro sul pane caldo fategli trovare una bella pigna di pancake appena fatti e un caffè fumante, la domenica mattina inizierà nel più dolce dei modi!

Pancake 1

Ingredienti per 8 pancake grandi:

  • 225 gr di farina 00
  • 300 ml di latte
  • 30 gr di burro fuso
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di zucchero semolato
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • un pizzico di sale
  • un cucchiaino di estratto di vaniglia (facoltativo)
  • una noce di burro per ungere la padella
  • sciroppo d’acero per servire

Preparazione: 

Come tutte le ricette di Nigella  anche questa è molto veloce e pratica: basta mettere tutti gli ingredienti in un mixer e azionare per alcuni secondi fino ad ottenere una pastella. Per la cottura ungete una padella antiaderente con una noce di burro e versate la pastella con un mestolo. L’importante è tenere il fuoco medio-basso per evitare che i pancake si scuriscano troppo, inoltre ricordatevi di girarli con una spatola quando tutta la superficie è cosparsa di bollicine. Da quando li girate considerate un altro minuto di cottura. I pancake dovranno essere dorati uniformemente da un lato e più variegati dall’altro. Man mano che sono pronti impilateli su un piatto da portata e serviteli appena fatti con lo sciroppo d’acero o del miele in alternativa. Buona colazione e buon inizio di giornata!

Pancake 3

Focaccine dolci

Focaccine title

Se penso alle focaccine dolci mi viene in mente cappuccetto rosso che saltella nel bosco con il cestino di vimini pieno di soffici pagnottelle zuccherate ancora calde. Che semplice delizia di altri tempi! Ho voluto realizzare queste focaccine dolci in occasione del contest “I lievitati della nonna” organizzato da Cucina Semplicemente per condividere una merenda che facevo con mia nonna Maria, che andava matta per questa focaccia dolce. Per personalizzare la ricetta ne ho fatte due varianti: con le noci, per un effetto più croccante e con le mele per un risultato più morbido e succoso. Naturalmente si può anche fare la focaccia in un’ unica teglia rettangolare.

Focaccine 4 Focaccine 3

Ingredienti per 12 focaccine:

  • 400 gr di farina Frumenta tipo 1 (farina di grano tenero con un apporto di sali e fibre superiore a quello delle farine 00 e 0 e con un gusto più delicato rispetto alle semintegrali e integrali.
  • 200 gr di farina manitoba
  • 100 gr di zucchero bianco
  • 160 ml di latte tiepido
  • 180 ml di acqua
  • 30 ml di olio extravergine di oliva
  • 20 gr di lievito di birra fresco
  • un cucchiaino di sale fino

Focaccine 2

Ingredienti per la finitura:

  • 2 mele
  • 2 manciate di gherigli di noci
  • 12 cucchiaini di zucchero bianco (un cucchiaino per ogni focaccina)
  • 40 gr di burro morbido

Focaccine 1

Preparazione:

Mettete le farine, il sale e lo zucchero nella ciotola della planetaria. Riunite in una piccola brocca il latte e l’acqua e fate sciogliere il lievito di birra mescolando con cura.

Azionate la planetaria con il gancio a uncino per impastare e versate l’olio extravergine di oliva e i liquidi, tenendo presente che potrebbero non servire tutti, quindi una volta versati i due terzi procedete pian piano per vedere quanto liquido chiede l’impasto.

Lasciate lavorare la planetaria per 10 minuti alla minima velocità, l’impasto dovrà essere molto morbido ma non appiccicoso. Per rendere l’impasto più maneggevole potete terminare di impastare a mano, con le mani leggermente unte; in questo modo l’impasto acquisterà elasticità.

Mettete l’impasto in una ciotola ampia unta con un filo di olio e coprite con pellicola per alimenti. Fate lievitare in un luogo tiepido per almeno due ore, o fino al raddoppio dell’impasto.

Trascorso il tempo di lievitazione reimpastate brevemente per far fuoriuscire l’aria e dividete l’impasto in 12 pezzetti più o meno uguali. Stendete ciascun pezzetto con un mattarello per formare un disco circolare. Posizionate le focaccine su un paio di teglie rivestite con carta da forno lasciando un pò di spazio tra una e l’altra. Fate lievitare ancora 1 ora.

