Tajine di manzo con mele e prugne

Tajine3

Mi piacciono le spezie e mi diverto a cercare quelle che ancora mi mancano setacciando negozietti specializzati e boutique più o meno etniche dove trascorro volentieri un po’ di tempo il weekend. Mi piace tanto anche acquistare libri di cucina, soprattutto se sono specifici e tematici come il mio nuovo libretto sulle tajine della serie “Piccoli Spuntini” di Guido Tommasi Editore che ho preso di recente e che mi ha subito conquistata! Con le mie nuove spezie e il mio nuovo libro non potevo fare altro che mettermi ai fornelli e preparare uno spezzatino speziato (adoro chiamarlo così) con il mio tegame in ghisa Le Creuset, perfetto per le cotture lente a fuoco dolce da abbinare al classico riso basmati per un piatto unico ricco e sostanzioso adatto al clima di questa giornata! Sentitevi liberi di personalizzare la quantità di spezie a seconda dei vostri gusti e se non amate le mele o le prugne potete utilizzare pere, albicocche secche, fichi secchi o patate e carote per un gusto più classico.

Ingredienti per 2 persone:

  • 1 cipolla piccola
  • 400 gr di spezzatino di manzo
  • 1 cucchiaio di cannella
  • 1 cucchiaio di garam masala
  • 1 cucchiaio di zenzero
  • 1/2 cucchiaio di paprika affumicata
  • 1\2 cucchiaio di cumino in polvere
  • 1\2 cucchiaio di misto cinque spezie
  • 1 pizzico di chiodi di garofano in polvere
  • 1 pizzico di noce moscata in polvere
  • 1 bustina di zafferano
  • 1 mela
  • 6 prugne secche denocciolate
  • 1 litro di brodo
  • sale, pepe, un cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • 1 bicchiere colmo di riso basmati
  • 2 chiodi di garofano

Tajine2

Preparazione:

Tritate la cipolla e fatela stufare nel tegame (meglio se in ghisa o comunque con il fondo spesso) con l’olio, un pizzico di sale e pepe. Allungate con un paio di cucchiai di brodo per non farla bruciare. Quando è traslucida aggiungete tutte le spezie e mescolate bene.

Aggiungete la carne e mescolate, quindi coprite con il brodo fino ad arrivare a 2 centimetri sopra la carne. Mettete il coperchio, regolate la fiamma sul minimo e lasciate cuocere almeno 1 ora. Controllare di tanto in tanto e mescolate ogni 15 minuti per evitare che la carne attacchi al fondo. Aggiungete del brodo se vedete che si asciuga troppo.

Trascorsa 1 ora di cottura, sbucciate le mele e tagliatele in spicchi spessi, quindi aggiungetele insieme alle prugne nel tegame, aggiungendo un pò di brodo per ricoprire nuovamente il composto di un paio di centimetri.

Fate cuocere per 20/30 minuti, o di più se necessario: la carne dovrà risultare tenera e il fondo di cottura non troppo liquido.

Preparate il riso basmati con i chiodi di garofano seguendo i tempi di cottura indicati sulla confezione. A cottura ultimate scolate il riso, impiattate e completate con la tajine e il suo fondo di cottura. Servite ben caldo e gustate con una playlist etnicheggiante in sottofondo!

Tajine1

 

Torta petalosa mele e cannella

torta-di-mele-2Una crostata semplice, fatta con pochi ingredienti ma dall’effetto molto scenografico grazie alle fettine di mela tagliate sottili e disposte “a petalo”. Io ho insaporito la base della crostata con della marmellata di arance ricca di scorze e un pizzico di cannella ma se volete potete utilizzare anche altri tipi di confettura a vostro piacimento.

torta-di-mele-4

Ingredienti per la pasta sablée:

  • 220 gr di farina 00
  • 90 gr di zucchero a velo
  • 30 gr di farina di mandorle
  • 2 gr di sale
  • 130 gr di burro freddo a dadini
  • 1 uovo

Ingredienti per la farcitura:

