Krapfen al forno con crema alla vaniglia: pazzeschi!

krapfen 1

Adoro i krapfen, quell’impasto soffice e profumato super morbido…. però, però… c’è un però: di solito i krapfen sono fritti quindi non molto salutari…ma perché rinunciarci quando si possono tranquillamente realizzare in forno? Non pensavo sarebbero venuti così bene! L’impasto è super morbido e profumato grazie alla vaniglia naturale, sa proprio di krapfen e in tutta onestà devo dire che ho un trucchetto per farli sembrare fritti e per ricreare quel guscio goloso zuccherato al profumo di cardamomo! Ho servito la crema pasticciera a parte, se volete però potete tranquillamente farcirli con una sac à poche. Nota sulla conservazione: potete congelarli avvolti singolarmente in un foglio di alluminio e poi in sacchettini alimentari se non avete messo la crema all’interno. Per averli pronti come fossero appena fatti basterà lasciarli a temperatura ambiente per qualche ora e per un effetto “appena sfornato” scaldarli leggermente al forno! 

krapfen 5

INGREDIENTI PER 20 krapfeN:
  • 225 ml di latte intero
  • 1 uovo a temperatura ambiente
  • 60 gr di zucchero bianco
  • 450 gr di farina (metà 00 e metà manitoba)
  • 4 gr di lievito di birra disidratato
  • 80 gr di burro a temperatura ambiente (“a pomata”)
  • 1 cucchiaino di vanilla bean paste (semi di vaniglia)
  • 1 pizzico di sale

krapfen 2

ingredienti per la finitura:
  • 20 gr di burro fuso
  • 5 – 6 cucchiai di zucchero bianco mescolato a 1 cucchiaio di cardamomo verde in polvere (o semini di vaniglia in alternativa)
ingredienti per la crema:
  • 160 ml di latte intero
  • 2 tuorli d’uovo
  • 50 gr di zucchero bianco
  • 10 gr di maizena
  • 25 gr di burro 
  • semi di mezza bacca di vaniglia o un cucchiaino di vanilla bean paste

krapfen 9

PREPARAZIONE dei krapfen:

Nella ciotola della planetaria mettete l’uovo, lo zucchero, la vaniglia, il pizzico di sale e mescolate. In una piccola brocca fate sciogliere il lievito di birra nel latte tiepido e quando non ci sono più grumi versatelo nella ciotola insieme agli altri ingredienti. Azionate la planetaria a media velocità con il gancio a uncino per impastare e aggiungete metà della farina cucchiaio dopo cucchiaio. Aggiungete metà del burro morbido “a pomata” poco per volta e terminate con la restante farina e burro. Impastate per circa 10 minuti, il burro dovrà essere del tutto assorbito e l’impasto dovrà diventare bello morbido, liscio e incordato. Spegnete la planetaria e terminate di impastare sul piano di lavoro con le mani unte di burro o olio per conferire all’impasto una forma sferica (il termine corretto è “pirlare” l’impasto) quindi riponetelo nella ciotola della planetaria. Coprite la ciotola con un canovaccio pulito e inumidito. Fate lievitare in un luogo tiepido per circa 3 ore, o comunque fino al raddoppio.

A lievitazione ultimata sgonfiate l’impasto sul piano di lavoro spolverizzato di farina e con l’aiuto di un mattarello stendete l’impasto in uno spessore di 1 centimetro. Con un coppa pasta tondo da 7 cm di diametro ritagliate dei dischetti di impasto e ripiegatelo su se stesso fino a conferire una forma sferica. Io di solito allargo ogni dischetto con i polpastrelli, lo arrotolo su se stesso prima dall’alto in basso e poi da sinistra a destra e infine lo “pirlo” per renderlo sferico.

Sistemate ogni krapfen su un paio di teglie foderate di carta forno lasciandoli ben distanziati e fate lievitare ancora 1 ora, i krapfen dovranno raddoppiare in volume.

Accendete il forno a 200°C modalità statica e quando è in temperatura infornate 1 teglia per volta. Fate cuocere 6 minuti ciascuna teglia. Preparate un piatto fondo o una ciotola con lo zucchero e il cardamomo. Mescolate e tenete da parte. TRUCCHETTO per farli sembrare fritti: fate fondere 20 gr di burro e quando sfornate i krapfen spennellateli con il burro fuso e poi spolverizzateli con lo zucchero al cardamomo. Fatene 2 per volta in modo da non far assorbire il burro dall’impasto. Fate raffreddare prima di gustarli o farcirli con la crema!

PREPARAZIONE DELLA CREMA:

In una ciotola resistente al calore mescolate i tuorli con lo zucchero e la maizena, senza montare il composto. In un pentolino fate scaldare il latte con la bacca di vaniglia fino a raggiungere il primo bollore. Versate a filo il latte sui tuorli mescolando velocemente per non cuocere le uova. Rimettete la crema nel pentolino e fate scaldare fino al primo accenno di bollore. Spegnete e trasferite la crema in una pirofila di vetro, coprite con un foglio di pellicola alimentare a contatto con la crema in modo che non solidifichi in superficie.

Quando i krapfen e la crema sono freddi potete farcirli con una sac à poche oppure servire la crema in ciotole individuali o una salsiera.

krapfen 6

pandoro fatto in casa – fa-vo-lo-so!

pandoro prova qualità foto5

Cosa manca al mio repertorio di ricette natalizie? Un grande lievitato! Mi sono cimentata con il pandoro seguendo la ricetta di Aurora cookergirl una ragazza super carina e simpaticissima che seguo su Instagram! Mi piace perché – come me – è una vera fan dei lievitati: pizze, pane, focacce, di quelle fatta a regola d’arte con l’alveolatura in un certo modo ecc… ma non solo, ha la passione per ogni cosa buona che sia preparata con grande gusto e una giusta dose di semplicità! Seguitela se volete prendere qualche spunto! Dato che ho già fatto diverse sue ricette, tutte riuscitissime, mi sono affidata a lei per il pandoro e devo dire che è stato un successone! Ho ottenuto un pandoro super profumato, soffice soffice con la perfetta alveolatura e anche con la giusta umidità, per niente asciutto ma al contrario umido e scioglievole! Perfetto!