Sbucciate e riducete le mele a fettine. Su alcune focaccine premete le fettine di mela, su altre premete i gherigli di noci in modo che sprofondino bene nell’impasto. Su ciascuna focaccina mettete un paio di fiocchetti di burro morbido e cospargete con un cucchiaino di zucchero bianco.

Cuocete a 190°C per 10 minuti, poi altri 5 minuti a 160°C. Saranno pronte quando saranno dorate in superficie e anche il fondo sarà asciutto e dorato. Se optate per la focaccia intera prolungate i tempi di cottura di 5 minuti.

Con questa ricetta partecipo al contest indetto da Cucina Semplicemente in collaborazione con Grandi Molini Italiani

Grandi Molini Italiani

I-lievitati-della-nonna-GMI-600x250

Focaccina mele Focaccine noci

Iced Matcha

Matcha

Era l’estate del 2008 quando assaggiai per la prima volta l’iced matcha: avevamo fatto una pausa da Starbucks dopo una lunga gita con i quad a Mykonos e mi ricordo ancora che trovai questa bibita gelata leggermente amara un vero toccasana rigenerante, anche per le proprietà antiossidanti del tè verde. Visto il caldo di questi giorni ho deciso di preparare un bel drink ghiacciato per merenda. Idea fashion: servite il tè matcha in barattoli di vetro di medie dimensioni con un paio di cannucce. I barattoli sono una bella idea per servire anche altri cocktail con tanto ghiaccio.

Matcha frappè

La calza di una befana…. un pò gourmande!

Il 6 gennaio si avvicina e l’occasione è gradita per preparare e gustare qualche dolcetto….

Era da un pò di tempo che volevo provare a fare i marshmallows, adorabili caramelle spugnose bianche e rosa al gusto di vaniglia tipiche degli Stati Uniti. L’idea di farli in casa un pò mi spaventava, ma sono riuscita a trovare una ricetta molto semplice (di Martha Stewart) e devo dire che è stato sorprendente! Sono identici a quelli che si comprano, addirittura più buoni sia come consistenza che come sapore!

Caramelle 8

Poi ho voluto preparare un dolcetto più veloce e facile, che facevo fin da piccola, il ciocorì, sperimentando la versione in barrette oltre alle classiche pepite. Mi piace perchè è fatto solo con cioccolato e riso soffiato, è uno spuntino energetico e si può fare con qualsiasi tipo di cioccolato! Per concludere la trilogia dei dolciumi ho deciso di sperimentare la confettura di latte e miele, prendendo spunto dalla ricetta che ho trovato sul libro Fragole a merenda e che mi ha piacevolmente sorpresa perchè ha la consistenza del dulce de leche ma sa di latte e miele! Una bella alternativa alla marmellata, una crema semplice come solo latte e miele sa essere, in versione spalmabile, che è anche una bella novità!

Miele 4

Ricetta per realizzare i Marshmallows 

Caramelle 7

Ingredienti per una teglia grande:

  • 460 gr di zucchero semolato
  • un cucchiaio di glucosio
  • 24 gr di gelatina in fogli
  • 2 albumi
  • 175 gr di acqua
  • un cucchiaino di estratto di vaniglia naturale (oppure un cucchiaino di vanillina)
  • colorante in polvere
  • 2 cucchiai di olio di semi
  • zucchero a velo e amido di mais per spolverare

Cuore rosa

Preparazione:

Metti i fogli di gelatina in una bacinella con acqua fredda e tieni da parte.

In un pentolino versa i 175 gr di acqua con i 460 gr di zucchero e un cucchiaio di glucosio e fai bollire a fuoco medio mescolando per far sciogliere lo zucchero.

Intanto monta gli albumi con una planetaria finchè non saranno spumosi ma non completamente montati.

Appena lo zucchero si è sciolto alza un pò la fiamma e cuoci fino a che il caramello non ha raggiunto i 130 gradi  (utilizza un termometro da pasticceria oppure aspetta 5 minuti da quando hai alzato la fiamma). Aggiungi a questo punto la gelatina ben strizzata e mescola con un cucchiaio per farla  sciogliere. Togli dal fuoco e continua a mescolare per qualche istante.