  • 4 mele
  • 100 gr di zucchero
  • 1 limone
  • 1,25 litri di acqua
  • 4 cucchiai di marmellata di arance
  • un pizzico di cannella
  • un paio di cucchiai di zucchero semolato

torta-di-mele-3

Preparazione:

Mettete nel mixer tutti gli ingredienti della pasta sablée eccetto l’uovo e azionate fino ad ottenere un composto sabbioso. Aggiungete l’uovo e proseguite finchè non si è formato l’impasto. Terminate di impastare a mano se necessario, avvolgete il panetto in un foglio di pellicola per alimenti. Riponete in frigorifero per almeno 1 ora.

Portate a ebollizione l’acqua con i 100 gr di zucchero e il succo del limone. Mentre raggiunge il bollore preparate le mele: tagliatele in quattro spicchi, eliminate il torsolo e tagliatele a fettine sottili spesse 1 millimetro. L’utilizzo di una mandolina vi consentirà di ottenere fettine di mela dello stesso spessore.

Quando l’acqua bolle immergete le mele a fettine e e fate cuocere 5 minuti dalla ripresa del bollore. Se le mele sono tagliate un pò più spesse (come le mie) prolungate la cottura per qualche altro minuto: le fettine dovranno essere morbide per poterle arrotolare senza fatica.

Scolate le fettine di mela dallo sciroppo e lasciate raffreddare.

Nel frattempo riprendete l’impasto e stendetelo con un po’ di farina e l’aiuto del mattarello in un disco spesso qualche millimetro. Rivestite una tortiera con della carta forno e adagiate il disco di pasta sablée all’interno facendolo aderire bene ai bordi.

Spalmate la marmellata di arance, spolverizzate con un pizzico di cannella e quando le mele sono tiepide iniziate a creare i petali partendo con una fettina di mela arrotolata su se stessa e posizionata al centro della torta. Avvolgete le fettine di mela tutto intorno al bocciolo centrale fino a completare la torta. Spolverizzate con lo zucchero semolato e un altro pizzico di cannella se vi piace.

Infornate a 180°C forno statico per 35/40 minuti. Fate intiepidire e servite.

torta-di-mele-1

 

 

Apple pie con zenzero e cannella

Apple pie 3Oggi è una giornata fredda e piovosa, ideale per stare in casa e preparare una torta di mele! L’apple pie è secondo me la più golosa di tutte le torte di mele, quello scrigno di frolla che racchiude un ripieno profumato morbido e caramellato è semplicemente deliziosa! L’ho aromatizzata con tanta cannella e ho aggiunto dei pezzetti di zenzero candito per un gusto in più. Dopo un confronto con Silvia (che mi ha fatto venire voglia di prepararla) mi sono adoperata per evitare di rendere l’interno troppo umido, così ho deciso di fare una base di biscotti allo zenzero sbriciolati sul fondo e come suggerisce Nigella, dalla quale ho preso spunto per la ricetta, ho aggiunto della maizena al caramello in modo da formare una crema ed evitare che si inumidisca la pasta sul fondo! Ha funzionato! Buona domenica!

Ingredienti per la brisè

  • 125 gr di burro freddo tagliato a dadini
  • 200 gr di farina autolievitante (è strano si, ma funziona!)
  • 50 gr di farina di mais fine
  • 50 gr di zucchero semolato
  • 4 – 5 cucchiai di acqua ghiacciata
  • il succo di 2 lime o mezzo limone

Ingredienti per il ripieno:

  • 4 o 5 mele pink lady o altre che preferite
  • 100 gr di zucchero
  • 40 gr di burro
  • due cucchiai di cannella
  • due cucchiai di zenzero candito tritato o due cucchiai di zenzero in polvere
  • 3 cucchiai di maizena
  • 4 o 5 biscotti allo zenzero o frollini classici

Ingredienti per completare:

  • 1 tuorlo sbattuto con un pò di latte per spennellare la superficie

Apple pie 5Preparazione:

Per la brisè procedete in questo modo: mettete il burro a dadini, le farine e lo zucchero in un mixer con la lama e azionate fino ad avere un composto sbriciolato, mettete in freezer la ciotola (non serve coprirla) per circa 15 minuti.