pandoro prova qualità foto4

Ingredienti per 1 pandoro da 800 gr
per il poolish (da preparare la sera prima)
  • 38 gr di farina forte (possibilmente una per grandi lievitati)
  • 75 gr di acqua a temperatura ambiente
  • 3 gr di lievito di birra fresco
per il secondo preimpasto (da preparare la mattina)
  • 5 gr di lievito di birra fresco
  • 1 cucchiaino di miele
  • 20 gr di acqua
  • 1 tuorlo
  • 50 gr di farina forte (possibilmente una per grandi lievitati)
per l’impasto
  • il poolish precedentemente preparato
  • 243 gr di farina forte (possibilmente una per grandi lievitati)
  • 125 gr di zucchero semolato
  • 4 tuorli freddi di frigorifero
  • 80 gr di burro morbido
  • 5 gr di sale
  • 50 gr di panna fresca fredda di frigorifero
per l’emulsione
  • 50 gr di burro
  • 25 gr di panna fresca
  • 40 gr di cioccolato bianco tritato finemente
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • scorza di 1\2 limone bio
  • scorza di 1\2 arancia bio
pandoro prova qualità foto3
preparazione
  1. La sera prima prepariamo il poolish: mescoliamo con una forchetta l’acqua, la farina e il lievito in un contenitore ermetico. Una volta ottenuta la consistenza di una pastella mettiamo in frigorifero per un minimo di 12 ore. Il poolish non aumenterà di volume ma apparirà più spumoso: in questo caso è normale se sembra che la farina si sia separata dall’acqua.
  2. La mattina successiva per prima cosa tiriamo fuori il poolish dal frigorifero per farlo tornare a temperatura ambiente. Poi procediamo con il secondo pre-impasto: sciogliamo il lievito e il miele nell’acqua a temperatura ambiente. Uniamo quindi il tuorlo, mescoliamo e infine aggiungiamo la farina. Otterremo un composto grezzo, molto morbido e appiccicoso. Non c’è bisogno di impastare, basta amalgamare tutti gli ingredienti. Copriamo la ciotola con pellicola per alimenti e lasciamo lievitare fino al raddoppio (per circa 1 ora / 1 ora e mezza).
  3. A questo punto poniamo i due premiasti (quello appena fatto e il poolish) nella ciotola della planetaria munita di foglia. Aggiungiamo 75 gr di farina e incordiamo a velocità medio bassa. Dopo 2 minuti sostituiamo la foglia con il gancio a uncino per impastare, quindi proseguiamo fino a incordatura. Aggiungiamo 1 tuorlo, aspettiamo che venga assorbito, quindi uniamo 35 gr di zucchero, impastiamo a velocità media e lasciamo incordare.
  4. Ogni 3 – 4 minuti spegniamo la planetaria, stacchiamo l’impasto dal gancio con l’aiuto di una spatola in silicone, giriamolo su se stesso e continuiamo l’incordatura. Uniamo poi 40 gr di burro morbido, in più volte, aspettando che il tocchetto precedente sia stato assorbito completamente. Otterremo un impasto morbido, incordato, filante. Copriamo la ciotola con pellicola per alimenti e facciamo lievitare fino al raddoppio (1 – 2 ore).
  5. Occupiamoci dell’emulsione: sciogliamo a bagnomaria il burro, la panna e il cioccolato bianco tritato finemente insieme alla vaniglia e alle scorze. Mescoliamo bene il tutto per uniformare gli ingredienti fusi.  Quando avrà raggiunto la consistenza di una cioccolata calda togliamo l’emulsione dal bagnomaria. Lasciamo raffreddare a temperatura ambiente, poi riponiamo in frigorifero.
  6. Riprendiamo a impastare a velocità medio – bassa e a pioggia uniamo 110 gr di farina e la panna, alternandoli. Incordiamo, quindi uniamo 1 tuorlo e lasciamo incordare. Ogni 5 minuti spegniamo la planetaria, giriamo l’impasto su se stesso staccandolo dal gancio con l’aiuto di una spatola in silicone e riprendiamo a incordare. Poi uniamo 2 tuorli e 90 gr di zucchero alternandoli. Quindi uniamo anche il sale e 58 gr di farina. Aumentiamo la velocità a medio alta e facciamo incordare.
  7. Iniziamo a unire l’emulsione che in frigorifero si sarà addensata, un cucchiaio raso alla volta. Impastando a velocità medio alta e aspettando che il primo cucchiaio sia assorbito prima di aggiungere il successivo. E’ fondamentale non avere fretta e non perdere l’incordatura, per questo è bene procedere poco alla volta facendo lavorare a lungo l’impastatrice. Così facendo otterremo un impasto morbido, quasi gelatinoso, ma ben incordato. Infine uniamo i 40 gr di burro morbido sempre poco alla volta.
  8. Stacchiamo l’impasto dal gancio, copriamo la ciotola con pellicola per alimenti e lasciamo riposare 15 minuti. Nel frattempo imburriamo generosamente lo stampo da 800 gr del pandoro. Trasferiamo l’impasto sul piano di lavoro imburrato: pratichiamo delle pieghe e pirliamo l’impasto (io qui ho avuto qualche difficoltà perché l’impasto era super morbido e si attaccava al piano di lavoro e alle mani pur avendole imburrate, quindi ho utilizzato una spatola in silicone per aiutarmi con le pieghe; ho letto solo più tardi il consiglio di Aurora che dice di riporre la ciotola in frigorifero per qualche minuto se succede che l’impasto si surriscalda e sia quindi troppo morbido e poco malleabile)
  9. Mettiamo l’impasto nello stampo con la parte della chiusura rivolta verso l’alto. Copriamo con pellicola per alimenti e facciamo lievitare: possiamo scegliere la lievitazione a 28°C per 4 – 6 ore oppure possiamo lasciarlo a temperatura ambiente per 3 ore e poi in frigorifero per tutta la notte (il passaggio in frigorifero garantisce un prodotto più profumato – io ho seguito questo metodo). Se abbiamo optato per quest’ultimo, la mattina seguente tiriamo fuori il pandoro dal frigorifero e mettiamolo a lievitare a 28°C fin quando non sarà a 2 dita dal bordo, impiegherà 2 o 3 ore.
  10. Preriscaldiamo il forno a 180°C modalità statica con la grata del forno nella parte più bassa, inforniamo per 10 minuti, quindi abbassiamo la temperatura a 160°C e proseguiamo per altri 30 – 35 minuti. Dopo 40 – 45 minuti di cottura totale inseriamo un termometro per alimenti a sonda nel centro: la temperatura dovrà essere di 94°C circa.
  11. Una volta cotto, togliamo dal forno, lasciamo raffreddare a temperatura ambiente per 30 minuti nello stampo, quindi capovolgiamolo su una gratella dove raffredderà completamente togliendolo dallo stampo. Infine spolverizziamo di zucchero a velo e serviamo!

pandoro prova qualità foto2

Provateci almeno una volta nella vita, ne vale la pena, vi darà grande soddisfazione!

VANILLEGIPFERL

Vanillegipferl-1

Ho imparato a fare questi biscotti lo scorso anno in Alta Badia, andando “a bottega” da Nikolas del Panificio Seppi di Corvara. Oggi ho voluto prepararli in casa perché “sento l’inverno”, soprattutto vedendo che in Alta Badia sta già nevicando – incredibile ma vero!- quindi mossa da un po’ di nostalgia mi sono messa all’opera per calarmi, almeno per merenda, in un paesaggio innevato, candido e profumato di vaniglia dove i rumori sono attutiti dalla neve e ogni cosa diventa più bella….