Con la planetaria in azione a media velocità versa il caramello sugli albumi e appena tutto lo sciroppo sarà versato, aumenta la velocità della planetaria al massimo e lascia montare per circa 10 minuti.  Aggiungi anche l’estratto di vaniglia o la vanillina e il colorante quel tanto che basta per realizzare il colore che preferisci.

Mentre la planetaria è in azione prepara una teglia e rivestila completamente con pellicola per alimenti. Con un pennello da cucina ungi accuratamente la pellicola con l’olio di semi e spolverizza con un cucchiaio di zucchero a velo e un cucchiaio di amido di mais.

Quando gli albumi sono belli lucidi come una meringa sono pronti per essere versati nella teglia.

Ora non resta che lasciare asciugare il composto per 24 ore a temperatura ambiente.

Trascorso 1 giorno intero i marshmallows sono pronti per essere gustati: capovolgi il composto su un foglio di carta forno spolverizzato di zucchero a velo e amido di mais ed elimina la pellicola.

Caramelle 2

Spolverizza nuovamente la superficie con amido e zucchero a velo. Spolverizza abbondantemente anche la teglia, ti servirà per depositare i marshmallows pronti. Con un coltello taglia il panetto a cubotti e rigirali nella teglia in modo da rivestirli di amido e zucchero ed evitare che si attacchino l’un l’altro. Si può anche utilizzare una formina tagliabiscotti per dare forma a queste soffici e spumose caramelle.

Caramelle 5

Si conservano fino a 2 settimane al riparo dall’umidità in una scatola di latta o in sacchettini per alimenti.

Caramelle 9

Caramelle 4

Ricetta per realizzare la Confettura di latte e miele

Miele 1

Ingredienti per un vasetto piccolo:

  • 250 ml di panna fresca
  • 250 ml di latte intero
  • 125 ml di miele millefiori

Miele 2

Preparazione:

Metti il latte, la panna e il miele in una pentola con i bordi alti e fai scaldare a fuoco medio mescolando con un cucchiaio per far sciogliere il miele.

Alza la fiamma e porta a bollore: regola la fiamma in modo che il latte continui a bollire, facendo attenzione a non farlo fuoriuscire dalla pentola, mescolando di tanto in tanto. Il composto dovrà bollire così per 25/30 minuti.

A questo punto il composto sarà più denso e richiederà la tua presenza costante ai fornelli per mescolarlo spesso ed evitare che bruci e si attacchi alla pentola. Continua la cottura per altri 5/10 minuti mescolando sempre.

Raggiunta la consistenza di una marmellata spalmabile, spegni il fuoco e se ci sono grumi lavora la crema con il frullatore a immersione. Mescola con il cucchiaio per eliminare le bolle d’aria e versa la confettura nel vasetto precedentemente sterilizzato per 30 minuti in acqua in ebollizione.

Fai raffreddare completamente prima di chiudere il barattolo, poi conserva in frigorifero fino a 3 settimane. Se dovessero formarsi delle cristallizzazioni basterà dare una mescolata veloce e la crema tornerà liscia e cremosa.

Miele 3

Ciocorì

Ingredienti:

  • 1 tavoletta di cioccolato fondente
  • riso soffiato q.b.

Preparazione:

La ricetta è facilissima: fai fondere il cioccolato a bagnomaria, mettendo una ciotola resistente al calore sopra ad una pentola con due dita di acqua in ebollizione.

Quando il cioccolato è sciolto, versa il riso soffiato quel tanto che basta per ricoprire tutti i chicchi e formare una massa compatta di riso soffiato.

Versa il composto in una teglia rivestita di carta forno e livella con una spatola in modo da creare uno strato uniforme di riso soffiato e cioccolato. Premi bene con la spatola in silicone o con il dorso di un cucchiaio per compattare i chicchi. Fai raffreddare completamente.

Quando il cioccolato si è indurito, taglia le barrette della misura desiderata e avvolgile in carta stagnola come fossero caramelle, legando le estremità con nastrini colorati.