Trascorso il tempo di raffreddamento tirate fuori la ciotola e aggiungete pian piano con il mixer in azione il succo di limone e l’acqua procedendo pian piano fino a quando il composto da sabbioso diventa compatto e formerà una “palla”. A questo punto la brisè è pronta: appiattitela fino a formare un disco spesso e avvolgetela nella pellicola per alimenti. Fate riposare in frigorifero per almeno 30/40 minuti, si dovrà rassodare per bene.

Nel frattempo preparate le mele: sbucciatele, affettatele in spicchi non troppo piccoli (6 o 8 spicchi per ciascuna mela a seconda della grandezza) e mettetele in una padella ampia con il burro, lo zucchero, la cannella, la maizena e lo zenzero e fate rosolare per due minuti, giusto il tempo di far sciogliere lo zucchero e caramellare un pò le mele. Tenete da parte e fate raffreddare.

Trascorso il tempo di riposo della pasta, dividetela in due parti di cui una più grande dell’altra e stendete il primo pezzo con un mattarello e un pò di farina fino a raggiungere un diametro più grande di due centimetri rispetto alla vostra tortiera. Rivestite la tortiera precedentemente imburrata e infarinata con la pasta appena stesa, sbriciolate i biscotti e distribuiteli sul fondo della pie.

Riempite il guscio di pasta con le mele cercando di tenere più mele nella parte centrale e coprite con l’altro pezzo di impasto anch’esso steso con mattarello e farina in modo da formare un coperchio.

Sigillate bene i due dischi di impasto e praticate dei tagli che serviranno a far fuoriuscire il vapore. Spennellate con il tuorlo d’uovo sbattuto con due cucchiai di latte e infornate a 180°C  per 35/40 minuti. Estraete dal forno e fate raffreddare. Tagliatela quando è tiepida e servitela con gelato alla vaniglia o al naturale con un buon tè caldo!

Apple pie 8

Apple walnut cinnamon roll

AWCroll 2

Dopo la versione semplice della Cinnamon roll che potete trovare qui ho provato ad arricchire la ricetta aggiungendo mele e noci che insieme alla cannella, al burro e allo zucchero muscovado hanno creato un ricco ripieno caramellato che vi farà leccare le dita soddisfatti! Per iniziare bene la giornata vi consiglio una bella girella per colazione, vi darà la carica per tutta la mattinata! Una volta cotte e fatte raffreddare le potete tranquillamente congelare in modo da tirarle fuori la sera prima e averle pronte a colazione!

Ingredienti per 12 cinnamon roll:

  • 500 gr di farina manitoba
  • 40 gr di burro morbido
  • 3 dl di latte a temperatura ambiente
  • 10 gr di sale
  • 10 gr di lievito di birra secco
  • 1 uovo sbattuto

Ingredienti per il ripieno:

  • 2 cucchiai di cannella
  • 4/5 cucchiai di zucchero muscovado o zucchero di canna
  • 2 mele
  • qualche fiocchetto di burro morbido

AWCroll

Preparazione:

Impastate la farina con il sale, il lievito di birra, il burro morbido, il latte e l’uovo sbattuto fino ad ottenere un composto morbido ed elastico. Mettete l’impasto a riposare in una terrina leggermente unta coperta con un canovaccio pulito o un foglio di pellicola per alimenti. Se il clima non è più caldo come in estate, utilizzate il forno con la luce accesa che farà da “camera di lievitazione” e lasciate lievitare fino al raddoppio del volume, il mio ha impiegato 5 ore (quindi non allarmatevi se non lievita subito).

Su un foglio di carta forno stendete l’impasto in un rettangolo di circa 5 millimetri di spessore e farcite con le fettine di mela, lo zucchero muscovado, la cannella e qualche fiocchetto di burro qua e là. Ho notato che è meglio stendere l’impasto il più sottile possibile perchè lievita in cottura. In questo modo avrete delle girelle dall’impasto più sottile delle mie.