Vanillegipferl2-1

ingredienti:
  • 110 gr di burro morbido
  • 60 gr di zucchero semolato
  • 1 cucchiaino di pasta di vaniglia naturale o semi di 1 bacca di vaniglia
  • 1 pizzico di sale
  • 2 tuorli
  • 150 gr di farina 00
  • 60 gr di nocciole tritate
  • 50 gr di zucchero semolato + 25 gr di zucchero vanigliato per la finitura
Vanillegipferl3-1
preparazione:

Amalgamate il burro morbido con lo zucchero e la vaniglia utilizzando una frusta elettrica. Aggiungete poco a poco i tuorli e il sale. Aggiungete la farina, le nocciole tritate e impastate a mano. Avvolgete l’impasto in un foglio di pellicola per alimenti e riponete in frigorifero per almeno 1 ora, o di più se vi fa comodo.

Trascorso il periodo di riposo riprendete l’impasto, prelevate pezzetti da 10 gr ciascuno, formate dei cordoncini e piegateli a formare un ferro di cavallo (Nikolas consiglia di non assottigliare le punte per creare la mezzaluna perché in cottura si bruciano sempre).

Allineate i biscotti su una teglia rivestita di carta forno e infornate a 180°C (forno preriscaldato, modalità statica) per 12 minuti.

A cottura ultimata estraete i biscotti dal forno e passateli ancora caldi nel mix di zucchero a velo vanigliato e zucchero semolato, il calore farà aderire lo zucchero creando un bell’effetto innevato e piacevolmente dolce!

Vanillegipferl4-1

san sebastian cheesecake

cheesecake mix 2

Questa cheesecake ha la particolarità di non avere la classica base di biscotti ma è fatta solo dal ripieno a base di cream cheese,  rimane quindi molto delicata e perfetta anche come dessert in abbinamento a un coulis di frutti di bosco. Volendo si può fare più alta, io ho utilizzato una tortiera da 18 cm, se volete potete raddoppiare gli ingredienti e utilizzare una tortiera da 20 cm per avere una torta molto più alta. 

CHEESECAKE2-1-2

Ingredienti per una torta da 18 cm di diametro:
  • 325 gr di robiola
  • 200 gr di panna fresca
  • 90 gr di zucchero bianco
  • 15 gr di maizena
  • 2 uova grandi
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia in pasta (vanilla bean paste, no aromi artificiali) 
  • 1 pizzico di sale
ingredienti per completare:
  • 100 gr di lamponi
  • succo di mezzo limone
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo
  • 100 gr di more e mirtilli freschi a piacere

CHEESECAKE2-1-4

preparazione:

Preriscaldate il forno a 220°C e rivestite con due fogli di carta forno uno stampo a cerchio apribile da 18 cm di diametro facendo fuoriuscire la carta di circa 5 centimetri dal bordo perché la torta in cottura si gonfierà parecchio. E’ importante foderare bene la tortiera perché l’impasto crudo è praticamente liquido e se non foderate bene potrebbe fuoriuscire dalle giunture della tortiera (soprattutto se non è nuovissima). 

Lavorate con le fruste elettriche o la planetaria con la frusta k la robiola con lo zucchero fino a rendere il composto cremoso e uniforme, poi unite la maizena, aggiungete un uovo alla volta, i semini della vaniglia, il pizzico di sale e la panna liquida poco per volta. Mescolate bene a bassa velocità e non preoccupatevi se il composto è liquido, è giusto così! 

Versate con cautela l’impasto nella tortiera foderata e infornate. Fate cuocere per 50 minuti. 

Trascorsi i 50 minuti estraete dal forno, la torta sembrerà ancora liquida ed infatti è così, non tagliatela per nessun motivo! Diventerà soda con il raffreddamento. Fate raffreddare la torta prima a temperatura ambiente e poi tenetela in frigorifero per almeno 12 ore. Solo dopo questo periodo di riposo in frigorifero la torta sarà pronta per essere tolta dallo stampo, sistemata sul piatto da portata e servita! La consistenza della torta è cremosa ma soda, delicata nel gusto con una nota caramellata in superficie. Se volete accompagnatela con un coulis fatto frullando 100 gr di lamponi con il succo di mezzo limone e un cucchiaio di zucchero a velo (filtrate con un colino per eliminare i semini) e aggiungete more e mirtilli freschi. 

cheesecaKE MIX 3 BRUTTO

CHEESECAKE2-1-3

 

Crostatine estive yogurt greco e lamponi

crostatine 1-1-2

Oggi un’altra ricettina a base di yogurt greco con vaniglia e lamponi, una coppia estiva vincente e dal successo assicurato! Le crostatine sono composte da un guscio di frolla integrale al grano saraceno e un ripieno di yogurt greco alla vaniglia e miele, decorato da lamponi e anche qualche chicco di melograno e pistacchi per un po’ di croccantezza! Sono ottime anche con l’aggiunta di fichi freschi, perfetti insieme ai lamponi!

crostatine 1-1-3

ingredienti per la frolla
  • 100 gr di farina bianca 00
  • 50 gr di farina integrale
  • 90 gr di farina di grano saraceno
  • 10 gr di farina di mais
  • 100 gr di zucchero integrale o muscovado
  • 100 gr di burro freddo
  • 50 ml di acqua fredda
  • 1 uovo
  • un pizzico di sale
ingredienti per farcire:
  • 500 gr di yogurt greco 0% grassi
  • qualche cucchiaio di miele in base alla dolcezza desiderata
  • 2 fogli di gelatina alimentare
  • 2 cucchiai di latte
  • 1 bacca di vaniglia
  • 150 gr di lamponi 
  • fichi freschi se vi piacciono
  • chicchi di melagrana
  • 2 cucchiai di pistacchi sgusciati e tritati
crostatine 1-1-4
preparazione della frolla:

Mettete le farine, il pizzico di sale  e lo zucchero nel mixer con la lama classica e azionate per qualche secondo per amalgamare le farine. Aggiungete il burro freddo tagliato a dadini piccoli e azionate nuovamente per qualche secondo, poi aggiungete l’uovo e l’acqua fredda un cucchiaio alla volta procedendo con il mixer in azione pian piano finché non vedete che l’impasto tende a formare una palla che rotola all’interno del mixer. A seconda dell’umidità contenuta nelle farine potrebbe avanzarvi dell’acqua, quindi procedete poco per volta.

Create un disco spesso con l’impasto e avvolgetelo nella pellicola per alimenti. Fate riposare in frigorifero per 60 minuti.

Trascorso il tempo di riposo, riprendete l’impasto dal frigorifero, reimpastatelo velocemente e stendete l’impasto con l’aiuto di un mattarello e un pò di farina integrale da spolverizzare sul piano di lavoro. La frolla dovrà essere spessa circa 3 millimetri. Foderate i vostri stampi da crostatine o se preferite potete realizzare una grande crostata. Io ho utilizzato gli anelli microforati che garantiscono una bella cottura uniforme. Dopo aver preparato i gusci di frolla sistemate un disco di carta forno all’interno di ciascuna crostatina e riempite con i pesi di cottura o dei fagioli. 

Infornate in forno già caldo a 180°C modalità statica per 15 minuti circa, i bordi delle crostatine dovranno dorarsi. Estraete dal forno, verificate la cottura ed eventualmente prolungate la cottura di qualche minuto. Fate raffreddare completamente, quindi eliminate i pesi o i fagioli e sformate le crostatine dagli stampi o eliminate gli anelli a seconda di quello che avete utilizzato. 