In alternativa alle barrette si possono fare delle pepite, facendo cadere un cucchiaio di riso soffiato direttamente nei pirottini piccoli, quelli argentati in alluminio, più resistenti di quelli in carta.

Pane bianco al latte

Pane 1

Questa è la ricetta per fare i classici panini al latte, quelli che si mangiavano alle feste da bambini, farciti con il prosciutto cotto e lo stuzzicadenti infilzato al centro, morbidissimi e dal sapore quasi dolce. Dato che mi servivano delle fette di pane bianco per un’altra ricetta non ho fatto i classici panini singoli ma ho preparato il pane in uno stampo intero. Di sicuro li rifarò in versione singola, magari da portare al lavoro per uno spuntino!

Ingredienti:

  • 500 gr di farina manitoba
  • 50 gr di burro fuso
  • 60 gr di zucchero + 2 cucchiaini
  • 7 gr di sale
  • 300 ml di latte
  • 1\2 cubetto di lievito di birra fresco (12 gr)
  • 1 tuorlo d’uovo sbattuto con 2 cucchiai di latte
Preparazione:

In una brocca fai scaldare leggermente 100 ml di latte e sciogli mezzo dadino di lievito di birra fresco insieme a 2 cucchiaini di zucchero. Fai riposare il composto ottenuto per 10 minuti.

In un’altra ciotola mescola 50 gr di burro fuso, 60 gr di zucchero, 200 ml di latte tiepido e 7 gr di sale.

Quando sono trascorsi i 10 minuti versa il composto di burro latte zucchero e sale nella brocca con il latte e lievito e inizia a versarlo nella ciotola della planetaria dove avrai messo la farina manitoba. Lascia impastare a velocità minima aggiungendo i liquidi gradualmente. Potrebbero non servire tutti, a me ne sono avanzati ben 100 ml, quindi regolati in base a quanto liquido assorbe la farina. Dovrai ottenere una palla liscia ed elastica ed è pronta quando ha raccolto tutta la farina dalle pareti della ciotola.

Metti l’impasto ottenuto nella ciotola dove hai impastato coperta con un canovaccio pulito e lascia lievitare in un luogo tiepido per circa 2 o 3 ore fino al raddoppio.

Quando la pasta è raddoppiata forma i panini oppure metti l’impasto in uno stampo da plum cake e lascia lievitare ancora 40 minuti.

Inforna a 220°C per 20 minuti. Se fai i panini puoi spennellarli con il tuorlo d’uovo sbattuto con il latte prima di infornarli, in questo modo verranno belli lucidi!

Pane 5

Pane al latte

IMG_0654

Il sapore di questo pane mi ricorda l’impasto della focaccia dolce con zucchero e mele (introvabile al giorno d’oggi ma molto diffusa negli anni della mia infanzia)  che sto cercando di riprodurre senza fin’ora aver trovato la ricetta vincente. Nell’attesa mi consolo con questo pane al latte, leggermente dolce, ideale per la colazione o per fare il french toast.

Ingredienti:

  • 500 gr di farina manitoba
  • 10 gr di sale fino
  • 25 gr di zucchero
  • 10 gr di lievito di birra secco
  • 30 gr di burro morbido
  • 3,2 dl di latte tiepido
  • un goccio di olio extravergine per impastare

Preparazione:

Se usi la planetaria metti il gancio ad uncino e riempi la ciotola con tutti gli ingredienti secchi. Aziona e versa pian piano il latte finchè non si sarà formata una palla. Continua ad impastare su un piano di lavoro infarinato con le mani unte di un goccio di olio extravergine. Lascia lievitare l’impasto in un luogo caldo (es: il forno con la luce accesa) per circa 2 ore, finchè non avrà raddoppiato il volume.

Trascorso il tempo reimpasta il tutto facendo uscire bene l’aria ripiegando l’impasto più volte su se stesso e formando infine un salsicciotto. Ungi una terrina da forno (es: stampo per plum cake) e metti dentro l’impasto con la piega rivolta verso il fondo della terrina. Incidi l’impasto con un coltello affilato per il lungo. Fai lievitare l’impasto nella terrina per un’altra ora e mezza o 2 ore, poi inforna a 210° per circa 25 minuti.

IMG_0655