Arrotolate l’impasto su se stesso aiutandovi con la carta forno e sigillate bene i bordi. Tagliate delle fette di circa 2 cm di spessore e posizionatele in una teglia da forno lasciando un pò di spazio tra una e l’altra. Lo spazio sarà riempito dalle girelle grazie alla lievitazione in forno. Fate lievitare ancora mezz’oretta, poi cuocete a 190°C per 20/25 minuti.

Fate raffreddare e se proprio volete fare le cose fatte bene potete glassare le girelle con una glassa fatta da zucchero a velo e qualche goccia di succo di limone. Così saranno perfette!

Focaccine dolci

Focaccine title

Se penso alle focaccine dolci mi viene in mente cappuccetto rosso che saltella nel bosco con il cestino di vimini pieno di soffici pagnottelle zuccherate ancora calde. Che semplice delizia di altri tempi! Ho voluto realizzare queste focaccine dolci in occasione del contest “I lievitati della nonna” organizzato da Cucina Semplicemente per condividere una merenda che facevo con mia nonna Maria, che andava matta per questa focaccia dolce. Per personalizzare la ricetta ne ho fatte due varianti: con le noci, per un effetto più croccante e con le mele per un risultato più morbido e succoso. Naturalmente si può anche fare la focaccia in un’ unica teglia rettangolare.

Focaccine 4 Focaccine 3

Ingredienti per 12 focaccine:

  • 400 gr di farina Frumenta tipo 1 (farina di grano tenero con un apporto di sali e fibre superiore a quello delle farine 00 e 0 e con un gusto più delicato rispetto alle semintegrali e integrali.
  • 200 gr di farina manitoba
  • 100 gr di zucchero bianco
  • 160 ml di latte tiepido
  • 180 ml di acqua
  • 30 ml di olio extravergine di oliva
  • 20 gr di lievito di birra fresco
  • un cucchiaino di sale fino

Focaccine 2

Ingredienti per la finitura:

  • 2 mele
  • 2 manciate di gherigli di noci
  • 12 cucchiaini di zucchero bianco (un cucchiaino per ogni focaccina)
  • 40 gr di burro morbido

Focaccine 1

Preparazione:

Mettete le farine, il sale e lo zucchero nella ciotola della planetaria. Riunite in una piccola brocca il latte e l’acqua e fate sciogliere il lievito di birra mescolando con cura.

Azionate la planetaria con il gancio a uncino per impastare e versate l’olio extravergine di oliva e i liquidi, tenendo presente che potrebbero non servire tutti, quindi una volta versati i due terzi procedete pian piano per vedere quanto liquido chiede l’impasto.

Lasciate lavorare la planetaria per 10 minuti alla minima velocità, l’impasto dovrà essere molto morbido ma non appiccicoso. Per rendere l’impasto più maneggevole potete terminare di impastare a mano, con le mani leggermente unte; in questo modo l’impasto acquisterà elasticità.

Mettete l’impasto in una ciotola ampia unta con un filo di olio e coprite con pellicola per alimenti. Fate lievitare in un luogo tiepido per almeno due ore, o fino al raddoppio dell’impasto.

Trascorso il tempo di lievitazione reimpastate brevemente per far fuoriuscire l’aria e dividete l’impasto in 12 pezzetti più o meno uguali. Stendete ciascun pezzetto con un mattarello per formare un disco circolare. Posizionate le focaccine su un paio di teglie rivestite con carta da forno lasciando un pò di spazio tra una e l’altra. Fate lievitare ancora 1 ora.

Sbucciate e riducete le mele a fettine. Su alcune focaccine premete le fettine di mela, su altre premete i gherigli di noci in modo che sprofondino bene nell’impasto. Su ciascuna focaccina mettete un paio di fiocchetti di burro morbido e cospargete con un cucchiaino di zucchero bianco.