Preparate il ripieno: mescolate yogurt greco con il miele regolandovi in base alla dolcezza desiderata, aggiungete i semini della bacca di vaniglia. Ammollate i fogli di gelatina in acqua fredda per 3 minuti, fate scaldare due cucchiai di latte. Quando la gelatina è morbida strizzatela e fatela sciogliere nel latte. Aggiungetela allo yogurt greco. 

Versate la crema di yogurt nei gusci di frolla, decorate con i lamponi, i chicchi di melograno e i pistacchi tritati. Riponete in frigorifero per almeno 2 ore. Conservate in frigorifero. Buona merenda o colazione! 

crostatine 1-1

crostatine duplicate

 

 

Quadrotti crumble yogurt e lamponi

quadrotti2-1

Ho fatto questa ricetta che ho trovato sul Sale&Pepe di giugno e l’ho portata al lavoro per raccogliere feedback: ebbene, sono piaciuti a tutti! Perfetti per l’estate, questi quadrotti con crumble ai fiocchi di avena, yogurt greco e lamponi sono facilissimi da preparare, non richiedono attrezzature tecniche o particolari abilità, hanno tanto buono yogurt e si gustano freschi a colazione o merenda! Li ho rifatti già tre volte perché anche Marco li adora così ho deciso di postarli per tenerne traccia sul blog! Grazie Sale&Pepe per la ricetta! 

Ingredienti per 1 teglia:
  • 125 gr di farina 00 (io ho utilizzato quella integrale)
  • 100 gr di fiocchi di avena 
  • 16 gr di amido di mais
  • 100 gr di zucchero di canna
  • 30 gr di zucchero semolato
  • 1 limone non trattato
  • 1 bacca di vaniglia
  • 500 gr di yogurt greco 0% grassi
  • 300 gr di lamponi
  • 110 gr di burro 
  • un pizzico di sale
preparazione:

Riunite in una ciotola i fiocchi di avena, la farina, lo zucchero di canna, la scorza di limone grattugiata e un pizzico di sale. Mescolate, quindi unite il burro freddo tagliato a dadini e impastate con la punta delle dita fino ad ottenere un crumble ovvero un composto a briciole.

Tenetene da parte 140 gr e compattate il resto in una teglia rettangolare o quadrata da 20 cm per lato rivestita di carta forno. Dovrete formare una base compatta come se fosse una base per cheesecake. 

In una ciotola mescolate lo yogurt greco con i semini della bacca di vaniglia, lo zucchero semolato e l’amido di mais. Versate sulla base preparata e livellate con il dorso di un cucchiaio o una spatola in silicone. 

Distribuite sullo yogurt i lamponi e cospargeteli con il crumble tenuto da parte. Fate cuocere in forno già caldo a 180°C modalità statica per 40 – 45 minuti. Sfornate, fate raffreddare a temperatura ambiente, quindi riponete in frigorifero per almeno 2 ore. Quando sarà ben freddo potete tagliarlo a quadrotti e gustarlo! Conservate in frigorifero su un piatto coperto con pellicola per alimenti. 