Cuocete a 190°C per 10 minuti, poi altri 5 minuti a 160°C. Saranno pronte quando saranno dorate in superficie e anche il fondo sarà asciutto e dorato. Se optate per la focaccia intera prolungate i tempi di cottura di 5 minuti.

Con questa ricetta partecipo al contest indetto da Cucina Semplicemente in collaborazione con Grandi Molini Italiani

Grandi Molini Italiani

I-lievitati-della-nonna-GMI-600x250

Focaccina mele Focaccine noci

Tartelettes aux pommes

tartelettes 4

Ho visto queste sfogliatine esposte in bella vista presso Le Pain Quotidien, uno dei miei posti preferiti dove pranzare o fare uno spuntino con qualcosa di naturale, sano e sempre freschissimo, e non ho saputo resistere, arrivata a casa le ho provate a fare e sono venute benissimo al primo colpo! Oltre che belle queste “tartelettes aux pommes” a base di pasta sfoglia, crema pasticcera e mele, sono facili da fare, semplici e deliziose, direi che è perfetto! Non ci resta altro che prepararle e sistemarle ben alllineate su un vassoio per catapultarsi in uno di quei boulanger parigini che sfornano delizie a ogni ora!

Tartelettes 2

Ingredienti per la crema pasticcera:

  • 250 gr di latte intero (oppure 125 gr di latte scremato + 125 gr di panna fresca)
  • 1 bacca di vaniglia
  • 2 tuorli
  • 60 gr di zucchero
  • 20 gr di maizena

Preparazione della crema pasticcera:

Versa il latte in un pentolino e aggiungi i semini interni raschiati con un coltellino e la bacca della vaniglia. Porta a bollore, poi togli la pentola dal fuoco e lascia in infusione per circa 30 minuti. In una ciotola sbatti brevemente i tuorli con lo zucchero, senza montare il composto, sarebbe inutile e controproducente. Unisci la maizena setacciata e amalgama con cura.

Prepara una ciotola pulita.

Trascorsi 30 minuti, elimina la bacca di vaniglia, rimetti a scaldare il latte e prima che raggiunga il bollore togli dal fuoco e versalo a filo nella ciotola con i tuorli sbattendo contemporaneamente con una frusta.

Rimetti il tutto nel pentolino e fai cuocere a fuoco dolce mescolando continuamente con una frusta o una spatola in silicone fino al raggiungimento della densità desiderata, io per questa ricetta tengo la crema leggermente più densa della normale crema pasticcera, di solito non appena inizia a sobbollire è pronta. 

Togli subito dal fuoco e versa la crema nella ciotola pulita per fermare la cottura. Copri con la pellicola trasparente messa a contatto con la crema per non far formare la pellicina. Fai raffreddare. 

NOTA: in alternativa alla vaniglia puoi aromatizzare la crema mettendo la scorza di un limone in infusione nel latte anziché la vaniglia e proseguire come sopra descritto. tartelettes 7

Ingredienti per completare le tartelettes aux pommes:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
  • 3 0 4 mele
  • un cucchiaio di gelatina di albicocche per lucidare oppure miele

Preparazione delle tartelettes aux pommes

Dopo aver fatto raffreddare la crema sei pronta per la preparazione. Preriscalda il forno a 180°C.

Taglia la pasta sfoglia in quadrati o rettangoli e allineali distanziati su una placca rivestita di carta forno. Incidi con la punta di un coltello un bordino a circa mezzo centimetro dai margini senza andare in profondità; questo farà sì che si creino dei bordi un pò più rialzati ai lati rispetto al centro. 

Spalma un cucchiaio di crema pasticcera su ciascuna sfoglia avendo cura di tralasciare il bordino esterno.

Sbuccia le mele e tagliale in quarti eliminando il torsolo. Con un coltello affilato taglia delle fettine sottili da ogni quarto lasciando le fettine una attaccata all’altra. A questo punto aiutandoti con il dorso di un coltello dalla lama ampia appoggiato sulle mele, schiaccia leggermente le fettine per farle scivolare l’una dall’altra e distanziarle di pochi millimetri. (Questo è anche un buon metodo per servire delle fettine di frutta in modo scenografico.)