µõ¿Ó%ƒë+%âl°;üò£Ê4Ï1ó}½ÄwÂX‘”¨¥ˆâÍN
:m—@X¦R‡4“FÔ'“pH•I µO-¨Tý×8eQcrLâUu¸³“Ò‚È5ìnhÄð`1ìÌßgy$%iɎ&4úÈ~cmsHŽYYI£Ó¹?Ë^ƒ7Q•‹t²iG»7Z¬¤‚3é ö]¿^cÈÙfv°“L
ƒO7hKw%©¸	,@4œ¶
¤lIðí•ø±¶ó§˜Ôa’zÈÂX~#}é†|cšâËÁiܺÚ_Üê|¦7ÉjõFd12Ð xéQ¿e²ŸÛtrFžgåíSRÒ¼É"ÉÆ8Õ%õ-Y¾)9 ]¤}ú.@ì)ÙdÀ%!¸f×BÊ=9渍È1À‰**…6Z·Å˜ç›Ž90/.éòkZâËtÌ WÙjÄԁ™0Ø[DùÓØ4{m쁃Æǒ%z
Œ²É¶ãˆ•.‡ÅÄSzb›Rµ°¥hiZøbßÿÒâ½åÄz›sf•P
©Qˉ۷:rʌ@;9`ñlþK5Ê‡„’?&õ®%R6p C~JG|¦GtE,Ñ4ù4›k›û’VÊykR]yüAöBò" õÉq¢™=óAyå™.AõÐ	‘WÂ]~ÊÔÿ/òaâ݁ëºæ¡~,VX$åh}	Ìl$VN‡–ý>Îd`9qÔêÍ|·¤
+ËCQ¾ÔmßIԙEºÅ'&‚í·ôåWZE#©‡žW–>LâGÍ3Õ4&Ž.R'…SÒ*̌_z„§>,Å$‚€ašÌB4”LD78ª-Q°<X×öTòrìrH‘ƒ^O-¥ðhæ&@WáøÇÂÝ<kÿ
–ífÁ¤É$T”½=8Ù&Œ±w_ÖVd-°@—¥þLk“Ç|Ú|©Á$
væTn¡È,(wjÔñÄո‡èžX¿–<đ܈c’Hžªå@‘
?3,T·iâž=­æ}Ix¾ Úš[Þ݃õU”ñfa촱ʧŠ-˜ç:â®(„»EògèëqnÒ«4ÛsMö‘5ú2!°°ÊäÌDEPøQ?WL.`Ǽѩ-µ©AöÈ;w¡Ä É›âbjw8±·ÿÓ柙:µ°^p²¼ˆ rfoÚ«‹NGìæ8“•äÃ˞f·»òüveR[©WÒ¸ÈöHÞ»má‘ɱ •ùÃÌqÚ-œIꆒ O15jsûWÅ —Cæ+˜ì§··•îVáJœQ T 5<†Zi³Ãš{å}f[—½d0€Ê©,Jc¤jxðRE§/Š¿iW%{5Ôn‘Ò®|éDï5´œ¨:DjÉ)sðJüäE§ÅÿlD¸EµÎh²½3YŽÛX»Òî¦u’áù˜d
"ºˆÍAøÈ?Ùl ¸O0ÇM¥§˜/¯.çŠX'eà:O†‹ÄŸSù¸ý¦.,ø˜áp¹(~D)ñd ofR‡‰ØßK/¦³1ÂôÿWâʸœÃ“¯VE¯ÛI¦ú—745…ƒŠ#CHÅhxjÍñ?ìä.ËP=ÌsÌSÜOi,sBEÔ°ýa⌍Ì*2O„¯“ã&ÓÊ«=~DÕjÇ}¼kÉÂvpµ4e²l©úžµvèÝ%´$-Á,…[ÃÔÌlÒ²ìrŽF=Ñÿty:Îk{Y^^¯#T×áZô¡÷Ë1ƒN8í_Í
½³3ÐÇ&=«–3·”ëš«^ê;#&«òIžíƒ§nØ£gÿÔæóù³YÕ&wÒ,‡©3˜§!ƒ;òñ^h€œÆéØG“½Žm.ôB%Ü,&¢uW"†›Óâ­rA®T!Ð<«}®4¤[C%YÙ¾'5Þ¥›$!mg1ŽÏMÑ.ô‹89z"éØq]¹Tž›|3 6k$îšK%¯—ô«¨Â$+ñEãÁ+V~'¾@æ¡Eœ1ñLRÓTÓtýõXĐ¥ËÉ[7䖎ޙøx¨ýž9ËnQEŠ[붷Åì6Æù¦F*¨¡xQªV”g‹~ÖZ
X
¹ð£´E×n [[X[ҌÖÚÚ2V8ËV¤ÈjOÚýœx-2ËùÿIçï&ÝY~_jwäFñMÇc`$•A$š–cŸqe—Š^O-ӆŸFÊ$vä7ØlùL¸›áÃÜÉ
o~¿X¯Ù[ƒqÿžLÜÿÊÉéãR°ÔÊàv{êÙú7ÒÂaÈ vÌÒëBG¯ùsQ¾7S,¯, G5¬aJØS—a¶Í^Y“.NÖ1öïkM´¿ÌK”¼ÔôÿÓI±ð^.C2ó,}Bâþ#ˆŸ¦+¤Ü­Æ‘¨«Ì«r—
‘B	ÝɸUäMÕp˜Y
¹%ÃÒôC˞P¸Ôf¨ôã%T
’ÄQvùõÌÂDbë±c92_&h—SًíFåäšG3Z(4Cꝅ'Ãùsí°vZ™Üªž…¦ÛKnUï¡qB×W®Î½•öZcâìßñå!_ҊAò£Zy§êSʓ¼kÊÉöA#ìŒÈÄ.·$MpòzfµsDº`¤[)ê
Sù·Ûc¶Uª”‰rc¤…$'–ß֌Ãîãµ
Èðò­ŸŽ1fÛÕ»&WxlË6áV¦»v̆5»Ì5K®sÍ-kɎÿ,	,Fþü¿*l|ûâÖvdšåÄ×PÏs+Ç4Šã³^ƒîˆ7Y·ÿÖ"×ü篧,`bMà4H(®åˆnŠ¹‰är`Þ`ò½ÜzÖ/îc辌|XLÕ¥Àý™|4®[{·	Ø1ïCyXÈÖб/4%ªH»SOöXdÔ9={HM=ï›P–4žâÑb‘GÙ©ãÉGnKïör’J‰P¤GšÌ’i“N-¤–ÚÝÒ]Sš†j…FÜõªô
%x©äW¶ºÄ3-̇™øáæԐr4	©†k2Á•×ù{«Iq¦[‰™£ñxÓõœÈ„¬8¤ØEê§~™hk|íÿ93æˆõ_9YyzÍÌ°è‘:¦õ¹šŸ
í*ø|§,›ðG«Óî.í#Iٝ"ôcZ!¤?îµ=nßŘrósã·&Qä­'ë~h‚(ÑÏ¢W›Lk#¥ŸjrÌÝlۇ¬–ÔúJÚÁ'ÓZÒqD}…Ù#£‘Í”ãaփLNâÞâÆ領QõìGb>y‰M¨Æ™nì~§"©BkȊúåSÄ%͜2òV·Ð<º±M<âa+Ѝª˜0m~?³•eÆ:ìyO{Íõ¨í¬.’Ò mÖ³¬à©yX–iûÔâ+û+û?bBRg2@KšP7O©Ç
ãÅÊþî`Ôe]χ÷dŸ³ö~×Åös"9X…rٚhšJÙY$QþòG&IæîÄÿAðå­À"üÇt¶úêú=»Z›9Ö)$šmO›UJ¥fk“'³”t¦TE(Æm5}ë—òÇqs%ÅÇÔÔ}¸ÕÁnO„‡àÿ%r34h)‰¯&CùM=Ǩ!qÆ6¥	ñ̌gg_˜Qz—™<Ûaå,]ù‚íÈ1!ŠÚПï'©TT¯óø˜Ûvª½Ÿ*éažç¸Õµ7&òG{©nc@Òú²ð¡cEؕû+˜yx®ÁÝØbªá"Âm=§—ÌO5•ÑG·	3£’»
‘%Hø˜|9÷ÝÉ<Jü˜òó”}Je"IH*Äoöªßi±ðÅÒjgr{d ª@è|:¾ü¼8å«ivڄ…š1XäE{òNW8Zc*bOo=¤¾œ¢žnñ(,Õou»}+N’öàrHéD¡<›° ß1õ8cmú|Fr§šêún·æ/0\Á'Ô´«•^@̈@,ŠXT1a˜ð‡iŽþ&Ki¢Û,ѳ)’PEe‰ŽÝIþ™h,bÉÂ` ‘EU…yúùš%´R@êø”y¼¾þ)fžÚÊÝyÜNÀ*Žåyʞ¿åÏ/iú.™ºÒ¨åj]AظŽVõ-É-ÁKš•e!¸PñãOÚÄOjlqc‰¹_Íeú”u‰´å´xÀŽ-5ÇESû)þ8c«VmnþŸK*Ñ*,¢ZJ8£Í|*Jô$´®X1z©Ë™d’h~[ò¶.­,vv6ËÎIœøtŏl°
q‰%󿞿3&󗘒Iàã¡Ûi!#Šši
Waíð/Ãüً˜™rs0G‡šôš[‹Û¨¤…‹pŠF·!à­Å¸ÿ)#1<I¨9¢¡Fh,šÖ£…¥¨C)¼”9QÎÇØõs/MŠ@¸Úœœ1§ÒÞ^ÒbÓ´´Š5Ú5 Xƒí›<ÜUéuP Ñ–í©¯Õ¤#±©ÿ“Û%,Ñ¡§”’KZúÔ^”Vʛ“ÎB
ß é÷æ>LÀòN=!êXèŽK¥•fun) MŽÌ|sFÜÈcŒy# ƒn
DNÑ Ûoiß$Â#XÆÔ
6§l4i©j	d·Â{WÂóÿ3ÞÇê¼äò,(p2,[@Ôôë=JMRñ¹K”¶‰EZ§í7¶Ûe°rNÊÚלuM]ɵ³5ª)ø˜”rîm"4‘ýNFª1
P<)·ÿÑ"Ñ<ii ‡SŠK[…ê²­ü˜m’Œ@D¦KÐt,XDŠa
ÃÄP倢K&´ÓcŒ