Trasferisci le fettine sulle sfogliatine sollevandole con il dorso del coltello e inforna a 180° per circa 20 minuti, o fin quando la pasta sfoglia sui bordi e sotto assume un bel colore dorato.

Sforna e per renderle più appetitose procedi in questo modo: per lucidare le mele spennella la sfogliatine con 1 cucchiaio di gelatina di albicocche scaldata con 1 cucchiaio di acqua oppure un filo di miele e bruciacchia i bordi delle mele con il cannello a gas o con la funzione grill del forno, in questo modo le mele avranno un bell’aspetto brûlée!

Servi non appena sono tiepide o fredde.

tartelettes 3   tartelettes 6tartelettes 5

 

Plumcake semplicissimo alle mele e yogurt

Plumcake

Nella vita bisogna pur avere delle certezze: una persona di riferimento sulla quale contare, un posto sicuro dove poter tornare la sera, una casa accogliente dove sentirsi amati e poter essere felici anche quando sembra che tutto vada per il verso sbagliato o ci si sente un pò giù di morale. In questi casi una lunga chiacchierata con una persona fidata in compagnia di una bella tazza di tè e un plumcake morbidissimo rendono il sapore di casa ancora più dolce e rassicurante. Questo plumcake è proprio una di quelle torte “da famiglia”, semplice, per la colazione o la merenda, con ingredienti che si hanno sempre in casa. Può essere aromatizzato con cannella, scorza di limone o vaniglia a seconda dei gusti e la consistenza è più simile a quella di una torta elastica e quasi spugnosa che quella dei soliti plumcake sempre troppo burrosi, asciutti e stucchevoli. Partendo dagli ingredienti che avevo già in casa ho trovato l’ispirazione in un libro che ho appena comprato, si chiama “TORTE DI MELE” della collana PICCOLI SPUNTINI di Guido Tommasi Editore, che contiene ben 30 ricette di torte di mele e l’ho abbinato al tè biologico LØV al gusto di mela e cannella, giusto per restare in tema!!!

Ingredienti:

  • 125 gr di yogurt (bianco intero o alla vaniglia o altro gusto a piacere come limone, mela, strudel…)
  • 2 mele
  • 4 uova
  • 160 gr di zucchero bianco
  • 100 ml di olio di semi di mais
  • 300 gr di farina autolievitante
  • un pizzico di sale
  • aromi: un cucchiaino di cannella oppure la scorza di un limone non trattato, o i semini di una bacca di vaniglia.
  • Per decorare: un cucchiaio di miele e granella di zucchero

Preparazione:

Accendi il forno a 160°C.

Sbuccia le mele, privale del torsolo e riducile a fettine. Frullale insieme allo yogurt in un mixer fino ad ottenere una crema, non importa se rimarrà granulosa.

Nella planetaria o in una ciotola molto capiente sbatti le 4 uova intere con i 160 gr di zucchero fino ad ottenere un composto color giallo chiaro gonfio e spumoso. Aggiungi l’olio a filo continuando a montare, poi spegni la planetaria o le fruste e aggiungi la purea di mele e yogurt, la farina, il pizzico di sale e gli aromi e mescola con una spatola dal basso verso l’alto fino ad ottenere una pastella omogenea.

Imburra e infarina uno stampo da plumcake e versa l’impasto. Inforna a 170°C per 50 minuti.

Estrai dal forno, spennella la superficie con un filo di miele e decora a piacere con granella di zucchero cristallizzato o spolverizza di zucchero a velo.

Fai raffreddare completamente nella teglia da plumcake e solo quando è freddo può essere sformato, tagliato a fette e gustato! In genere è bene tagliare le torte quando sono fredde: tagliare una torta quando è ancora calda significherebbe far fuoriuscire tutta l’umidità contenuta all’interno con la conseguenza di ritrovarsi con una torta che si secca in fretta e perde la consistenza elastica e spugnosa.