a¦6¬4M<Èe0 õjN4ÄQÙÛGöT{Ó1/8~mùCË	,(ÔõdiÖ¬¬Àöõ¼#3Ë!<‚<Û!ŽRäù¿Î˜ždóž¯Î¬álâoô}6*ú-z‘±’OòÏû9DçnV,|%}¿”íî {Ý6už5©’Ýþª:„N§1%”Žn`Æ
ë[Mfù,Œ-ÜÊ"°Šc
žõ«vöËqcñ
¬¹8—¶yË:W–lb{©Q.Xr`wbFý:œÜDâ]L¸²•ËæPǕ’7müO_Ù
Å©Nç+ñÎý[#¦¾{%7Ww2ɒre™¸»HzPmð­µ2ƒ-ï½Í†06îU1C
íô'oÀd[Fè)ôÄ»µv²š·JႳ
Nª@Ød)‘$Õ½Y­âÄvàŠp½:ì0Ó$:ÎÍVGbÙ ÜûãI´Dú¼ˆ©ºó¸4݆ۧÑÃ~æ9æ©E³¢Ìþ¥ä¢¼k@Ë
Í<Å©7.54ïîq¯$©"´ŽiÛáê|zeñ‹&Ò´XˆS3UºÐïò̈Á¦RdqÚ±ª ØÓ-¦»ÿÒçù™æý'UšÒÞáÖÕ°½Q<Cméê|cý‹ñÊÄäodÈô¯Î=HÁ4×Z
›¬}I­å–ßvØ|4‹ß¨®‹ù[êŠ_ùÈEHÁO/9oyð×þ¹gŽ;šÿ,{ÂTüýóz@­g¢YÚ4‚±¼ÒËphFÍnj@ï±ß#ù€Ëò§½Œßù·óÍÚEä—Z´±Ç	´³¥¼lµ4‚²©âk_|˃ žG#zkO‡a¶ÖÿÿÓKò~ªÂ¦ò.KÀˆ¸ý¤#ìî7}òf6ÀH†	qåKF°ÔRÕ½{{¨ÂýVEäÁÔücŠ¶ÄýœÆž-ì90͵%™Pë³ {å&Ð(²MF1¨yzÍÒdyìvæ€HёöMOÛZ|'ýØ¿åe`Ñm"Â]¡Îtë±z!õÑTóÛ‡8ÛcÄÕEpÈ^ÈnŒ¶¸··óÇúØgæÕVÑ@A«Úé
9ž	RV%-’cpQGÁ`•åOŒðþ_K#õK}bÂâ­${«—H™â¦!ˆ¨#âˆÞÏ"·oKúœo¦[Ú³±ŒÆ3lÌH©-ÓÇ|ØDmL¸wI§’ÒÄRg·LiL‰ÝkuÓìãâXwzvșQ‰)&¥ù³¥ÆU!”1]€jýš|¶ÀdššMsù«%і奵´B³° {Õ7ޙ6"Q“/ÏPꖖ±Z·©}4‚/Lü,rjÙÃÄÙ)ܺEúÈ·„›EVà¿d7e'g²G¨êØAt¬A•”HìzŠî|ñA/£FºSÅ|)„!4њõKúmêE”õ²üYˆiž;eqkיâÔÝIÜfpÌ)Å8ËÿԓÉ1$MEu.ÇûÄßv_lµ¥.½Ð⹈†]ܕIIû‰Ûå¶
M°­wÉmÛ}¶Žâ0^;¸B©Û®æ¡¸ÿ•”lŽBô>M¿–å¾·¨MÎy%¸Ud_¢Óß%OŽI–¢aè7åO–„²½Üǧ6g$ûŸFdø0€ºqÎiËkN¯ô‹
.õ’Æ«ˆ‰Ö4ñWq°ä͘ڝGðÅ¿/â’S5æºoíl'¹ôl‘`U**—ûd|$ӯŘ'«—C¢Yuæ]>ͯKaqªÐ^’§ÕŒ+U+néUêy+.2™ðógwO:¸ó?™®îe¸vêß»–P*H5
d9Qˆ;ÿ|Emü/¡tMb-KËi¬
ðx‡ÃZ•ee?&Û6p•‹qòPó÷Ÿ|תC©»[ݝæôL׎ó°ø¦VZšx®Ãl¬L‰y0ÂM®Þ[]N¿V¯½hGѾZK“l¯¦jQi×wvï/­B$‰øºTM°lÕEè?’ÞGžÿ[·ÖåJYiü¥¨èÓ2@¾?’ßËÇ1fÛ/o7¥y¢xÖñ"¸q¤jY‡sݏ¾ß
å­½/«Ãüç®Í{q;Zô~m$Ž¤tRö"ƒ*3×.I[Êô.¾¿%çÍHb¥IùW¤æëHÔ¬"‹ÕEäéËÓ¨`iàGÙÀE,MòR‚9®âWHŠ¼d?N@wö*zb©í¤¶„ÏI6bzOC풶*òKj—âïBürL©ÿ՗y½Ò§JM+Qür֔=̲Kú|*vwÛðÀ”¶âÉjë Ä#=š”^Tû!°&З1ۉ¸õk@ý’´ä×áÅPé&©asš|Å#Wj²3rV¡îÃ)ȊµŒEÚAóC­jº‡˜¯
Ïr+nhC»QÌJ쵘’»ÝÉ@/ùƒæY'¹†{’;kfÖUe,j¼jê+ñoð®SÇiɎ)DYc–WÎY./=O¯­ÒVENOFø[—¿üm•J=ܛAïM[ËÚmý×?PYoæŽÊ%%œ÷â´C÷.@ªÙqGŸ'¡y~ÃÌÚWåÌö:­ Óî#iL0‰äôœò
 RÁ¥¾Y³„LcM1ÉOgù[ÉZ'™'Ô¤Ôã–òòÑÔF¢fn	Ü-	«a%´‡÷®êcZü$+‚ô$qLa1A	Áåwp±
`´ýšxPe£mšŽû¢àÔ/®d÷“H_ˆšñö値R}jg†Ê9BRòû8­B?•†XÈZuk¦
ERkr .žn»5v?FBÙRyú7O;ºß´
ÔxàÝ_ÿ֔˜eú荀X_”‘ÐԁQ¶Ý÷¦XÔ«vm–¿X ÏFôÑw¡ë_õ±BUwõ‰Ð ¯Š1е Ÿ
`J]4@*À•ó¸.àûíŠTþC…|u;ö4À–3æÝetØã1½´×Q‚Å%£Ð
¾Þ¤ššœÅ͐Â-ÌÁˆ×cÞYMÿUˆù…“‡y%µ½E UVƒŸ^çÃ˜ü"ùšrl£¼­ä›ÍzêQjގ‘q©Lø@_÷dì¿î¥?í·ó[‘òjɘDIíÞLò›¢Û•Ó 6þ¨çPš{qOçz	¿ÃqEþΌäàNd›,‡WÐí$Ñ®mãã2f}úu©Ã.LðΤÃõï*]ØiñÇ¡/ ­u«ÝÆJ<¡¿tˆNÂ8——ÀJòÌLs׎DÏéþ¯Eó'˜ßN´Ôi¨%ÌÏ
Gá?îл3£‹-ñk›‰=<xˆ…•yoÏÚ&ª_NbJ[ᒕ§ùÓ$$DðN"ú3«[«~!¹±!zWùEXÇÝåpó]Ì÷¦ÂÕk5ÃzQŠ“ñ;PtùåR;»	v±ùwfá‰ý#ÈÄ𕁫sð$÷ÃÀ'_â›Ý_ê:Ž™æ6©ŽHY‹[¾Ç„´©V¡ªš|/•F<ÙÊCe¡SÔ[êÑú9¬k·
éAöŽ	΃(Fù¢oÐÃ{ssh~$²¯Cé€9}‹d v÷²—4ÎÒùµVvSê¢ò¢Šü4­I4ÀlYQµ{hýX©"žP×®ûá€ìÈ"-SÌr[£ýVÁJ^„ŽÕÛí³d­ìÿÿ×:mB{yŽÊìd{Wgä%T“CñöËHR·¹
ÞHÿ±êj)¶I„pñäŒôIFÔS¡û±TƒSÿGyy©XæýÙ¶]èiÔ7‰þlJ„¦þ[Hbž*ü¨g$u
	¦U’T6mÇ,[&úàÝ,³ÛD$à’_4‡~¹3esÊ^Rþ«ž":ìŸycȇTԝ$»coñ_ÞCnjkû(µ%Œ®~Êðÿ+örXàdj©†L¢#Íîþ^òõ¥µ­º­¸·³·³²Ë¿óÊÿiÙ¿k6q:ÙH’È…:$±b¾}Õþ«eõX܇
.e	¹áT+û.Ã1s΅9zxù¯,5]y§Êk,	ª5ÃÅ<iðqAðŽ´ûa~þVc˜›øDJOä‹ïP.‰_W¤åvÎCeéó®¤vjú¯ÈÔ÷éü2ÈS$çÌ¿—ú_œ4e·”u8->ø
Õ¿‘ÿš'èËÿd¥c*/v›F¼ºÒ/"6ڝ°1¸ëÂq piUáNö—0gŒÛŸ	ŠrS-Áªž@](Þ¡Æ}ö<—$€7Öz7š%}=9hÓüOϖB#mÙH²«}B(ù#Âwz27ZoØåej=;V˜4¶×(ݑ(NŎÿO˜;5˛ÿнÝÍÄSÌ
†UêI­+_
«L›Z¾hÖzœÖH®`IHUر+ÈR‰°ûX¡‘Ê!ŒñJH7ãd°ªI«ªefî#ӏaȁC_£CÎ<Û¬ê6–vHÞé…eEýé@à¬~ʖ#eþlÅÉ)næb46Ilt¡-徛g™$¯ÄÌç­+âí”û›½ï üå[}:Ú==í[Õ½qþî»`+SÝaf~,|"~œFٟ°ËSM*F…˜Ð¹He”Ešy˜¬ãÕ$֞I˜MqWO¼(¡ÏAEø³[âq›vӗ#ü/¿±¸Òµ‰ôiÅÆ9ÒpÒ?¨(O%ûEhs/°Ày§¾^Õ#òíãYÀë*üK%ð™Ñ€4'qÆ64ÿc’8ø†í–êš}ä±ëÖñZÍqwvÞª^ XÚç—ìµ»*1‘(¼¤û³€Â";0“»¿å&¯tÞ¹¹S+Rbj¿hŠåà2#v쇧s2Ò´ëxíàë¢É¡[‚‘‰¯@Ût8<J5MG‹M<·}gq0¯îûÐò-€êÓ1OTÑeˆ*€jC—4Óÿœ‚ò:Þé1ùÂÆ:^iÀG©½±;Hʅ¿á9df/vxå[<{J–{ˆãtRïQˆÚäh¿Žù‰9¹£õM.k+%µ2(šô<ÐÆ:¬(AëÿIör¨LÈß@Û8ˆìÉq@ Í¬mŹ),•#–Ä°¯†%*•·4ú̊E9/Tö¡?<IPYæù _4ÛY/îíIšìXà¡2zcÅê˘2â;ôv1ầÿ“ºp¹Öµ
bQÏê
¿ïؑúÿ<òÌ1³îjÎj5üç¾é¶ÂÒÚs¼Ž†Go¯Å_¤æhpKÖ?0u+o6Ë¥YÙ%Οl…gœY§7¦
B§w-Ëùr™ä¢ì#¤‡ƒÄO¬ÿôPQþgù_ZV´K“æci‚Q–½:ˆû-Ç+‘Z†@ØHuëmRÆî
J"/ìbaê[ÅSê#©RÅ?›ÊüqÈ%±Ù†é:
ùŽïV½“ŠÉ$ŠlíYB´FœXoñÑ(?—#L¤)RãB±—L»¶·•Ý´Pk2£*FÔ,8Ôó+û,¹/¯…,Õ/ŸHµ7vó+›¤h`PG®ã‹ºP’Ub3İݲˆXæ€,bÕ¬£ºãè@ÍÁx;d“ÙewKóV¡4eЙÖ)83ƒo%§Ùù?Ťȃõ֑u¤ið][^ÓRyVÑàU‰g(­E­#ýl¸JÛdc.aêzMטtÈR;JæTE2•%´•›ÅɊ•‚Éôß:ùsWI4köôÞú6‚[iTŽAÁVû9dsDìãˀ·ÏQÜ¿–5Ë­"´–’ÏoëÛâap}¢(ÏÚþfË)­k©ÜZÙª×Hµ9X±½¥Ò_M¢FQõyÇ"ê”d‘€W