Conservare il plumcake in una scatola di latta con coperchio o avvolto in un foglio di alluminio per mantenerlo morbido.

Plumcake 2

 

Apfelstrudel con zenzero, pinoli e noci caramellate e salsa alla vaniglia

Strudel 1

Un vero e proprio omaggio all’ Alto Adige, che considero un pò come la mia seconda casa. Prati verdeggianti d’estate, cumuli di neve in inverno, l’aria pulita e quel silenzio che solo la natura ti sa regalare sono indispensabili per rigenerarsi dalla frenesia della vita quotidiana! Una bella fetta di strudel servito come fanno in Alta Badia, appena fatto, con la crema calda alla vaniglia, ti farà sognare a occhi aperti!

Ingredienti per lo strudel:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia rotonda
  • 3 mele
  • 4 cucchiai di pinoli
  • 4 cucchiai di noci
  • 4 cucchiai di zucchero
  • una radice di zenzero fresco
  • un cucchiaino di cannella
  • 4 o 5 frollini o biscotti secchi sbriciolati
  • 1 tuorlo sbattuto con 2 cucchiai di latte

Ingredienti per la crema alla vaniglia:

  • 2 tuorli (si può tranquillamente utilizzare il tuorlo avanzato dallo strudel + 1 altro)
  • 150 ml di panna fresca
  • 3 cucchiai di zucchero bianco
  • 1\2 bacca di vaniglia

Strudel 3 Strudel 6

Preparazione dello strudel:

Sbuccia le mele, elimina il torsolo e riducile a dadini. Mettile in una ciotola e insaporisci con la cannella, due cucchiai di zucchero, un pezzetto di zenzero fresco grattugiato e mescola.

Prepara un tagliere con un foglio di carta forno e un mattarello, servirà per le noci e pinoli croccanti.

In una padella antiaderente fai tostare le noci e i pinoli e quando sono dorati aggiungi due cucchiai di acqua e due cucchiai di zucchero e fai caramellare fino a quando lo zucchero forma delle bolle.

Trasferisci quindi la frutta secca sul tagliere rivestito con la carta forno, ripiega il foglio di carta in due in modo da coprire il croccante e con un mattarello appiattisci la frutta secca. Fai raffreddare, poi taglia a pezzetti.

Assembla lo strudel: srotola la pasta sfoglia, distribuisci al centro i biscotti sbriciolati (che serviranno per assorbire l’umidità delle mele) formando una striscia verticale. Distribuisci sopra le mele e i pezzetti di noci e pinoli caramellati.

Con un coltello taglia delle strisce di pasta sfoglia larghe circa 2 cm dai lati rimasti liberi, partendo dall’alto e tenendo una inclinazione di circa 45 gradi e procedendo dal centro verso verso il basso e l’esterno della pasta. Intreccia lo strudel portando verso il centro le strisce di pasta prima da destra poi da sinistra alternandole, in modo da creare un sorta di spiga o intreccio.

Spennella la pasta sfoglia con il tuorlo sbattuto con due cucchiai di latte e inforna a 180°C per circa 20/25 minuti, fino a quando la pasta sfoglia risulta bella dorata.

Strudel 2

Preparazione della salsa alla vaniglia:

In una ciotola sbatti i due tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto giallo chiaro e spumoso. Fai scaldare la panna con i semini della mezza bacca di vaniglia e quando accenna al bollore versa la panna nella ciotola con i tuorli montati mescolando con una frusta. Rimetti il composto nel tegame dove hai scaldato la panna e prosegui con la cottura a fuoco medio per qualche minuto mescolando con una spatola in silicone per non farla attaccare al fondo. La salsa raggiunge la giusta consistenza quando raggiunge il bollore. Se si vuole una salsa più densa basta prolungare la cottura di qualche istante fino ad ottenere la consistenza desiderata.  Trasferisci la salsa in una salsiera e servi con lo strudel tiepido. La salsa si può anche preparare prima e riscaldare a microonde appena prima di servirla.