crepes con ricotta alla vaniglia e lemon curd

crepes4-1

Le crêpes dolci sono una golosità super popolare, ovviamente a me piacciono fatte in casa con il mio metodo che le rende belle soffici e spugnose, adatte a ripieni succulenti come questa doppia farcitura alla ricotta e lemon curd, freschissime! Ho aggiunto una manciata di lamponi, qualche fogliolina di menta e una spolverata di zucchero a velo per completare il tutto e portare in tavola un bel piatto di felicità!

crepes6-1

Ingredienti per 4 crÊpes:
  • 2 tuorli
  • 2 albumi montati a neve
  • 200 gr di latte intero
  • 100 gr di farina
  • 30 gr di burro fuso (+ una noce per la padella)
  • scorza di 1 limone
ingredienti per farcire e completare:
  • 1\2 barattolo di lemon curd Wilkin & Sons
  • 250 gr di ricotta freschissima
  • 1 bacca di vaniglia
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo
  • 120 gr di lamponi, foglioline di menta e 1 cucchiaio di zucchero a velo per servire
preparazione:

Mescolate gli ingredienti per la pastella in questo modo: in una ciotola riunite i tuorli e il latte, quindi mescolate con una frusta. Aggiungete la farina, la scorza di limone e il burro fuso e mescolate con una frusta elettrica o uno sbattitore per evitare grumi. Aggiungete gli albumi montati a neve mescolando piano con una spatola in silicone dal basso verso l’alto.

Preparate la ricotta: in una ciotola mescolate la ricotta scolata dal suo siero con i semini della bacca di vaniglia e lo zucchero a velo.

Cottura delle crêpes: con un pennello in silicone ungete una piastra per crêpes o una padella ampia antiaderente e quando è calda versate un mestolo di pastella facendo ruotare la padella per distribuire la pastella su tutta la superficie. Potete anche utilizzare l’apposito attrezzo in legno per spargere la pastella. Fate cuocere a fuoco basso per 1 minuto circa, per capire quando girare la crêpe scuotete la padella, se l’impasto si stacca potete girarlo e proseguire la cottura di altri 30 secondi, ma regolatevi comunque in base al colore che dovrà essere dorato.

Impilate le crêpes una sull’altra man mano che sono pronte. Quando sono tutte cotte potete farcirle spalmando un cucchiaio di crema di ricotta alla vaniglia e sovrapporre un cucchiaio di lemon curd semplicemente facendolo cadere del cucchiaio, non c’è bisogno di spalmarlo. Chiudete le crêpes a fazzoletto o come più vi piacciono e componete il vostro piatto da portata. Completate decorando con lamponi freschi, foglioline di menta e una spolverizzata di zucchero a velo!

crepes2-1

crepes8-1

Donuts al forno

donuts1-2

Facilissimi e di grande effetto questi donuts al forno sono la merenda ideale per i bambini ma piaceranno anche agli adulti, soprattutto gli amanti dei dolci lievitati (io ovviamente!)! Super morbidi, profumatissimi, e cotti al forno – quindi anche salutari – si possono fare in versione mini oppure standard. Io ho ricevuto in regalo i mini stampi dalla mia amica Laura e devo dire che sono venuti veramente bene perché lo stampino consente di mantenere la forma a ciambella anche dopo la lievitazione! Se non avete lo stampo non preoccupatevi, vi basterà un coppa pasta tondo! La ricetta è di Enrica di chiarapassion.com, seguitela se vi piacciono le ricette golose, semplici da realizzare e di grande effetto!

donuts2

Ingredienti per 16 mini donuts oppure 8 donuts classici:
  • 225 ml di latte intero
  • 1 uovo a temperatura ambiente
  • 60 gr di zucchero bianco
  • 450 gr di farina (metà 00 e metà manitoba)
  • 7 gr di lievito di birra disidratato 
  • 100 gr di burro a temperatura ambiente (“a pomata”)
  • 1 cucchiaino di vanilla bean paste (semi di vaniglia)
  • 1 pizzico di sale
Per la glassa:
  • 190 g di zucchero a velo
  • 2 cucchiai di acqua circa
Per decorazione semplice:
  • zucchero semolato
  • poco burro fuso

donuts3-2

Preparazione:

Nella ciotola della planetaria mettete l’uovo, lo zucchero, la vaniglia, il pizzico di sale e mescolate. In una piccola brocca fate sciogliere il lievito di birra nel latte tiepido e quando non ci sono più grumi versatelo nella ciotola insieme agli altri ingredienti. Azionate la planetaria a media velocità con il gancio a uncino per impastare e aggiungete metà della farina cucchiaio dopo cucchiaio. Aggiungete metà del burro morbido “a pomata” poco per volta e terminate con la restante farina e burro. Impastate per circa 10 minuti, il burro dovrà essere del tutto assorbito e l’impasto dovrà diventare bello morbido, liscio e incordato. Spegnete la planetaria e terminate di impastare sul piano di lavoro con le mani unte di burro per conferire all’impasto una forma sferica (il termine corretto è “pirlare” l’impasto) quindi riponetelo nella ciotola della planetaria. Coprite la ciotola con un canovaccio pulito e inumidito. Fate lievitare in un luogo tiepido per circa 2 o 3 ore, o comunque fino al raddoppio.

A lievitazione ultimata sgonfiate l’impasto sul piano di lavoro spolverizzato di farina e con l’aiuto di un mattarello stendete l’impasto in uno spessore di 1 centimetro. Con un coppa pasta tondo da 7,5 cm di diametro ritagliate i vostri donuts e con un coppa pasta più piccolo (io ho usato lo stampo cilindrico per fare i cannoncini)  da 2,5 cm forate il centro.

Sistemate le ciambelle su un paio di teglie foderate di carta forno e fate lievitare ancora 1 ora, i donuts dovranno raddoppiare in volume.

Accendete il forno a 200°C modalità statica e quando è in temperatura infornate 1 teglia per volta. Fate cuocere 6 – 8 minuti ciascuna teglia. Sfornate, fate raffreddare e glassate intingendo ogni donuts con la glassa preparata mescolando lo zucchero a velo e qualche cucchiaio di acqua oppure spennellateli semplicemente con poco burro e passateli nello zucchero semolato! Che golosità!

NOTA sulla conservazione: una volta freddi possono essere congelati in sacchettini per alimenti. Fateli scongelare a temperatura ambiente e saranno come appena fatti!

donuts4

Shortbread

shortbread1

Ho iniziato a preparare ricette dal mood natalizio: spezie, canditi, frutta secca, zucchero a velo, vaniglia… aspetto tutto l’anno per poter preparare dolcetti che rievocano l’atmosfera dei giorni di festa! Un calice di bollicine e una fetta di panettone, un tè di natale con i biscotti al burro, un caffè con il panforte… ci si vizia un po’ di più in questo periodo ed è bello stare a casa il pomeriggio con le lucine dell’albero accese e il profumo di dolci che conforta i sensi e il cuore! Ecco la ricetta dei famosi shortbread, i biscotti al burro per eccellenza! Li ho aromatizzati con vaniglia e scorza di limone ma potete utilizzare anche scorza di arancia o mandarino, l’importante è utilizzare un burro di qualità, scegliete il migliore che trovate, farà la differenza!

shortbread3

Ingredienti per 12 shortbread:
  • 185 gr di farina 00
  • 130 gr di burro morbido
  • 60 gr di zucchero a velo
  • scorza grattugiata di 1 limone 
  • 1 cucchiaino di semi di vaniglia
  • 1 pizzico di sale

shortbread2

Preparazione:

Con le fruste elettriche o la planetaria con il gancio k sbattete il burro morbido con lo zucchero a velo fino ad ottenere un composto cremoso. Aggiungete la farina, il pizzico di sale, la scorza di limone e la vaniglia e continuate a impastare con la planetaria o le fruste. Quando il composto si è compattato in grosse briciole proseguite a mano senza impastare eccessivamente, è sufficiente compattare l’impasto quel tanto che basta per ottenere uno spesso disco.

Spolverizzate il piano di lavoro con farina e stendete il panetto in un quadrato dello spessore di 5 millimetri. Con l’aiuto di un righello e un coltello affilato tagliate dei rettangoli di 5 x 2 cm e allineateli su un paio di teglie rivestite con carta forno. Infilzate ogni biscotto con i rebbi di una forchetta e riponete le teglie in frigorifero per almeno 60 minuti, o di più se vi fa comodo.

Trascorso il riposo in frigorifero accendete il forno a 170°C modalità statica e infornate una teglia per volta per 15 minuti, i biscotti dovranno essere leggermente dorati ai bordi ma rimanere bianchi in superficie. 

Fate raffreddare completamente prima di gustare. Conservateli in una scatola di latta. Buona merenda!

shortbread5