Strudel 5

Insalata benessere

IMG_0789

Un vero e proprio concentrato di benessere e un aiuto per il colesterolo: essendo ricca di verdura e frutta consente di assumere elementi preziosi per il nostro organismo e la presenza di spezie ed erbe aromatiche evita l’utilizzo di condimenti per mantenere basso il livello di colesterolo LDL. Il garam masala è un mix di spezie composto da: coriandolo, cumino, zenzero, pepe nero, cannella, cardamomo, chiodi di garofano, foglie di alloro, noce moscata e può essere personalizzato con altre spezie a seconda dei propri gusti.

Ingredienti per 1 insalata:

  • 4 manciate di cuori di lattuga
  • 8 pomodorini
  • 1\2 cetriolo
  • 1\2 mela
  • 4 gherigli di noci
  • 10 steli di erba cipollina
  • 2 cucchiai di yogurt bianco magro
  • 1\2 limone spremuto
  • 1 cucchiaino di garam masala
  • 2 cucchiaini di aceto balsamico
  • un pizzico di peperonicino
  • un pizzico di sale

Preparazione:

In una ciotolina mescola gli ingredienti per il condimento: succo di limone, un pizzico di sale e peperoncino, un cucchiaino di garam masala, due cucchiaini di aceto balsamico, due cucchiai di yogurt bianco magro e l’erba cipollina tritata. Tieni da parte.

Sbuccia mezzo cetriolo e taglialo a dadini piccoli.

Riduci a dadini anche mezza mela privata del torsolo.

Uniscili al condimento di yogurt il cetriolo e la mela a dadini e mescola per amalgamare gli ingredienti.

Tagli i pomodorini a metà o in quarti se sono grandi.

Assembla il tutto: su un piatto disponi i cuori di lattuga, al centro versa il mix di cetrioli e mela e distribuisci il condimento rimasto sull’insalata. Spargi i pomodorini, qualche stelo di erba cipollina tagliuzzato e i gherigli di noce sminuzzati.

Spolverizza con pepe nero e decora con due fettine sottili di mela.

Approfondimento sugli alimenti:

CETRIOLO:

E’ un ortaggio economico molto utilizzato nelle diete perchè contiene acido tartarico che impedisce ai carboidrati che assumiamo di trasformarsi in grassi, inoltre ha pochissime kcal, contiene molta acqua, fibre, provitamina A, le vitamine del complesso B, la vitamina C ed è ricco di iodio, manganese, potassio, ferro e calcio.

MELA:

E’ un frutto prezioso e benefico per diversi motivi:  oltre ad avere pochi zuccheri e a regolare l’insulina contiene vitamine del gruppo B, sali minerali e fibre, tra cui la pectina, utile a contrastare  il colesterolo “cattivo” (LDL) e aumentare quello buono (HDL). La mela inoltre tiene sotto controllo l’appetito e regolarizza le funzioni intestinali.

NOCI:

Pur essendo caloriche, consumate con moderazione fanno bene in quanto forniscono acidi grassi omega3, e omega6, nello specifico l’acido alfa linoleico e linoleico e l’arginina, utile per prevenire l’arteriosclerosi. Contengono inoltre fosforo, potassio, magnesio, calcio, ferro, zolfo, vitamine del gruppo B ed E.

POMODORO

E’ un ortaggio ricco di acqua e povero di kcal. Ha proprietà antiossidanti grazie a vitamine del gruppo B, acido ascorbico e vitamina D ed E. Notevole anche la componente minerale in quanto contiene ferro, zinco, selenio, fosforo e calcio. Ciò che lo rende un prezioso alleato nel combattere il colesterolo è il licopene, un carotenoide che frena il colesterolo LDL e protegge inoltre le cellule dall’azione dannosa dei radicali liberi. 
Con questa ricetta partecipo al contest Colesterolo “cattivo”? No grazie!  nato dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II e l’Associazione Italiana Food Blogger!Con questa ricetta partecipo al contest: Colesterolo “cattivo”? No grazie! nato dalla collaborazione tra Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II e Associazione Italiana Food Blogger.